Il nuovo assassino di anziani

Tra il 2014 e il 2015 si è registrato un improvviso picco di morti nelle relazioni nazionali. Nessuno si aspettava questo aumento.

Le persone hanno iniziato a morire prima. Non di molto forse 2 o 3 mesi prima, ma è stato significativo. La prima ondata di statistiche nazionali è stata rapidamente seguita da domande sul perché. La prima spiegazione riguardava le condizioni locali, relative alla ripresa della morte alle condizioni economiche o meteorologiche locali. Fino a quando non è emerso questo aumento non era solo un evento nazionale, ma un fenomeno internazionale. La maggior parte dei paesi industrializzati ha mostrato un simile picco nella morte, ma per diversi gruppi di popolazione. Questo era globale.

E il sorprendente dettaglio che è emerso dalla mortalità di tutti questi paesi è che l'aumento della morte sembra incidere soprattutto sulle popolazioni di anziani e giovani adulti. Con alcune eccezioni, tuttavia, le persone anziane stavano morendo prima rispetto agli anni precedenti. Piccoli ma significativi aumenti nella morte prematura tra gli anziani in tutti i paesi industrializzati.

Ad esempio, secondo il servizio statistico russo (Rosstat), nel primo trimestre del 2015 hanno visto un aumento della mortalità del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, con un aumento del 22% del tasso di mortalità tra coloro che soffrivano di malattie respiratorie malattie seguite da malattie dell'apparato digerente (10 percento), malattie infettive (6,5 percento) e disturbi della circolazione sanguigna (5 percento). Mentre la morte infantile e la morte per omicidio e suicidio, stavano cadendo. Uno degli indizi di questo aumento della morte è stato che la maggior parte delle morti sono state causate da malattie respiratorie causate da raffreddore, influenza e polmonite.

Negli Stati Uniti, Anne Case e Angus Deaton hanno scritto sull'aumento a lungo termine specificamente per un gruppo di americani, gli adulti bianchi. Sebbene dal 1978 al 1998, il tasso di mortalità per i bianchi americani tra 45 e 54 anni sia diminuito del 2% all'anno – che corrisponde alla media degli altri paesi industrializzati – dopo il 1998, mentre il resto dei paesi industrializzati ha continuato a mostrare un 2% declino annuale della mortalità, negli Stati Uniti il ​​gruppo di età 45-54 ha mostrato un aumento annuale mezzo punto percentuale. Invertendo decenni di progressi nell'abbassamento della mortalità, tra il 1999 e il 2013 si è registrato un marcato aumento della morte di uomini e donne bianchi di mezza età negli Stati Uniti. Per tre gruppi, in particolare, quelli anziani (con la più alta mortalità) 45-49, 56 -59 e 50-54. Tra gli anziani americani, la mortalità è rimasta costante o migliorata durante questo periodo. Questo aumento per i bianchi è stato in gran parte spiegato da un aumento della morte da avvelenamenti da droghe e alcol, suicidio e malattie croniche del fegato, tra cui la cirrosi ed è stato particolarmente grave per quelli con meno istruzione.

La cattiva salute negli Stati Uniti rimane una questione economica individuale. Dove ad esempio la morte materna è doppia rispetto a quella dei nostri vicini in Canada, nonostante il fatto che paghiamo il doppio della salute rispetto ai canadesi. Gli americani ottengono un rendimento molto scarso per il loro contributo all'assistenza sanitaria. L'aumento della morte riflette un declino della salute, della salute mentale e della capacità di condurre attività quotidiane. Inoltre, vi è stato un aumento delle segnalazioni di dolore cronico e incapacità al lavoro, oltre a deterioramenti clinicamente misurati nella funzionalità epatica. Tutti questi indicatori indicano un crescente disagio in questa popolazione bianca. Sebbene ci siano alcune critiche metodologiche – l'aggiustamento dell'età quando le popolazioni cambiano – la tesi centrale è solida, che negli Stati Uniti i bianchi di mezza età hanno un aumento della mortalità più elevato rispetto ad altre popolazioni. E sorprendentemente il fenomeno è che questo aumento è ancora in crescita.

