Il modo migliore per affrontare l'imbarazzo

A un certo punto o a un altro è successo a tutti: hai dimenticato di comprimere un vestito. C'è cibo tra i denti. Il tuo corpo ha emesso uno sfortunato rumore. O hai versato qualcosa su te stesso e tutti quelli intorno a te. Non c'è niente che puoi fare per annullare la situazione, anche se potresti desiderare di poter ritrasformare le mani imbarazzanti del tempo.

Se sei un recidivo o solo occasionalmente hai questi momenti "opprimenti", sarebbe utile sapere di districarti dall'imbarazzo. Fortunatamente, uno studio del professore del John Jay College Joshua Clegg (2012) fornisce alcune indicazioni. Definendo le situazioni socialmente imbarazzanti come "istanze problematiche di affiliazione sociale", Clegg basa il suo lavoro sulla teoria secondo la quale la maggior parte delle persone ha bisogno di appartenere. Questo desiderio di affiliazione ci porta a impegnarci in autoregolamentazione, in cui siamo costantemente alla ricerca di vedere cosa pensano gli altri di noi. Quando pensiamo che le persone ci stiano valutando negativamente, il nostro senso del sé ha un enorme successo.

Per comprendere l'esperienza di sentirsi socialmente a disagio, Clegg ha intrapreso quello che viene definito uno studio "narrativo", in cui lui e il suo gruppo di ricerca hanno chiesto ai partecipanti di riferire in modo approfondito su una particolare istanza. I ricercatori hanno utilizzato un'intervista semi-strutturata che ha permesso ai partecipanti la libertà di descrivere le loro esperienze, ma ha anche fornito alcune indicazioni in modo che le risposte fossero interpretabili tra i partecipanti.

Clegg e il suo team hanno discusso ciascuna delle risposte, cercando temi comuni. Tra i partecipanti c'erano studenti universitari e persone di diverse età e stili di vita, tra cui un uomo sui 90 anni. L'obiettivo era approfondire le narrative degli intervistati, piuttosto che contare le proporzioni, come avviene in altri sondaggi. Pertanto, le scoperte sono particolarmente utili per ottenere uno sguardo interiore nell'esperienza dell'agguato sociale.

Situazioni sociali tese o incerte   sono stati il ​​primo tipo di disagio che Clegg e il suo team hanno identificato. Questi potrebbero essere improvvisi (come quando cadi o rovesci qualcosa), ma spesso sono quelli che ti aspetti in anticipo essere imbarazzanti. Ad esempio, Clegg ha descritto l'esperienza di "incontrare i genitori" dell'altro significativo. In generale, meno sai cosa aspettarti da una situazione, più ti aspetti che sia imbarazzante. Se sei fortunato, però, la situazione non si rivela così grave come ti aspettavi, quindi l'imbarazzo non si realizza mai.

L'imbarazzo può anche assumere la forma di una trasgressione percepita.   Ad esempio, tu dici o fai qualcosa che supera i limiti del gusto o della proprietà. Potresti, ad esempio, fare una battuta su qualcuno che non conosci molto bene, ma renditi conto solo dopo aver sbottato il commento che è andato troppo oltre. È imbarazzante non solo commettere una trasgressione sociale come questa, ma essere parte di un gruppo in cui è fatto da qualcun altro.

Durante un momento imbarazzante, è probabile che tu provi un'intensa concentrazione di attenzione sociale.   Il tempo può sembrare rallentare o fermarsi, come nella tua mente (e probabilmente nella realtà), sei diventato il bersaglio dello sguardo di tutti. Ti senti ansioso e imbarazzato, e forse anche esperienza di mani sudate e palpitazioni cardiache. Anche se alcuni individui amano essere al centro dell'attenzione, in particolare quelli ad alto contenuto di narcisismo, dopo aver commesso una trasgressione sociale, la sensazione che gli altri stanno fissando è in genere scomoda durante o dopo un momento imbarazzante.

