Il modello di malattia della depressione non ha sollevato la stigma della depressione

La nostra concezione sempre più dominante della depressione è che si tratta di una malattia medica come qualsiasi altra. Il modello di malattia della depressione – l'idea che la depressione sia causata da difetti genetici o cerebrali – è diffuso dalla psichiatria e dalle case farmaceutiche, che hanno speso enormi risorse pubblicitarie in modo che il pubblico possa vedere la depressione come una malattia medica. Dato che qualcosa come 27 milioni di persone stanno assumendo antidepressivi, è chiaro che è diventato più accettabile assumere farmaci per la depressione.

I gruppi di difesa dei pazienti hanno acquistato il modello della malattia, spesso perché credono che vedere la depressione come una malattia come qualsiasi altra riduca lo stigma associato alla depressione. Questa motivazione è pura. Storicamente le persone che hanno sofferto di depressione hanno avuto la tendenza a soffrire in silenzio e / o non hanno cercato un trattamento a causa della vergogna associata all'ammettere la depressione. Negli Stati Uniti nei secoli XIX e XX, praticamente ogni forma di malattia mentale era associata a un fallimento morale o al segno di un carattere debole.

In precedenza, ho espresso dubbi sul fatto che un'adozione più diffusa del modello di malattia ridurrebbe di fatto lo stigma della depressione.

Ora la prova è in: Un nuovo studio di ricerca su larga scala pubblicato sull'American Journal of Psychiatry ha scoperto che, nonostante un maggior consenso da parte del pubblico delle spiegazioni neurobiologiche per la depressione (e altre malattie mentali), non c'è stata diminuzione del pregiudizio e della discrimienza nei confronti delle persone chi soffre di loro.

I ricercatori hanno analizzato le domande poste a un campione rappresentativo nazionale di adulti come parte della General Social Survey (GSS), un'indagine che prevede interviste faccia a faccia. Gli scienziati hanno testato il cambiamento dell'atteggiamento nei confronti della diversa malattia mentale presentando vignette che coinvolgevano una persona che soffriva di depressione, schizofrenia o dipendenza da alcol. Lo stigma è stato misurato con articoli che chiedevano agli intervistati quanto sarebbero disposti ad avere la persona descritta nella vignetta come una stretta collaboratrice, vicina di casa, sposata con la famiglia o con un amico.

Dal 1996 al 2006, una percentuale crescente del pubblico americano riteneva che la depressione fosse dovuta a cause biologiche e dovesse essere curata da un medico. Nel 2006, il 67% ha approvato la visione biologica della depressione e l'85% ha approvato il trattamento da un medico. Ironia della sorte, non vi era alcuna prova che il possesso di una visione biologica della depressione diminuiva il rifiuto della persona descritta nelle vignette. Ad esempio, nel 2006, il 47 percento degli intervistati ha dichiarato di non voler lavorare a stretto contatto con la persona depressa; questo era salito dal 46% nel 1996. Inoltre, in tutti i sondaggi e in tutte le condizioni di vignettatura, il possesso di una concezione neurobiologica della malattia mentale non era correlato allo stigma o tendeva ad aumentare le probabilità di una reazione stigmatizzante.

L'autore principale della carta, il sociologo Bernice Pescosolido, riassume perfettamente la situazione: "Il pregiudizio e la discriminazione negli Stati Uniti non si stanno muovendo … In effetti, in alcuni casi, potrebbe essere in aumento. È tempo di tirarsi indietro e ripensare al nostro approccio. "

Riferimento: Pescosolido, BA, Martin, JK, Long, JS, Medina, TR, Phelan, JC, Link, BG "Una malattia come qualsiasi altra"? Un decennio di cambiamenti nelle reazioni pubbliche alla schizofrenia, alla depressione e alla dipendenza da alcol, American Journal of Psychiatry 2010 0: appi.ajp.2010.09121743

Vedi i miei post precedenti su questo argomento, qui e qui

Solutions Collecting From Web of "Il modello di malattia della depressione non ha sollevato la stigma della depressione"