Il paradosso di Dieter: quando più ti piace meno

Pensò: "questo ha un sacco di calorie, davvero non dovrei mangiarlo". Era una porzione ricca e cremosa di gelato ed era già abbastanza pieno.

Quindi aggiunse delle noci e delle fragole tritate. In qualche modo convinto che ora aveva meno calorie e, senza sensi di colpa, scavò.

Solo una mente contorta potrebbe pensare di poter ridurre le calorie aggiungendo di più. Quindi immagino di avere una mente contorta, perché "lui" sono io. Rido di questo, ma il mio atteggiamento ha molto a che fare con l'epidemia di obesità in questo paese.

Ma sono solo le menti contorte che fanno questo? O lo facciamo tutti? Diamo un'occhiata ad alcuni dati.

Chernev (2011) ha chiesto alle persone di stimare il numero di calorie in vari pasti, inclusa una condizione di cheesesteak (yum).

//www.flickr.com/photos/jeffreyww/
Fonte: jeffreyw https://www.flickr.com/photos/jeffreyww/

C'erano due condizioni:

  • Malsana solo – per esempio un sandwich di cheesesteak
  • Non salutare più sano – per esempio lo stesso panino al cheesesteak più un contorno di verdure sane

Le valutazioni caloriche erano più alte solo per il pasto malsano. L'aggiunta del lato sano ha reso il pasto sembra avere meno calorie. In altre parole, x + 1 è minore di x. Chernev (2011) lo ha definito il paradosso di Dieter .

C'era di più. Gli individui attenti al peso erano particolarmente propensi a mostrare questo effetto. Hanno pensato che le carote e il sedano diminuissero di molto le calorie, il che è sorprendente se si presume che sarebbero più sintonizzati sulla stima delle calorie.

Questo studio, e il mio consumo di gelato, è un esempio di trascuratezza dello scopo. Quando formuliamo giudizi, non siamo molto bravi nel prestare attenzione a quanto è grande qualcosa. Un altro esempio è che le persone pagheranno all'incirca la stessa cifra per salvare 2000 uccelli e risparmiare 200.000 (Desvouges et al., 1993).

Il paradosso di Dieter è fondamentale per l'epidemia di obesità in America. Prestiamo attenzione a ciò che mangiamo ma non quanto. Quando guardiamo i francesi, con il loro cibo ricco, ci chiediamo perché non siano sovrappeso. Quando guardiamo a noi stessi, con le nostre enormi porzioni che (a volte) non sono così densi di calorie, ci chiediamo perché siamo sovrappeso. È come chiedersi perché il gelato da solo abbia meno calorie del gelato con frutta secca e frutta.

Riferimenti

Chernev, A. (2011). Il paradosso di Dieter. Journal of Consumer Psychology, 21 , 178-183. doi: 10.1016 / j.jcps.2010.08.002

Desvouges, WH, Johnson, F., Dunford, R., Hudson, S., Wilson, K. e Boyle, K. 1993. Misurazione dei danni delle risorse con valutazione contingente: Test di validità e affidabilità, in: Valutazione contingente: A Valutazione critica Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Dai un'occhiata a Nate Kornell su Twitter.

Solutions Collecting From Web of "Il paradosso di Dieter: quando più ti piace meno"