Il nuovo studio di Ape Cognition mostra che non siamo così unici

Ho appena saputo di un nuovo saggio di Drs. David Leavens, Kim Bard e William Hopkins hanno pubblicato sulla rivista Animal Cognition che merita un ampio e critico pubblico. Questo documento di ricerca significativo e completo è intitolato "The mismeasure of ape social cognition" e contiene una grande quantità di informazioni importanti che dimostrano chiaramente che dobbiamo essere estremamente cauti nel sostenere che gli umani sono così unici – leggi "più intelligente" – quando confrontando le nostre abilità nella conoscenza sociale con quelle delle grandi scimmie non umane.

Mi rendo perfettamente conto che il saggio originale impiegherà del tempo per leggere e digerire anche per i ricercatori professionisti, ma ne vale la pena. Ecco alcuni frammenti di questo pezzo che riassumono bene le analisi dettagliate Drs. Leavens, Bard e Hopkins condussero. Di seguito fornirò alcune dichiarazioni da un sommario generale di facile lettura. Nel saggio originale leggiamo:

Su basi sia metodologiche che logiche, il modello di causalità mentale dei processi psicologici non è riuscito a produrre alcuna inequivocabile differenza tra scimmia e uomo nella cognizione sociale. Nonostante numerose affermazioni del contrario, nessuna attuale metodologia scientifica ha isolato la storia evolutiva come fattore causale nelle presunte differenze scimmia-umana nella cognizione sociale. Inoltre, ogni affermazione di una "differenza di specie" è stata confutata da approcci metodologici superiori, che implicano esplorazioni all'interno di specie di specifiche competenze (vedere le note alla Tabella 1). Pertanto, laddove sono state segnalate differenze tra scimmia e gruppi umani, i fattori rilevanti che tengono conto di tali differenze (ambientali, genetiche) rimangono sconosciuti. Quindi, rivendicare una "differenza di specie" nella cognizione sociale tra le scimmie e gli esseri umani, al nostro attuale stato di conoscenza, è promulgare gli stessi tipi di pregiudizi che gli eredi- tari manifestavano nella storia degli approcci biometrici allo studio dell'intelligenza – tutto il gruppo le differenze sono state considerate come prove di differenze innate e primarie nelle abilità tra diversi gruppi di esseri umani, e le influenze ambientali sullo sviluppo mentale sono state sistematicamente ignorate (Gould 1981). Le tabelle 1 e 2 documentano lo stesso tipo di pio desiderio (distorsione sistematica) di fronte alle numerose confusioni elencate qui.

Per motivi logici, l'esistenza di stati mentali ipotetici e causali non può essere confermata, con la tecnologia attuale. Quindi, non vi è alcuna prova che la segnalazione comunicativa di esseri umani, grandi scimmie o altri animali, sia basata su basi cognitive sostanzialmente diverse.

Drs. Leavens, Bard e Hopkins discutono problemi incentrati su progetti di ricerca confusi, problemi con il confronto tra diverse specie, problemi negli studi di cross-fostering in cui membri di diverse specie sono allevati o alloggiati – in questo caso le scimmie vengono allevate dagli umani, preoccupazioni su come vengono addestrati gli animali e sull'influttanza (non verificabilità) dei modelli di causalità mentale. Tutto sommato, i ricercatori scrivono: "Nessuno degli studi nella Tabella 1 costituisce una pretesa scientificamente legittima per motivazioni comunicative o processi cognitivi unicamente umani".

Ricercatore Kim Bard: "Nell'esaminare la letteratura, abbiamo trovato un baratro tra prove e credenze".

Data l'importanza dell'argomento, raccomando un riassunto di facile lettura di "The mismeasure of ape social cognition" chiamato "Le abilità delle scimmie incomprese da decenni di scarsa scienza". Questo saggio inizia, "Una nuova analisi sostiene che cosa pensiamo di sapere che l'intelligenza sociale delle scimmie si basa su un pio desiderio e su una scienza imperfetta. "Il dottor Leavens ha detto che,

"La mancanza di decenni di ricerca e la nostra comprensione delle capacità delle scimmie è dovuta a una credenza così forte nella nostra superiorità, che gli scienziati sono arrivati ​​a credere che i bambini umani siano più socialmente capaci degli adulti scimmia. Come umani, ci vediamo come la cima dell'albero evolutivo. Ciò ha portato a un'esaltazione sistematica delle capacità di ragionamento dei bambini umani, da un lato, e disegni di ricerca di parte che discriminano le scimmie, d'altra parte.

"Anche quando le scimmie giocano chiaramente i giovani figli umani, i ricercatori tendono a interpretare le prestazioni superiori delle scimmie come conseguenza di capacità cognitive inferiori.

"Non esiste un rapporto scientificamente valido di una differenza essenziale tra le specie di scimmie e gli esseri umani nelle loro abilità di usare e capire gli indizi dai gesti, per esempio. Non uno.

"Questo non vuol dire che una tale differenza non sarà trovata in futuro, ma gran parte della ricerca scientifica esistente è profondamente viziata".

Sto citando il dottor Leavens per intero perché è essenziale essere precisi su ciò che ha detto. I dettagli contano davvero.