Dall'altra parte dell'Atlantico, nel Regno Unito, il 2015 ha visto il più grande aumento del numero di decessi registrati in Inghilterra e Galles in oltre un decennio. Sebbene la maggiore mortalità abbia raggiunto il picco durante l'inverno, è rimasta leggermente al di sopra della media quinquennale per il resto dell'anno. Entro il 2016 la mortalità era pari a circa il 3,8% sopra la media dei 5 anni, ma ancora senza tenere conto delle variazioni di età della popolazione. Questo aumento è stato determinato in gran parte da un aumento della mortalità in più di 75 anni (83% dell'aumento). La causa è attribuita alla demenza e alle malattie respiratorie, tra cui raffreddore, influenza e polmonite. Un simile aumento è stato riscontrato in molti altri paesi europei. È normale che la mortalità raggiunga il picco durante la stagione invernale, specialmente per le popolazioni più anziane – gli adulti più anziani sono più inclini al freddo – ma non è solo il freddo a uccidere gli adulti più grandi. In Europa a luglio 2016 si è osservato un leggero aumento della mortalità tra gli anziani in tutti i paesi, il più significativo è stato in Francia e in Portogallo dall'inizio di luglio, aumenti che sono iniziati durante le alte temperature.

Anche se dobbiamo essere cauti nell'estrapolare i dati di un singolo anno o utilizzare metodologie singole in quanto potrebbe essere una fluttuazione errata. Qualcosa spunta nella mortalità si verifica naturalmente a causa di una convergenza di molti fattori separati. Poiché questo è un capovolgimento di una tendenza – dove oltre l'aumento della mortalità dovuto alle guerre, l'aspettativa di vita è migliorata da quasi un secolo – qualsiasi inversione merita attenzione.

Alcuni ricercatori hanno sostenuto uno status sociale / classe causando l'aumento delle morti. Soprattutto negli Stati Uniti, dove il picco di morti si è verificato tra i residenti bianchi meno istruiti. Il rallentamento dell'economia dopo il 2008 – sebbene abbia colpito più severamente le minoranze – per la popolazione bianca il cambiamento è stato drammatico e inaspettato. Le minoranze hanno avuto un po 'di tempo per acclimatarsi a questa depressione. Questo è un buon argomento, tranne per il fatto che non spiega tutti i dati, specialmente quelli del Regno Unito.

Il picco di mortalità nel Regno Unito si è verificato in tutte le aree del paese ad eccezione di Londra. Se le morti fossero principalmente guidate dalla povertà, dovremmo vedere le contee più povere che denunciano morti più elevate, cosa che fanno, ma non in modo coerente. A causa dell'inconsistenza delle morti, sembrano esserci altre variabili in gioco. Poiché l'aumento dei decessi è anche un fenomeno globale, potrebbe essere l'inizio di una tendenza in crescita e potrebbe valere la pena esplorare altri fattori globali diversi dall'economia, che è importante ma non esaustiva.

Flickrcommons/Stephan Ridgway
Fonte: Flickrcommons / Stephan Ridgway

Poiché questi aumentati decessi sono principalmente causati dall'influenza e dalla polmonite – i principali killer per gli anziani – potrebbero esserci dei fattori ambientali in gioco. Anche se dovremmo assistere a un crescente aumento delle morti perché la nostra popolazione sta invecchiando, queste fluttuazioni annuali potrebbero essere aggravate da un aumento sia della prevalenza di batteri e virus sia della nostra ridotta capacità di resistere a queste nuove infezioni.

I cambiamenti climatici globali e gli anti-biotici meno efficaci insieme a una popolazione più vulnerabile – sia più anziana che forse meno resistente a causa della povertà – potrebbero accelerare le morti. Anche in questo caso, sebbene si tratti di piccoli cambiamenti nelle tendenze, essi sono abbastanza unici da meritare un monitoraggio serio. L'inversione di mezzo secolo di progressi nell'aspettativa di vita potrebbe annunciare un nuovo modo di guardare alle malattie che abbracciano un ruolo più centrale di sanità pubblica. Potremmo vedere che per affrontare la salute potremmo dover guardare meglio all'ambiente. Dovremo aspettare e vedere come e quando continueremo a morire.

© USA Copyrighted 2016 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "Il nuovo assassino di anziani"