Il modo migliore per ottenere amore è mostrare amore

solominviktor/Shutterstock
Fonte: solominviktor / Shutterstock

Molti di noi sono consapevoli dell'importanza di sfoggiare un sorriso piuttosto che un cipiglio per essere percepiti positivamente dagli altri. Quando sorridiamo, le persone danno per scontato che siamo felici o che ci piace stare con loro o con entrambi. Tuttavia, ciò che non possiamo renderci conto è che la nostra faccia comunica emozioni altrettanto potenti attraverso segnali molto più sottili. Una microespressione è, a quanto sembra, uno di quei piccoli segnali sottili.

Quelle piccole rughe che si formano intorno ai tuoi occhi sono un esempio di microespressione. Così sono le occhiate che dai quando ti guardi intorno o anche la vaga occhiata che hai sparato a uno sconosciuto che ti urta contro la spalla mentre sei in fila. Una microespressione può suggerire allo straniero che stai bene con questa invasione del tuo spazio personale o che se lui o lei non fa marcia indietro, potrebbe accadere qualcosa di brutto.

Proprio come ci sono microespressioni che possono alienarci o affezionarci agli altri, quindi ci sono micro-comportamenti , composti da parole e azioni che aiutano o ostacolano le nostre relazioni con gli altri. Lo psicologo della Columbia University Derald Sue (2010) ha coniato il termine microaggressione per indicare azioni dannose che si verificano appena al di sotto del livello di aggressività vera e propria.

Il contesto specifico in cui Sue e i suoi collaboratori hanno esaminato l'idea della microaggressività è quello della discriminazione razziale. Hanno proposto che il chiaro razzismo sia andato sottoterra ed è stato sostituito da tipi di comunicazione più sottili in cui i perpetratori (che molti non sono coscientemente consapevoli di ciò che stanno facendo) commettono ogni tipo di indignità in cui sminuiscono, insultano o in altro modo ottengono altri gruppi razziali.

La psicologa della George Washington University, Tessa Basford (2014) e le sue associate hanno proposto che le microaggressioni possano essere commesse contro qualsiasi obiettivo di discriminazione. Sostengono che i comportamenti sessisti hanno subito una trasformazione simile e hanno visto come possibile che le microaggressioni siano commesse contro donne da uomini che non possono o non ascrivono apertamente a opinioni sessiste.

Qui di seguito spiegherò come il team di Basford ha definito e misurato la microaggressione contro le donne, ma prima mi piacerebbe capovolgere il concetto al suo opposto – le micro-analisi . Perché i nostri comportamenti verbali e non verbali permettono agli altri nella nostra vita quotidiana di sapere come ci sentiamo, non è possibile che esprimiamo spesso sentimenti prosociali in questi modi appena percettibili?

Torna da quello sconosciuto che ti ha dato uno spintone accidentale. Se la tua microespressione comunica che non ti dispiace o pensi che sia divertente, avrai fatto un'incursione iniziale in quella che potrebbe essere una piacevole conversazione che trascorre il tempo mentre entrambi aspettate. Allo stesso modo, con persone che sono già nella tua vita – o che vorresti avere nella tua vita – puoi fornire spunti che ti accontenti di essere intorno a loro e di goderti la loro compagnia. Ancora meglio, mettere quei sentimenti in parole o fatti può aiutare le persone a sentirsi più a loro agio e rilassate intorno a te.

Ora, diamo un'occhiata a quelle microaggressioni. Basford e i suoi collaboratori hanno ingegnosamente ideato una serie di scenari lavorativi che descrivono situazioni in cui le donne sono state esposte a vari livelli di microaggressioni. Lo scopo dello studio era di determinare se le persone che leggevano questi scenari li avrebbero riconosciuti come tali. Inoltre, il team ha cercato di scoprire quanto dannose potrebbero essere quelle microaggresioni, come percepito dai partecipanti.

Gli scenari sul posto di lavoro della squadra andavano da neutri a poco meno di un'aggressione vera e propria. Ai partecipanti è stato chiesto di valutarli sulla gravità del reato e hanno valutato le conseguenze negative percepite di ciascuno. Puoi metterti alla prova su quanto accuratamente puoi valutarli. (Ho sintetizzato ognuno per lunghezza).

In ogni caso, il supervisore è un uomo e il supervisore è una donna:

  • Scenario 1 : un manager dice a un addetto alle vendite che sta facendo un ottimo lavoro, ma i vestiti che indossa inviano messaggi sbagliati ai clienti perché sono troppo "femminili".
  • Scenario 2: un supervisore dice al suo supervisore che sta facendo un buon lavoro, tutt'intorno, ma che potrebbe beneficiare di un maggiore addestramento perché "c'è sempre spazio per miglioramenti".
  • Scenario 3: un lavoratore appena assoldato accumula una serie di risultati. Dopo aver fatto una presentazione formale su questi, il suo manager le chiede chi l'ha aiutata con la presentazione.
  • Scenario 4: parlando di un collega al suo capo, una dipendente di sesso femminile riferisce di aver sentito per caso un collega di sesso maschile che parla in modo critico della sua capacità di condurre perché è una donna. Il capo afferma che la donna sta esagerando, perché il collega in questione "proprio non è così".

Secondo i dati di Basford, i partecipanti (che erano studenti universitari) erano in grado di rilevare il livello di microaggressività in ogni scenario e di differenziare il potenziale impatto sui lavoratori. Lo scenario 1, chiamato "microassault", era il più dannoso, seguito dallo scenario 3, un "microinsulto" e lo scenario 4, una "microinvalidazione". Lo scenario 2, in cui il capo offre un feedback costruttivo, era percepito come non dannoso e , di fatto, si adatta alla categoria di "nessuna microaggresione".

Estrapolando le relazioni, puoi anche vedere come potrebbero applicarsi questi scenari tra partner romantici. Un marito può costantemente svalutare i risultati della moglie, non prenderla sul serio o commentare negativamente la sua apparizione in modi che potrebbero farla sentire meno di un pari.

Sia in casa che sul posto di lavoro, qualsiasi espressione di microaggressione ti porta a essere percepito in modo più negativo dagli altri. Se gli studenti universitari in questo studio, a malapena esperti di dinamiche sul posto di lavoro, potrebbero cogliere queste sottili forme di sessismo, è ovvio che qualsiasi adulto che osserva questi comportamenti potrebbe trarre conclusioni simili sul modo in cui si potrebbe essere percepiti.

Per quanto importanti siano questi risultati per ampliare la nostra comprensione della discriminazione di genere, possiamo anche imparare da loro come le micro-affezioni potrebbero aiutarti nelle tue relazioni più strette. Essere sensibili agli accuse involontarie che potresti commettere può danneggiare il tuo partner relazionale può aiutarti a evitare che il partner si senta male per se stesso. Al contrario, fornire a chi ti sta a cuore con vibrazioni positive può farli sentire meglio con se stessi e con te .

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo su Facebook, "Completamento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Riferimenti

Basford, TE, Offermann, LR, & Behrend, TS (2014). Vedi quello che vedo io? Percezioni di microaggressioni di genere sul posto di lavoro. Psychology Of Women Quarterly, 38 (3), 340-349. doi: 10,1177 / 0361684313511420

Sue, DW (2010) Microaggressioni nella vita di tutti i giorni: razza, genere e orientamento sessuale. Hoboken NJ: John Wiley and Sons.

Copyright Susan Krauss Whitbourne 2015

Solutions Collecting From Web of "Il modo migliore per ottenere amore è mostrare amore"