Per quanto riguarda il campionamento, "quasi tutti gli studi che hanno confrontato gli umani con le scimmie hanno paragonato gli umani di un piccolo gruppo – occidentale, istruito, industrializzato, ricco e democratico – con le scimmie che sono state orfane e / o cresciute in istituti sterili. Nel 2014, il professor Bard e il dott. Leavens hanno proposto, nell'Annual Review of Anthropology, che più di un singolo gruppo di umani dovrebbe essere paragonato a più di un singolo gruppo di scimmie per determinare l'influenza dell'ambiente sui risultati comunicativi, per esempio. " Espandendo la varietà degli umani e delle grandi scimmie non umane che vengono studiate, possono essere fatte valutazioni comparative più affidabili delle loro capacità cognitive.

"I confronti diretti tra esseri umani e scimmie soffrono di pervasive interruzioni nelle argomentazioni".

Questa affermazione è un riassunto equo e generale di ciò che Drs. Leavens, Bard e Hopkins concludono nelle loro dettagliate analisi comparative. Sono sempre stato diffidente nei confronti dell'intelligenza di scala tra le specie, incluso, per esempio, che afferma che gli scimpanzé si comportano come bambini piccoli in certi tipi di esperimenti. Sono stato anche cauto e ho discusso contro affermazioni come i cani sono più intelligenti di quelle dei gatti o dei cani sono più intelligenti dei topi o i corvi sono più intelligenti dei passeri. I confronti tra specie diverse sono pieni di errori perché gli individui devono fare quello che devono fare per essere membri portatori di carte della loro specie. Quindi, i cani possono fare cose che i gatti e i topi non possono fare e i topi possono fare cose che né i cani né i gatti possono fare. Tuttavia, sarebbe fuorviante affermare che i membri di una specie sono più intelligenti degli individui delle altre specie. Per ulteriori informazioni sul confronto tra le specie di intelligenza, vedere "I maiali sono intelligenti come i cani e lo sono davvero?"

Quindi, quanto siamo intelligenti? In uno dei suoi libri, il famoso primatologo Dr. Frans de Waal chiede: Siamo abbastanza intelligenti da sapere quanto sono intelligenti gli animali? Secondo de Waal, "Quindi, sì, siamo abbastanza intelligenti da apprezzare altre specie, ma ha richiesto il costante martellamento del nostro cranio denso con centinaia di fatti che erano stati inizialmente cacati dalla scienza." (P.5) osserva inoltre che "enfatizza la continuità evolutiva a scapito dei dualismi tradizionali" come fanno numerosi ricercatori e I. Un altro punto de Waal sottolinea è che siamo animali e che egli considera "la cognizione umana come una varietà di cognizione animale" (p. 5) Sicuramente da un punto di vista evolutivo, questa è una buona mossa.

In un saggio che ho pubblicato nel 2011 intitolato "Animal Minds and the Foible of Human Exceptionalism", ho concluso, "È giunto il momento di sfatare il mito dell'eccezionalismo umano una volta per tutte (per ulteriori discussioni vedi, ad esempio, Lori Gruen's Ethics and Animali). È una prospettiva vuota, superficiale e egoista su chi siamo. Ovviamente siamo eccezionali in varie arene come lo sono altri animali. Forse dovremmo sostituire la nozione di eccezionalismo umano con l'eccezionalità delle specie, una mossa che ci costringerà ad apprezzare altri animali per quello che sono, non chi o che cosa vogliamo che siano. "Ho anche sostenuto che dobbiamo pensare seriamente a eccezionalità individuale, perché ci sono variazioni significative nelle capacità cognitive tra individui della stessa specie che a volte sono più grandi delle variazioni tra individui di specie diverse.

Tutto sommato, spero che "La mismissione della scimmia cognizione sociale" riceva un vasto pubblico. Ci vorrà del tempo per superarlo, tuttavia, i dettagli forniti sono esemplari come lo sono i metodi di analisi. Sono sicuro che alcune persone discuteranno le conclusioni degli autori, ma questo è giusto e avremo discussioni tanto necessarie sul tavolo. Tuttavia, una cosa è certa, e dobbiamo sicuramente stare molto attenti nel fare confronti tra specie diverse.

Si prega di rimanere sintonizzati per ulteriori informazioni sull'argomento "caldo" dei confronti tra le specie di intelligenza. Sono sicuro che ci saranno un sacco di entusiasmanti progetti di ricerca e discussioni e dibattiti di ampio respiro, man mano che i problemi vengono studiati e pubblicati. È anche chiaro che i dati raccolti in studi precedenti devono essere rivisitati, come Drs. Leavens, Bard e Hopkins hanno fatto.

La linea di fondo è chiara: collocare gli umani in cima a una piramide mitica di capacità cognitive e offrire affermazioni speci che gli umani sono tutto ciò che è speciale, unico, migliore e / o "più intelligente" di altri animali deve essere attenuato e preferibilmente, posto in attesa. Di volta in volta queste piramidi fuorvianti e avvilenti si sono sgretolate sotto attento esame.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Ulteriori informazioni su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Il nuovo studio di Ape Cognition mostra che non siamo così unici"