Il paradosso della dipendenza: perché le persone non amano i piedi

Ieri, il padre di uno dei compagni di squadra di mio figlio ha preso a calci con rabbia la scarpa da calcio sinistra di suo figlio dall'altra parte del campo. Il ragazzino si era molto sporcato e alla fine ha perso la scarpa su un placcaggio da un altro giocatore. Il bambino ha iniziato a piangere in totale frustrazione, persino nel dolore. Ma il papà non l'aveva, e faglielo sapere mandandolo a prendere la sua scarpa. Molte frasi mi sono venute in mente mentre si svolgeva questa scena. Amore difficile. Uomo, ragazzo. Succhialo. Non c'è da piangere nel baseball (o nel calcio)!

Il comportamento è spesso una finestra sulle teorie intuitive che le persone hanno del loro mondo e, nel caso delle strategie di "amore duro", la teoria è chiara e ampiamente condivisa. È la teoria che il conforto di una persona è controproducente per lo sviluppo della capacità di recupero. Io stesso la definisco la "teoria plantare della natura umana". Secondo questa teoria popolare, il piede che è sempre protetto da sneakers ammortizzate non svilupperà mai uno strato di pelle dura. Porterà solo alla necessità di maggiore ammortizzazione.

Sono agnostico sul dibattito sulla corsa a piedi nudi, ma mi sento fortemente in questo: le persone, decisamente, non sono i piedi. John Bowlby (1907-1990), il padre della teoria dell'attaccamento, affrontò una battaglia in salita ma alla fine riuscita a convincere il campo della psicologia contro la saggezza della teoria plantare della natura umana. Nella sua influente trilogia di attaccamento (Bowlby, 1969, 1973, 1980), e nel suo più breve volume "A Secure Base" (1988), Bowlby portò la psicologia, l'etologia e la teoria evolutiva insieme per sostenere che lo sviluppo umano sano è basato la sicurezza psicologica di poter dipendere e sentirsi protetti dal pericolo dei nostri cari. Quando siamo neonati, siamo in realtà completamente dipendenti e vulnerabili. Secondo Bowlby, uno sviluppo socio-emotivo sano dipende dall'apprendimento del bambino che i suoi bisogni innati per la vicinanza, la sicurezza e il comfort saranno adeguatamente soddisfatti dagli adulti protettivi. Quando si sente che si può dipendere da una figura protettiva per la sicurezza e la sicurezza, si è più disposti a esplorare il proprio mondo e, paradossalmente, a diventare una persona più indipendente più avanti nella vita.

La nozione che accettando la dipendenza dai propri cari si possa favorire la loro indipendenza suona sicuramente controintuitivo. Eppure, letteralmente centinaia di studi mostrano chiaramente questo fenomeno – quando i bambini sentono di avere una "base sicura" su cui possono contare, esibiscono maggiore indipendenza e benessere psicologico sia da bambini che da adulti. Guarda, per esempio, questo video, che illustra un paradigma sperimentale chiamato Strange Situation:

La psicologa Brooke Feeney della Carnegie Mellon University è stata in grado di dimostrare il "paradosso della dipendenza" al lavoro anche in relazioni strette – cioè, la promozione dell'indipendenza accettando la dipendenza di un partner o amato. In una serie di studi pubblicati sul Journal of Personality and Social Psychology, Feeney (2007) ha portato partner romantici nel suo laboratorio per compilare un numero di questionari e completare diversi compiti. I partecipanti hanno risposto alle domande sulla propria responsabilità nei confronti dei propri partner (ad es. "Sono molto attento ai segnali non verbali del mio partner per aiuto e supporto"). Feeney ha riscontrato che più partecipanti concordavano con questo tipo di dichiarazioni, maggiore è stata la loro indipendenza sia dai partecipanti che dai loro partner. In un altro compito, i partner hanno risolto alcuni enigmi stimolanti e hanno trovato prove per lo stesso modello di dipendenza dall'indipendenza: più i partecipanti hanno riferito di essere reattivi alle esigenze dei loro partner per il comfort e il supporto, più è probabile che i partner volessero per risolvere i puzzle senza suggerimenti sulla soluzione dai loro partner. In un altro studio, l'accettazione da parte dei partecipanti delle esigenze di dipendenza dei loro partner ha portato a un maggiore raggiungimento indipendente degli obiettivi personali del partner sei mesi dopo.

Presi insieme, i risultati sono chiari: non calciare le scarpe della persona amata attraverso il campo quando vengono affrontate. Va bene riconoscere il loro dolore, lasciarli piangere, dare conforto. In effetti, farai entrambi un favore a te: aumenterai la tua probabilità che la prossima volta, la persona amata si alzerà da sola, sicuro nella consapevolezza che sei lì per loro se hanno bisogno di te.

Puoi seguire i miei post su Twitter o Facebook.

Copyright 2012 di R. Mendoza-Denton (MCN: BS8Y4-PNV7V-EVK9V); tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Il paradosso della dipendenza: perché le persone non amano i piedi"