Il peso insopportabile del nastro rosa

LA Times
Laurie Becklund ha coperto la guerra in El Salvador, scrivendo storie che avrebbero cambiato la percezione della guerra da parte degli americani. (Elizabeth Rose Becklund Weinstein)
Fonte: LA Times

L'ex-sceneggiatore del Los Angeles Times Laurie Becklund, 66 anni, è deceduto l'8 febbraio a causa del cancro al seno metastatico. La metastasi si riferisce alla diffusione del cancro in diverse parti del corpo, più spesso nelle ossa, nel fegato, nei polmoni o nel cervello. Il cancro di Becklund è andato a tutti e quattro i siti.

Mentre stava morendo, Becklund scrisse un opacizzante, pubblicato dopo la sua morte, che denunciava la cultura del cancro al seno, i messaggi di consapevolezza "dolorosamente antiquati"; le rassicurazioni false ma ottimistiche si riversavano sui "sopravvissuti"; i mantra fuorvianti "early detection" che accompagnano quasi ogni campagna di cancro al seno; il danno collaterale dei trattamenti e l'insuccesso dei protocolli medici "gold standard" che raramente ricevono attenzione all'interno del sistema sanitario o al di fuori di esso; i devastanti sconfinamenti della carità del cancro al seno più ricco del mondo, Susan G. Komen [for a Cure], un'organizzazione che pretende di salvare vite ma "canalizza solo una parte di quei fondi in ricerca o sistemi per aiutare coloro che sono già seriamente malati “.

Con 40mila donne e centinaia di uomini che muoiono di cancro al seno metastatico (stadio 4) ogni anno, una prognosi media di 2 o 4 anni e nessuna "cura" in vista, i pazienti con carcinoma mammario metastatico sono pazienti fino alla fine. Ci sono stati alcuni miglioramenti nel trattamento. Quando uno fallisce, un altro può essere provato, se il corpo non è già troppo compromesso, fino a quando non ci sono più trattamenti da provare. Alla fine, nessuno esce vivo. "Il sistema in cui viviamo come pazienti con carcinoma mammario metastatico", ribatte Becklund, "semplicemente non è progettato per gestire il ciclo in cui viviamo e morendo".

Un'abbondante attenzione alla raccolta di fondi, alla consapevolezza generalizzata e alla diagnosi precoce per coloro che non hanno il cancro al seno e che non rischiano di morire a causa della malattia crea una situazione in cui coloro che hanno più bisogno di sostegno sociale, risorse e comprensione sono largamente ignorati . Inoltre, la maggior parte delle campagne di sensibilizzazione trascurano diversi fatti chiave sul cancro al seno:

  • Il cancro al seno non è una malattia, ma ha più sottotipi con prognosi diversa;
  • Le mammografie di screening hanno overpromised e underdelivered, aiutando un minor numero di donne di quanto creduto una volta;
  • Invece di trovare i tumori aggressivi che sono i più in pericolo di vita, una diagnosi di cancro al seno su cinque rientra nella categoria dello stadio zero / precancer;
  • Non esiste un quadro chiaro di quanti casi di cancro al seno in stadio 4 esistano;
  • I finanziamenti per la ricerca metastatica in generale sono carenti;
  • Il gasdotto per la sperimentazione clinica non è impostato per gestire il modo in cui funziona la metastasi;
  • La consapevolezza del pubblico su MBC è minuscola;
  • Il sistema di cura del cancro è in crisi.

Per quelli con malattia metastatica, questi fatti poco noti fanno un mondo di differenza. Rendono molto arrabbiati anche persone come Laurie Becklund.

"Promettimi che non porterai mai un nastro rosa nel mio nome o far cadere un dollaro in un secchio che va alla" consapevolezza "del cancro al seno per" la diagnosi precoce di una cura ", il mantra della juggernaut di raccolta fondi Susan G. Komen, che ha propagato un messaggio distorto sul cancro al seno e su come "curarlo".

Gayle Sulik, Screenshot
Fonte: Gayle Sulik, Screenshot

Mentre stavo leggendo di nuovo il pezzo di Becklund, ho visto un'altra pubblicità recente di Susan G. Komen. È caratterizzato da una giovane donna bianca con capelli castani dritti, lunga e striata di colorante rosa caldo bicolore, che ricorda il logo del nastro da corsa bicolore, marchio di fabbrica di Komen.

Questa ragazza è dura La fronte arricciata e i denti scoperti uniscono le forze con un pugno teso e una posizione aggressiva per fare una domanda seria di colore rosa: NON LASCIARE IL CANCRO DEL SENO. Il grande bottone nell'angolo in basso a destra, non del tutto ma quasi il colore del denaro, ti dice a caratteri cubitali cosa fare: DONARE.

In altre parole, se TU non dai a KOMEN i tuoi soldi, il cancro al seno regnerà trionfante perché lo lasci vincere. Per Lori Marx-Rubiner il messaggio per la diagnosi è ancora più castigante: "solo i deboli muoiono di cancro".

Gli inserzionisti in genere usano appelli alle emozioni o alla logica per influenzare i consumatori ad acquistare i loro prodotti o ad acquistare il loro modo di pensare. Komen usa un dispositivo persuasivo comune, un appello alla paura. Facendo eco ad altri elementi che inducono la paura abbondanti nelle campagne di sensibilizzazione sul cancro al seno, vediamo che le donne (anche quelle giovani e attive) sono contro un avversario formidabile. E se le donne non combattono, il cancro al seno vincerà. Solo qui, la lotta non ha nulla a che fare con l'adozione di azioni che limitino il pedaggio del cancro al seno. Invece, Komen si affida all'immagine della ragazza dura per spingere le donne a dare loro i soldi e poi, passivamente, lasciare che Komen faccia il lavoro.

Komen non è il solo a sostenere che più persone danno loro denaro (per combattere il cancro al seno) più vite saranno salvate. Se fosse così semplice, il cancro al seno sarebbe stato risolto molto tempo fa.

Per Laurie Becklund e innumerevoli altri, tali promesse non sono abbastanza buone.

Beth Fairchild è un'altra donna con carcinoma mammario metastatico in stadio 4. Anche lei è stanca di "consapevolezza" e di tutti i "guerrieri" e "vincitori" perché nessuno vince davvero al seno.

Per dare voce a quelli con metastasi, ha programmato un PINK OUT per oggi per convincere più persone a prestare attenzione all'elefante rosa nella stanza. Spera di ottenere questo lato del trend del cancro al seno nei social media. Oggi è #Metsmonday.

Solutions Collecting From Web of "Il peso insopportabile del nastro rosa"