Il personaggio conta nelle pagine di un romanzo

David Ruiz/FreeImages
Fonte: David Ruiz / FreeImages

Un romanzo può essere di qualsiasi genere, ma se i personaggi che sono sul palco, per quanto insoliti, non si sentono reali, molti lettori perdono interesse. La trama è estremamente importante, ovviamente, ma se almeno i personaggi principali non si animano, il libro non sarà memorabile.

Per dimostrare questo punto, ho scelto alcuni esempi tratti da un nuovo romanzo, Britt-Marie Was Here di Fredrik Backman. Ha anche scritto il bestseller A Man Called Ove , che ho recensito qui. Backman, che scrive in svedese e tradotto in modo superbo da Henning Koch, è un autore che afferra sicuramente il concetto di rendere il conteggio dei personaggi.

Blurbs ha definito questo libro "credibile", "fantasioso" e "affascinante". E sono tutte quelle cose e altro ancora. Backman eccelle nel mostrarci una persona insolita che incontra un nuovo ambiente e che cambia gradualmente in piccoli modi che alla fine si sommano.

Britt-Marie, una moglie devota ma trascurata, rinuncia al marito e si trasferisce in una piccola città. Incontra uno stuolo di personaggi divertenti. Ha un modo idiosincratico di vedere le cose, rigido e ossessivo-compulsivo, ma essenzialmente cordiale e onesto. In qualche modo si ritrova a istruire una squadra di calcio per bambini senza talento, anche se è del tutto priva di qualifiche nei modi standard.

Indipendentemente da come Britt-Marie ci prova, le sue percezioni suonano di traverso. Ad esempio, le è stato chiesto di fare una chiacchierata con la "sua" squadra prima di iniziare a giocare.

"Un discorso d'incoraggiamento?"

"Qualcosa di incoraggiante", chiarisce.

Britt-Marie ci pensa un po ', poi si rivolge ai bambini e dice con tutto l'incoraggiamento che riesce a raccogliere:

"Cerca di non sporcarti troppo."

Book cover used with permission of Simon&Schuster.
Fonte: copertina del libro utilizzata con il permesso di Simon & Schuster.

Quando a Britt-Marie viene detto da un negoziante che il suo detergente preferito non viene più prodotto,

Gli occhi di Britt-Marie si spalancano e lei sussulta.

"Is. . . ma come . . . è legale? "

"Non redditizio", dice Qualcuno [un personaggio] con un'alzata di spalle.

Come se fosse una risposta.

"Sicuramente le persone non possono semplicemente comportarsi in questo modo?" Esplode Britt-Marie.

Ecco un paragrafo che descrive un incidente d'infanzia che ha ucciso la sorella di Britt-Marie. Nota come l'autore usa il tono colloquiale di Britt-Marie nell'esposizione:

La madre aveva detto a Ingrid di mettersi la cintura, perché Ingrid non si era mai messa la cintura, e per quella ragione esatta non l'aveva indossata. Stavano discutendo. Ecco perché non l'hanno visto. Britt-Marie l'ha visto perché si è sempre messa la cintura, perché voleva che sua madre lo notasse. Che ovviamente non ha mai fatto, perché Britt-Marie non ha mai dovuto essere notata, per la semplice ragione che ha sempre fatto tutto senza che gli fosse stato detto.

Altri dettagli si aggiungono alla natura stravagante del racconto, come le serie conversazioni di Britt-Marie con un topo con cui ha stretto amicizia e con il quale nutre un bar Snickers ogni sera alle sei (con un tovagliolo piegato per asciugarsi i piedi). Britt-Marie sembra non dispiacersi per se stessa e per la sua vita oggettivamente triste e solitaria. Tuttavia, mentre trova uno scopo e un ruolo nella sua nuova città, anche un potenziale nuovo interesse amoroso, vede la realtà in un modo leggermente diverso rispetto all'inizio. I suoi cambiamenti interni non sono molto drammatici, ma cambiano l'intera storia e, nel farlo, riescono a riscaldare il cuore dei lettori.

Copyright (c) 2016 di Susan K. Perry, autrice di Kylie's Heel

Solutions Collecting From Web of "Il personaggio conta nelle pagine di un romanzo"