Il nuovo anno, il viaggio nel tempo e l'essenza della creatività

Per molti anni ho praticato una tradizione di Capodanno. Molto tardi a Capodanno, dopo che i festeggiamenti della notte sono finiti e il resto degli allegri produttori si sono ritirati nei loro sogni ispirati allo champagne, mi sistemo in un comodo divano nella tana e guardo uno dei miei film preferiti che risalgono all'infanzia. Lo faccio per inaugurare il nuovo anno con un esercizio stimolante per la creatività. Il film è HG Well's The Time Machine (la versione del 1960 con Rod Taylor e Yvette Mimieux). Sono un fan di tutto ciò che riguarda il film, dalla inquietante colonna sonora di Russell Garcia ai set e persino ai costumi di Morlock. Oltre al fatto che la storia ha un tema di Capodanno (è ambientata a Capodanno nell'Inghilterra dell'inizio del secolo), sia il film che il libro originale di Wells sono commenti stimolanti sul corso dello sviluppo umano attraverso tempo. Credo che siano anche metafore per il processo creativo.
Nella storia George (la parte di Rod Taylor nel film … ma nel libro viene semplicemente chiamato The Time Traveller) inventa una macchina del tempo che lo porterà avanti nel futuro o indietro nel passato. Come molti creativi, George (che potrebbe rappresentare lui stesso – i suoi amici lo chiamavano George) è il futuro – piuttosto che orientato al passato. E sceglie di esplorare i progressi che l'umanità avvierà in futuro in modo che possa riportarli ai suoi tempi.
Invece dell'armonia interpersonale e della società utopistica attesa, tuttavia, trova solo la guerra e la distruzione mentre viaggia in avanti nel tempo. Alla fine arriva ad un futuro in cui la specie umana si è separata in due rami, uno con terribili ripercussioni per il ramo che più ci assomiglia. Un'altra scoperta inquietante è che gli umani del futuro non possono leggere e hanno permesso ai loro libri di disintegrarsi in polvere.
George sente che c'è ancora una scintilla di speranza, tuttavia, poiché alcuni membri della futura razza umana apparentemente condannata si uniscono con lui per sconfiggere il malvagio Morlock. Ritorna nella sua macchina del tempo nell'Inghilterra vittoriana abbastanza a lungo da raccontare la storia della sua avventura ai suoi amici scettici.
Più tardi la governante di George e il suo fedele amico Philby scoprono che la macchina del tempo – e tre libri della biblioteca di George – sono dispersi. Presumibilmente George li ha portati con sé per aiutare a ristabilire le conoscenze passate per la razza umana del futuro privato del libro. Il film finisce con Philby che chiede alla governante quali tre libri avrebbe preso.
Ecco la mia interpretazione della "metafora creativa": George the Time Traveler è una metafora dell'eroe creativo (una delle mie convinzioni è che tutte le persone che usano le proprie capacità creative sono eroi, la creatività richiede coraggio). Si avventura coraggiosamente nel futuro incerto (una metafora o caos o il mitico "sconosciuto"), ma porta con sé tre libri (che sono una metafora della tradizione e delle conoscenze consolidate). È questa applicazione della conoscenza già conosciuta in un nuovo ambiente o situazione che comprende la creatività. La creatività è, nella sua essenza, la capacità di prendere informazioni note e combinarle in nuovi modi per affrontare nuove sfide: la capacità di adattare le vecchie conoscenze a nuovi scopi.
Ed ecco l'esercizio di creatività che la Time Machine suggerisce a tutti noi: quali tre libri avresti preso?
Quali conoscenze e tradizioni del passato dovremo, come cittadini del XXI secolo in rapida evoluzione, guidati dall'informazione e dalla tecnologia, portarci con noi a inserirci nel nostro nuovo, coraggioso mondo del futuro? …

Solutions Collecting From Web of "Il nuovo anno, il viaggio nel tempo e l'essenza della creatività"