Il modello di abitudine dello sviluppo morale

"Noi siamo ciò che facciamo continuamente. L'eccellenza, quindi, non è un atto, ma un'abitudine. "- Will Durant

Aristotele credeva che fossero necessarie molte cose per uno sviluppo morale ottimale, ma uno dei più importanti era un modello di ruolo o esemplare che si potesse imitare, coltivando abitudini moralmente appropriate che diventano virtù morali nel tempo. Per Aristotele, le virtù sono disposizioni stabilite – stati di carattere – che riguardano la credenza, il desiderio, il sentimento e l'azione. Le virtù sono abitudini e modi eccellenti di essere e agire nel mondo.

Per diventare virtuosi dovremmo acquisire il giusto tipo di abitudini e desideri nell'infanzia; ma più in generale per diventare più virtuosi, dobbiamo fare atti virtuosi. Come dice lui: "Diventiamo costruttori … costruendo, e diventiamo arpisti suonando l'arpa. Allo stesso modo, noi diventiamo semplicemente facendo solo azioni, temperate facendo azioni moderate, coraggiosi facendo azioni coraggiose "( Nicomachean Ethics 1103b). E lo facciamo in parte emulando un esempio morale, osservando come vive e poi cercando di fare lo stesso.

Perché un'azione sia pienamente virtuosa, non è solo che l'atto ha qualità particolari, ma anche che l'agente che esegue l'atto fa altrettanto. Deve sapere che sta facendo l'azione virtuosa, deve decidere da sola di farlo, e deve fare l'atto da un personaggio stabile ("uno stato fermo e immutabile"). Le due ultime condizioni possono essere raggiunte, secondo Aristotele, eseguendo frequentemente azioni virtuose, a imitazione di alcuni esempi morali.

Per applicare questo modello, dobbiamo prima identificare un'area della vita in cui vorremmo vedere alcuni sviluppi morali, e quindi dobbiamo prendere passi intenzionali e concreti per coltivare quel tratto caratteriale. Per esempio, se penso di mancare di generosità, allora dovrei pianificare e portare avanti una serie di azioni generose, forse anche impegnandomi in qualche causa per un lungo periodo di tempo, dando sia il mio tempo che i miei soldi. Se Aristotele ha ragione, mentre lo faccio nel tempo la generosità diventerà per me una seconda natura; diventerà un'abitudine e diventerò una persona generosa.

In un prossimo post, parlerò delle critiche al modello di abitudine di sviluppo morale di Aristotele.

@michaelwaustin

Solutions Collecting From Web of "Il modello di abitudine dello sviluppo morale"