Il percorso negativo verso la felicità

La stagione delle vacanze è di nuovo su di noi e pone un paradosso psicologico. La sua emozione essenziale, naturalmente, è la gioia, tuttavia lo sforzo laborioso di essere gioiosi sembra rendere molti di noi infelici. Infatti, come notato nel nuovo libro di Oliver Burkeman, The Antidote: Happiness for People che non può sopportare un pensiero positivo , questo è perché è difficile essere felici negli ingorghi del traffico delle vacanze; in aeroporti e negozi sovraffollati; o in periodi di tensione finanziaria quando si prevede l'acquisto di regali; o mentre cerchi di rimanere civile con colleghi e parenti che allungano la tua pazienza fino al punto di rottura.

Quindi, per far fronte alle festività, i media popolari ci consigliano, come al solito, di "pensare positivo" – lo stesso, vecchio consiglio che Norman Vincent Peale, autore di The Power of Positive Thinking, distribuiva sessant'anni fa. Durante le vacanze, suggeriva una volta Peale, le persone dovrebbero fare "uno sforzo deliberato per parlare con speranza di tutto". Così Peale consigliava la deliberata soppressione di tutti i pensieri tranne che "speranzosi". Il risultato, non sorprendentemente, porta probabilmente a un'idea più negativa perché più si cerca di bloccare pensieri specifici, più è probabile che li si abbia. E più è difficile tenere un pensiero specifico in mente, meno lo si penserà.

Quindi, nonostante la filosofia di Peale sia ancora in profondità nell'attuale cultura psicoterapeutica, gli studi suggeriscono che affermazioni ripetitive e up-beat, e spesso visualizzando il futuro felice, non danno l'umore ma spesso ottengono l'effetto opposto di un'insoddisfacente insoddisfazione. Ah, un altro paradosso.

Fortunatamente, come scrive Burkeman, sia la filosofia antica che la psicologia contemporanea indicano un'alternativa: un approccio controintuitivo che può essere definito "il percorso negativo verso la felicità". (Questo approccio potrebbe aiutare a spiegare alcuni dati interessanti e inattesi come il fatto che i cittadini dei paesi economicamente più poveri spesso riferiscono una felicità maggiore rispetto ai cittadini di quelli più ricchi).

Uno dei pionieri del "percorso negativo" è stato il defunto, lo psicologo Albert Ellis che, nel riscoprire alcune delle intuizioni chiave degli antichi filosofi stoici, ha consigliato che il modo migliore per affrontare un futuro incerto sia focalizzarsi sullo scenario peggiore invece dello scenario migliore.

Per superare la paura dell'umiliazione pubblica, ad esempio, Ellis consigliava spesso ai suoi clienti di fare deliberatamente cose che avrebbero attirato l'attenzione negativa su se stesse, come scoppiare in una canzone nel negozio o annunciare a tempo debito l'ora del giorno agli estranei – sfide terapeutiche Ellis Chiamato "esercizi di attacco alla vergogna". In questo modo, le persone scoprono che le loro paure esagerate sono drasticamente ridotte perché tutto ciò che ottengono è un aspetto strano, non verbalmente abusato o aggredito fisicamente.

Basta pensare con dettagli vividi agli scenari peggiori, una tecnica che gli stoici chiamano "la premeditazione dei mali", può aiutare a diminuire il loro potere producente l'ansia. Un metodo che il dottor Arnold Lazarus ha definito "esercitazioni antincendio emozionali" e la psicologa Julie Norem chiama "pessimismo difensivo". Il pensiero positivo, al contrario, è lo sforzo per convincersi che le cose andranno bene, il che può rafforzare la convinzione che sarebbe assolutamente terribile se non lo facessero. E, siamo reali, spesso le cose non vanno bene.

Ora, questo non significa necessariamente che il pensiero positivo sia sempre una cattiva idea (il gioco di parole) o che non abbia alcuni benefici reali, a volte potenti. Piuttosto, sembra semplicemente ridursi alla visione razionale ed equilibrata del "cauto ottimismo". Quindi, vai avanti e "spera per il meglio" ma non dimenticare di essere veramente "preparato al peggio", perché è qui che la maggior parte delle persone non riesce ad adattarsi adeguatamente agli scenari peggiori.

Pertanto, ricorda di anticipare la lotta alle riunioni di famiglia; folle sulle strade e nei negozi; pressione finanziaria; e altri fattori di stress per le vacanze. Ma cerca di rimanere connesso alle parti della stagione e alla vita in generale, che può ancora portare divertimento, amore e gioia.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, si prega di controllare il mio post precedente "perché l'ottimismo può essere negativo per la vostra salute mentale" attraverso il link sottostante:

http://www.psychologytoday.com/blog/think-well/201101/why-optimism-can-be-bad-your-mental-health

Ricorda: pensa bene, agisci bene, sentiti bene, stai bene!

Copyright di Clifford N. Lazarus

Solutions Collecting From Web of "Il percorso negativo verso la felicità"