Una volta che inizi a sentirti a disagio, è probabile che ti comporterai in un modo che diventa ancora più imbarazzante. La tua ansia può portarti a ridere con ansia, parlare con un tono di voce tremolante, sembrare a disagio, e arrossire o balbettare. Allo stesso tempo, altre persone nella stanza possono sentirsi un tipo empatico di imbarazzo. Pensano a come potrebbe essere se la cosa imbarazzante succedesse a loro, ma potrebbero anche sentire che il tuo comportamento li fa sembrare cattivi. Cosa succede se porti un amico a una festa e l'amico versa la soda su se stessa? Potresti essere contento che almeno nessuno di questi ti abbia colpito, ma potresti anche pensare che tutti gli altri ti giudicheranno anche goffo, perché era tuo amico.

Ora che abbiamo esaminato l'anatomia di una situazione imbarazzante, passiamo a vedere come i partecipanti allo studio Clegg hanno risolto i loro sentimenti di ansia e disagio. In primo luogo, Clegg e il suo team hanno notato che i partecipanti erano ansiosi di far andare via tutto il più velocemente possibile. Come disse un partecipante, "mi sentivo più a lungo lo lasciavo stare, più si tormentava e si sentiva semplicemente a disagio e si lasciava l'amaro in bocca a tutti" (pagina 270).

Quando hai commesso un atto scomodo, ci sono due grandi alternative: fai finta che non sia successo (evitamento) o affrontalo direttamente. Il comico Chevy Chase, nei suoi primi giorni, era il padrone del lancio di una grande pratfall da cui balzò in piedi e andò avanti come se nulla fosse accaduto. Può essere divertente per un comico commettere un tale passo falso, ma quando succede a te, non c'è niente di divertente in questo. In una risposta evitante , cerchi di allontanarti dalla situazione distogliendo lo sguardo, oppure potresti uscire e andartene durante la prima opportunità.

Sfortunatamente, fingendo che qualcosa di brutto non sia accaduto, non lo fai andare via. Potresti decidere che dal momento che non c'è niente che puoi fare, è meglio dimenticarlo e andare avanti, ma almeno nella mente di alcune persone, non è stato risolto. Un esempio di Clegg è di una giovane donna in una piscina il cui costume da bagno era venuto via. Ovviamente, era imbarazzata, ma piuttosto che seguire i suoi sentimenti, lei nuotò via il più rapidamente possibile, sperando che nessuno se ne accorgesse (anche se ovviamente lo fecero).

Una strategia molto migliore per risolvere l'imbarazzo è affrontarla direttamente.   Nella maggior parte dei casi che Clegg ha indagato, la situazione è stata risolta meglio attraverso l'umorismo. Questo deve applicarsi a te quando sei colui che ha commesso l'atto scomodo. Non guadagnerai amici se usi l'umorismo per prendere in giro il loro imbarazzo. Tuttavia, i tuoi amici si sentiranno molto meglio riguardo alla situazione e probabilmente ti ammireranno per il tuo coraggio quando sarai vittima di una trasgressione sociale. Non devi essere un comico professionista per sapere come usare l'umorismo in una situazione imbarazzante. Anche dire "goffo!" Può fare il trucco.

Poiché tutti hanno momenti di imbarazzo, non ha senso immaginare di poter essere immune da loro. Invece, dimostrando che sei in grado di gestire il disagio e andare avanti, ridurrai al minimo i loro effetti sul modo in cui gli altri ti osservano e su come ti vedi.

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo su Facebook, "Completamento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

 

Copyright Susan Krauss Whitbourne 2014

Riferimento: Clegg, JW (2012). L'importanza di sentirsi a disagio: una fenomenologia narrativa dialogica di situazioni socialmente imbarazzanti. Ricerca qualitativa in psicologia, 9 (3), 262-278.

Fonte immagine: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Embarrassed_woman.jpg

Solutions Collecting From Web of "Il modo migliore per affrontare l'imbarazzo"