Il passato: non abitare su di esso, Revision It! Parte 1

Residente eccessivo nel passato

Raramente dimora sul passato visto in una luce positiva. Né dovrebbe essere. Pensare troppo ai tempi passati in genere mantiene la tua mente e la vita bloccati in una posizione neutrale (e forse addirittura la invertono). Se si abitua regolarmente alla tua vita precedente, puoi regolarmente essere rivisitato da sentimenti di rabbia, senso di colpa, risentimento, tristezza o vergogna. E tali emozioni sono difficilmente produttive. In molti modi, sono decisamente tossici. La preoccupazione ossessiva per le persone e gli eventi che provocano tali sentimenti negativi può portare a un riciclaggio senza fine. Diventando sempre più stagnanti o fissi, il tuo pensiero non può davvero progredire verso una risoluzione adattabile.

Inoltre, tornare al passato per provare vecchie insoddisfazioni e rimostranze – anche per riprodurre immagini di precedenti trionfi – e pigramente preoccuparsi di pensieri inconciliabili su di loro, può portare a rimproveri, lamentazioni, rimorsi e persino amarezze. Usare la tua energia mentale per uno scopo così dubbioso può catapultarti nella fossa inestricabile di woulda, coulda, shoulda. Con il risultato che si può finire consumati dal rimpianto, ciò che l'esistenzialista francese, Albert Camus, ha definito la più futile delle emozioni.

Tuttavia, per essere onesti, soffermarsi sul passato ha alcuni vantaggi a breve termine. Ad esempio, potresti preoccuparti dei precedenti eventi di successo razionalizzando le frustrazioni e i fallimenti attuali. Se non sei stato in grado di vivere fino alle speranze degli altri, o alle tue aspettative, potresti trovare un temporaneo conforto nel rivivere i risultati del passato. Ma mentre ci si concentra sui precedenti positivi può permettersi un certo sollievo dalle attuali delusioni, di per sé non fa nulla per indirizzare (o riorientare) i vostri sforzi per promuovere i vostri obiettivi nel qui-e-ora. E se devi realizzare il tuo pieno potenziale nella vita, devi concentrarti esattamente su ciò che puoi fare in questo momento per realizzare la tua promessa, non su ciò che hai ottenuto in tempi passati.

Abitare nel passato può anche essere un modo per non fare i conti con le realtà odierne. Se la tua testa è bloccata nella sabbia di un tempo, potresti non essere di fronte al fatto che – non averlo mai fatto prima – ora potresti essere meno attraente, meno forte e agile, meno veloce e adattabile, o con meno resistenza. Potrebbero esserci limitazioni e vincoli che non esistevano in precedenza, limitazioni che ora devono essere affrontate e adeguate. E ovviamente, negare ciò che in passato potrebbe ancora aver bisogno di fare pace può solo ostacolare il tuo avanzamento nella vita.

Oltre a tutto ciò, "bighellonare" nel passato può rappresentare una sorta di autoindulgenza. Può interferire con la creazione o (in alcune forme o forme alternative) ricreando le gioie passate. In definitiva, è inutile impiegare la memoria per aggrapparsi a ciò che può essere stato perso molti, molti anni fa. E come risultato di non lasciare andare il passato, puoi privarti delle opportunità presenti per raggiungere ciò che potrebbe ancora trovarti a portata di mano. Se le passate soddisfazioni e i piaceri hanno lasciato un vuoto nella tua vita, ora è il momento perfetto per perseguire diligentemente ciò che potrebbe riempire questo vuoto. Se, poiché al momento sono gravemente carenti, stai "rinnovando" nella tua mente ex attaccamenti e tenerezza, potresti essere meno proattivo nella ricerca di nuove fonti di amore e sostegno che, in modo ottimale, dovresti essere.

Nota: la Parte 2 si muoverà in una direzione completamente diversa concentrandosi su quanto possa essere utile per te rivisitare il tuo passato per revisionarlo positivamente.

© 2011 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Il passato: non abitare su di esso, Revision It! Parte 1"