“Il passato è la nostra definizione”

Imparare come essere cittadini migliori da Wendell Berry.

Guy Mendes, CC BY-SA 3.0/Wikimedia Commons

Fonte: Guy Mendes, CC BY-SA 3.0 / Wikimedia Commons

Puoi dire qualcosa sul pubblico di un autore da chi sceglie di condividere il suo lavoro, sia in modo informale tra amici o attraverso mezzi più consolidati come volumi modificati. Ad oggi, i saggi di Wendell Berry sono stati raccolti dall’eurologo e autore britannico Paul Kingsnorth, dal teologo Norman Wirzba e dal giornalista alimentare Michael Pollan. Non è un gruppo del tutto dissimile, certo, ma le loro diverse professioni riflettono l’ampiezza dell’impegno di Berry con il mondo. Mentre ero a conoscenza del lavoro di Berry, mi è stato suggerito di approfondire quest’estate più a fondo a causa di un suo saggio su Nick Offerman, l’attore più famoso per aver interpretato Ron Swanson in Parks & Recreation .

Non è una grande osservazione notare che viviamo in un tempo incredibilmente polarizzato, ma, curiosamente, Berry non si adatta perfettamente al campo conservatore o liberale. C’è appena abbastanza nei suoi scritti per soddisfare e provocare quelli di tutte le alleanze ideologiche. Grazie agli sforzi della Library of America di riemettere i suoi scritti, a partire dalla prima metà dei suoi romanzi e storie di Port William, così come dal suo editore di lunga data Counterpoint che pubblica The World-Ending Fire: The Essential Wendell Berry , una collezione dei suoi non-fiction edito dal già citato Kingsnorth, non è mai stato più facile trovare un punto di partenza.

Voglio considerare la psicologia di Wendell Berry – non analizzare l’autore di Berry, ma piuttosto sondare il modo in cui vede il mondo. Berry si è guadagnato da vivere come pensatore e scrittore, ma anche come agricoltore, e il suo legame unico con la terra e la radicamento ha molto da offrire a quelli di noi che non si sentono.

Berry scrive della storia della sua casa del Kentucky in “A Native Hill”. Segue le radici della sua famiglia lì al suo bis-bisnonno materno e al suo bisnonno paterno, anche se la nebbia del tempo rende nebbiosi i dettagli. Berry crebbe per conoscere il luogo intimamente durante la sua infanzia, una connessione forgiata più intensamente a causa dell’assenza di mezzi meccanici con cui coltivare la terra. Quando Berry lasciò una comoda posizione di insegnamento alla New York University per tornare, fu la prima volta che scelse il posto, e il suo ritorno fece la differenza. Berry sa quando la sua famiglia ha iniziato a vivere sugli stessi ettari che occupa, ma non è ingenuo sul fatto che altri vivessero lì molto prima. Secondo Berry, “sono perennemente insinuato e sorpreso dalla consapevolezza che il mio popolo si è stabilito qui uccidendo o scacciando i possessori originali, dalla consapevolezza che una volta le persone venivano comprate e vendute qui dal mio popolo, dal senso della violenza che hanno fatto ai loro simili, tra di loro e sulla terra, con l’evidenza della loro persistente incapacità di servire il posto o la propria comunità in esso. ”

Cosa significa essere così consapevoli del proprio posto, sia letterale che metaforico? Non tutti hanno bisogno di tornare nel posto in cui sono cresciuti, naturalmente, ma nella nostra fuga dalle nostre radici ci derubano del senso della storia e della nostra stessa colpevolezza e responsabilità per le azioni dei nostri antenati. Mi viene in mente che Ben Affleck ha la rivelazione che la sua famiglia una volta aveva posseduto gli schiavi rimossi dal suo aspetto su Finding Your Roots . Guardare al passato non è affatto comodo, ma è l’unico modo per avanzare autenticamente nel presente. Questo è lo stesso se sei un individuo che cerca di riprendersi da un trauma o le cicatrici lasciate durante l’infanzia, o che sono una nazione che cerca di recuperare un senso di scopo.

Non è solo la saggistica di Berry che è istruttiva. Nel suo racconto “The Hurt Man”, vediamo come appare questa visione del vivere in comunità. Mat Feltner è un residente di cinque anni di Port William, la versione romanzata di Berry del suo Port Royal. La città è piccola e affiatata e a Mat è concesso di spaziare liberamente tra la sua collezione di edifici. L’unica volta in cui non gli è stato permesso di vagabondare era il sabato pomeriggio e nei giorni delle elezioni, quando il liquore scorreva liberamente e le inibizioni venivano abbassate. In uno di questi pomeriggi d’estate del 1888, Mat era seduto sotto il portico con sua madre quando sentirono una rissa nella città sottostante e assistettero a un uomo insanguinato, braccato da una folla, che correva verso di loro. Mat è sorpreso quando sua madre spara all’uomo ferito all’interno della casa e fa la guardia, rifiutando l’accesso agli altri uomini finché non le assicurano che non vogliono fargli del male. Con Mat e gli uomini che lo guardano, si veste teneramente le sue ferite e assicura all’uomo che starà bene. Mat è testimone di una trasformazione in sua madre per quanto riguarda l’uomo: “Era un peccato, ma era più di questo. Era un amore ferito che sembrava includere completamente l’uomo ferito. Lo includeva e ignorava tutto il resto. Ignorava l’aura di whisky che normalmente lei si sarebbe offesa; trascurò il sangue pervaso sul pavimento del portico e la scia di sangue attraverso il corridoio. “In un attimo, Mat viene a patti con la possibilità di perdere e la certezza dell’amore.

Libri integrali possono e devono essere scritti sul contributo di Wendell Berry alla letteratura americana. Lo spazio non mi consente di rendere giustizia alla sua scrittura qui, ma spero che i piccoli scorci che ho fornito incoraggino gli altri a cercare di recuperare il senso del luogo o come essere il prossimo ad esaminare il suo lavoro. In questi tempi potremmo tutti usare le sue istruzioni per il paziente.

Solutions Collecting From Web of "“Il passato è la nostra definizione”"