Il percorso diretto verso l'auto-consapevolezza

"Puoi imparare di più su te stesso in una settimana in un matrimonio di quanto tu possa meditare per 10 anni in una grotta." -Stephen Levine

Carl Jung indicato come "ombra" come le parti di noi stessi che giudichiamo come indesiderabili e cercare di nascondere. Uno degli obiettivi alla base della psicoterapia è quello di portare la nostra ombra nella consapevolezza cosciente in modo da poter venire a patti con noi stessi con una maggiore accettazione di sé. Per questa ragione, "il lavoro dell'ombra" o la rivendicazione di parti rinnegate di noi stessi, è una delle cose più potenti che possiamo fare per promuovere la guarigione in noi stessi e in tutte le nostre relazioni. L'ombra non è intrinsecamente negativa, infatti contiene aspetti molto potenti e necessari a cui neghiamo l'accesso a noi quando li rinneghiamo. Il lavoro dell'ombra implica molto più che riconoscere gli aspetti vergognosi di noi stessi, ma riconoscere il valore curativo e creativo di quelle qualità e trattenerle con rispetto, piuttosto che disprezzo.

Le partnership impegnate forniscono il terreno perfetto per l'illuminazione e l'integrazione dell'ombra. Nient'altro ci affronterà in modo così vivido con quegli aspetti di noi stessi che devono essere tenuti in considerazione, se vogliamo essere sempre liberi da schemi di relazione difensivi e difensivi. Poiché abbiamo aspettative così elevate (per lo più inconsce) su ciò che speriamo di ricevere in partnership impegnate, c'è molto più in gioco che in altre relazioni; di conseguenza è più probabile che l'ombra si attivi. Queste relazioni trasformano il calore delle nostre passioni a temperature estremamente elevate. E il cibo cuoce più velocemente in una pentola coperta.

Per questo motivo, a volte il matrimonio può sembrare l'equivalente psicologico del vivere in una pentola a pressione perché porta in superficie i nostri desideri più intensi. Le nostre reazioni l'una all'altra illuminano gli aspetti dell'ombra, in particolare quando non riceviamo le risposte che cerchiamo. A causa della sua natura, non possiamo vedere direttamente la nostra ombra; possiamo solo vederlo rispecchiato a noi. Le relazioni forniscono un mezzo ideale per vedere ciò che è altrimenti inaccessibile alla nostra visione.

Per Mary, questo si è verificato dopo una diagnosi di cancro al seno. Era sposata da ventisette anni quando le fu diagnosticata all'età di cinquantadue anni. Praticamente durante la notte, il suo matrimonio divenne improvvisamente un campo di battaglia in cui suo marito Doug divenne il nemico che fu l'oggetto di tutta la paura, il dolore e la rabbia di Maria.

Doug: "È venuto fuori dal nulla. Un giorno eravamo innamorati l'uno dell'altro, il giorno dopo voleva uccidermi. La diagnosi del cancro ci ha davvero buttati entrambi, ma non mi sarei mai aspettato nulla di simile alla reazione che ho ricevuto da Mary. Non importa quello che ho fatto, non è mai stato abbastanza buono. Alla fine ho solo smesso di provare, e speravo che le cose sarebbero migliorate. Pensavo che se le avessi dato più spazio, sarebbe stato d'aiuto, ma questo la faceva infuriare ancora di più. Sapevo che era spaventata e ferita. Non avevo intenzione di lasciare la relazione, ma in tutto il tempo in cui eravamo stati insieme non era mai stato così difficile rimanere là dentro. "

"Era come se fossi posseduto da un demone", è stato il modo in cui Mary ha descritto la sua esperienza. "Per i primi sei mesi dalla diagnosi, durante la chemioterapia, l'intervento chirurgico e i trattamenti radioterapici ero un pazzo pazzo delirante. Non è stato solo Doug a ricevere la mia ira, sono stati tutti, ma ne ha avuto il peso. In qualche modo il cancro ha squarciato le porte che contenevano tutta la rabbia, la rabbia e le sensazioni selvagge che avevo riempito per tutta la mia vita. "

"Cinquant'anni di essere una brava ragazza, una brava persona, una paziente moglie, tutto è venuto fuori subito. Sembrava che non ci fosse alcun controllo, e anche se potessi, c'era una parte di me che non voleva. Sapevo che non era colpa di Doug e non meritava quello che stavo scaricando su di lui, ma ad essere onesti, non mi importava più. Per una volta nella mia vita non ero guidato dalla paura di dispiacere alla gente. Per la prima volta mi sono sentito libero. "

Ciò che Mary ha vissuto è stata una forma di ciò che chiamiamo "possesso dell'ombra". Quando non riusciamo ad onorare gli aspetti indesiderati di noi stessi per periodi di tempo prolungati, una crisi di vita può inaspettatamente strappare la copertura dai nostri sentimenti, esponendoci (e altri) all'emozione pura che era stata precedentemente coperta da una vita di negazione. Quando diventiamo posseduti da sentimenti così forti che non possiamo più contenerli, si scatena l'inferno. Mentre questo può essere un tempo terrificante e inquietante, la rottura dell'ombra è spesso in definitiva liberatrice e affermativa.

Doug e Mary non solo sono sopravvissuti alla crisi coniugale che è scoppiata nella loro vita, ma l'hanno attraversata con più forza personale e amore condiviso e rispetto a prima. Entrambi descrivono la loro attuale relazione come dotata di maggiore profondità, passione e autenticità rispetto a prima della sua diagnosi.

Maria: "Il cancro ci ha costretti in un posto che stavamo evitando per tutto il nostro matrimonio. Ci ha messo di fronte sia al fatto che ci eravamo accontentati di sicurezza e comfort piuttosto che alla passione che deriva dalla vera onestà. La prima cosa su cui entrambi abbiamo dovuto essere onesti è stata la disonestà. "

Doug: "Dovevamo poi ammettere quanto volevamo ancora dal matrimonio e da quanto avevamo paura di perseguirlo. Entrambi avevamo giocato sul sicuro e se non fosse stato per il cancro, probabilmente lo saremmo ancora. Non posso davvero dire che sono contento che Mary si sia ammalata, ma sono grato per i cambiamenti che la crisi ha provocato nelle nostre vite.

Più forte è il fondamento della relazione quando l'ombra colpisce il ventilatore, più è probabile che saremo in grado di navigare attraverso le inevitabili crisi della vita. I benefici di fare il lavoro con le ombre sono ovviamente non solo sperimentati in tempi difficili. Si manifestano quotidianamente quando ci sentiamo al sicuro nel nostro corpo, nelle nostre relazioni, liberi di essere noi stessi e di accettarci l'un l'altro, le verruche e tutto il resto. Le crisi di vita non generano automaticamente la trasformazione, ma forniscono una forte motivazione per andare avanti con il nostro lavoro. Il tempo per fare pratica non è dopo i colpi di crisi, ma su base giornaliera, notando le nostre risposte interne, riconoscendole e ponendo fine alla cospirazione dell'occultamento.

Rivendicare la propria ombra è la via più diretta che c'è verso una vita di vera libertà e amore sincero. Il lavoro dell'ombra è il lavoro per diventare un essere umano più completo e integrato. Il tipo di umano che ha compassione, pazienza e accettazione per gli altri perché li sente per se stessa, e non è mai troppo tardi o troppo presto per fare il lavoro. Ulteriori informazioni su esattamente ciò che il lavoro sulle ombre comporta in un prossimo blog.

Solutions Collecting From Web of "Il percorso diretto verso l'auto-consapevolezza"