Il paradosso dell'autocommiserazione

Novikov Alex/Shutterstock
Fonte: Novikov Alex / Shutterstock

Le conversazioni di Mariela * tipicamente ruotano attorno ai suoi vari dolori, dolori, perdite e delusioni. Alla domanda sul suo futuro, predice più destino e oscurità. Non sembra mai avere nulla da festeggiare; solo lamentele. I suoi pochi amici rimasti ammettono che si sta svuotando per stare in giro.

Chi conosce Mariela la vede sguazzare nell'autocommiserazione. La trovano difficile da tollerare a grandi dosi a causa del suo atteggiamento negativo. Nessuno simpatizza con lei; sembra avere già abbastanza pietà per se stessa.

Ma le apparenze possono ingannare quando si tratta di autocommiserazione.

Mariela era la settima di nove figli in una famiglia di immigrati laboriosa. I suoi genitori erano troppo occupati a concentrarsi su un singolo bambino a lungo, e Mariela imparò presto che per piacere agli altri, doveva essere felice e utile. Riempì il suo bisogno di nutrirsi profondamente dentro e tollerò di essere emotivamente invisibile.

Ha adottato il sacrificio di sé come suo principale modo di essere nei rapporti. In questa modalità, ha cresciuto tre figli come madre a casa. Ha cercato di essere una buona moglie per suo marito, ma i suoi bisogni cronici insoddisfatti di amore e visibilità alla fine hanno lacerato il matrimonio. Durante i lunghi anni trascorsi a immergere i suoi sentimenti nei recessi oscuri della sua anima, Mariela divenne più pesante e più pesante con risentimento e dolore senza nome.

All'insaputa di chi la conosce, Mariela non ha alcuna pietà per se stessa . Invece, lei è molto dura con se stessa. Odia la sua stessa compagnia. Lei gira pensieri e parole per evitare di sentire il dolore del suo isolamento emotivo.

Le lamentele di Mariela sono un'offerta per la pietà che non pensa di meritare.

Può sembrare che sia piena di autocommiserazione, ma in realtà il suo carro armato è vuoto. Il suo lamento è un tentativo inconscio di suscitare in altri ciò di cui ha disperatamente bisogno ma non provvede a se stessa. La sua paura segreta è che non ha importanza, che dovrebbe prendere ciò che ottiene, e che non dovrebbe volere nulla di più per se stessa.

L'apparente mancanza di pietà degli altri conferma le sue paure, e quindi viene catturata in un circolo vizioso.

Perché Mariela ha bisogno di simpatia ma non la darà a se stessa, cerca la pietà degli altri presentandoli con tutti i tristi fatti di cui hanno bisogno per dispiacersi per lei. Che questo ritorni di fiamma sia tragico, dal momento che non ottiene mai la compassione di cui ha bisogno per guarire.

Questo è il paradosso dell'autocommiserazione: chi si sente sinceramente dispiaciuto per se stesso non ha bisogno di parlarne. In questo modo tendono a non apparire autocompassati e hanno più probabilità di ricevere pietà dagli altri.

Jesadaphorn / DollarPhotoClub
Fonte: Jesadaphorn / DollarPhotoClub

Coloro che non riescono a compatirsi, come Mariela, hanno meno probabilità di ricevere pietà dagli altri perché il loro bisogno insoddisfatto crea comportamenti scoraggianti che respingono, piuttosto che attrarre, compassione.

L'unica via d'uscita dal circolo vizioso è che Mariela possa (w) permettere nei suoi veri sentimenti e mostrarsi la pietà che desidera ardentemente.

* Non il suo vero nome

Solutions Collecting From Web of "Il paradosso dell'autocommiserazione"