Il nero "intero" della schizofrenia

Si noti che una modifica di questo articolo è stata originariamente pubblicata sul sito Web, Brainblogger. Il Dr. Olson ha anche pubblicato un libro dal titolo: "Illuminating Schizophrenia: Insights into the Uncommon Mind". Questo libro è disponibile sul sito web di Amazon.com.

È stato affermato che gli schizofrenici paranoici sono più cognitivamente capaci di quelli che manifestano altre forme di schizofrenia. Mentre questa affermazione può essere in qualche modo discutibile, esiste una realtà che gli schizofrenici paranoici pensano alle loro circostanze, invece di essere semplicemente sopraffatti e confusi dai loro sintomi, anche se alcuni sintomi deliranti. Date le ipotesi deliranti di base che gli schizofrenici paranoici possono contenere, la paranoia è forse una reazione comprensibile ai loro sintomi.

La paranoia che certi schizofrenici mostrano o forse nascondono riflette una reazione alle attribuzioni che formano le premesse di ciò che gli schizofrenici paranoici credono. Può o non può essere ovvio che la paranoia esiste come risultato della convinzione che qualcosa o qualcuno forse incomprensibile detiene il potere sulla propria vita, il proprio sé, le proprie emozioni e persino i propri pensieri. Quando lo schizofrenico attribuisce intenzionalità a chiunque o qualsiasi cosa sta causando i suoi sintomi, la paranoia è una reazione comprensibile.

Pensare ai propri sintomi, (ad esempio le proprie allucinazioni uditive), è probabile che porti a un sistema delirante composto nel paranoico schizofrenico. Non è una situazione confortante essere soli con la propria esperienza non normativa, tenere idee e credenze che apparentemente nessun altro sostiene e avere paura. Gli schizofrenici si sentono in dovere di dare un senso a se stessi agli individui non psicotici. Cercano un riflesso dei loro stati interni e, dato che il comportamento interpersonale, il sentimento condiviso implicante, è confortante, diventa evidente che gli schizofrenici paranoici hanno poco conforto riguardo alla loro esistenza.

Questo scrittore ha affermato in passato che le delusioni psicotiche possono essere combattute dal rifiuto dello schizofrenico di esprimere un giudizio sulle sue allucinazioni. Considerazione della affermazione e postulazione che "il tutto se più della somma delle parti", riflette la ragione di un rifiuto di esprimere un giudizio: un giudizio su "il tutto", e può essere "un buco nero", consente per il rifiuto di attuare la gravitazione verso la "realtà" di quello che potrebbe diventare il sistema delirante paranoico e costruito del paranoico schizofrenico. Si noti che, in molti schizofrenici paranoici, questo tipo di giudizio sull'intero può comportare il suicidio.

Una volta ho letto una citazione che afferma essenzialmente che "siamo felici se, per tutto ciò che è dentro di noi, ci sia un uguale e opposto riflesso di noi nel mondo esterno". Questo vale per la salute mentale di un individuo e rappresenta una base per la teoria umanistica e terapia.

Una riflessione accurata del sé è ciò che è al centro dell'enigma inerente ai sistemi deliranti degli schizofrenici. Se lo schizofrenico fa un giudizio apparentemente onnicomprensivo sulla sua condizione di malattia mentale, la sua visione del sé sulla scia di tale affermazione di allucinazioni e delusioni può, ancora una volta, costituire una base per il suicidio.

Anche la comprensione relativa di questo articolo potrebbe fornire alcune basi per la riflessione psicoterapeutica del paranoico schizofrenico. Tuttavia, questa affermazione equivarrebbe a contestare che la psicoeducazione è curativa e lo è solo marginalmente. La psicoeducazione equivale alla metacognizione: viene rimossa dai pensieri e dai sentimenti viscerali che non sono logici, che contengono contraddizioni e sono correlati in modo non sistematico in termini di un insieme congruente. Questo articolo rappresenta una sorta di meta-teoria, o teoria della teoria basata essenzialmente sulle teorie deliranti degli schizofrenici, paranoiche o meno. In termini di ciò, ciò che è scritto qui non ha l'immediatezza o la qualità viscerale dell'esperienza sensoriale o, per quella materia, l'esperienza pseudo-sensoriale delle allucinazioni.

In definitiva e come affermato, la riflessione accurata degli stati interni degli schizofrenici è carente in psicoterapia con questi individui. Potrebbe essere più facile entrare in empatia con questi individui – senza convalidare i loro sistemi deliranti – di quanto non si realizzi. Tuttavia, un'accurata riflessione sullo stato interno degli schizofrenici è ciò che manca alla psicoterapia con questi individui.

Solutions Collecting From Web of "Il nero "intero" della schizofrenia"