Il mito dello stress rivelato – Parte 3

Immagina bambini i cui genitori sono così poveri da non riuscire a permettersi il cibo. Quando sono affamati, questi bambini scavano nella spazzatura per trovare i resti dei pasti degli altri. Dormono in scatole di cartone o fuori, accalcati insieme per il calore.

Il mondo direbbe che questa è una situazione intrinsecamente stressante. Leggi The Glass Castle , di Jeannette Walls, tuttavia, e vedrai che questo non è necessariamente vero. Walls, che ha vissuto questa esperienza durante la sua infanzia, ne ha visto molto come un'avventura. Anche se questo può essere un punto di vista estremamente insolito, la verità è spesso rivelata agli estremi, dove può svincolarsi da assunzioni comuni.

Non sto dicendo che le cose non succedono nel mondo. Le cose accadono continuamente. Ma non significano nulla finché non li interpretiamo. Come disse Shakespeare in Amleto, "perché non c'è nulla di buono o cattivo, ma il pensiero lo rende così". Sta pensando che crea tutti i giudizi di valore, e sta pensando che crea anche stress.

La ragione per cui gli umani sperimentano molto più stress delle altre specie non è solo perché pensiamo di più, ma anche perché pensiamo in modo diverso. Nel corso dell'evoluzione umana, il nostro cervello divenne molto più capace di un certo tipo di pensiero astratto. I linguisti chiamano questo pensiero controfattuale . I tuoi pensieri contrastano i fatti della vita così come sono in realtà. Ad esempio, prendi un pensiero come "Se fossi dieci chili più leggero, mi sentirei meglio con me stesso." Questo è un pensiero controfattuale. Pesate ciò che pesate e la vostra mente contrappone i fatti della realtà attraverso un pensiero astratto.

Ecco alcuni esempi: "Dovrei avere più soldi." "Il mio capo non dovrebbe microgestirmi." "So che ho intenzione di perdere il lavoro." Come spiegherò in The Myth of Stress , anche questi sono controfattuali pensieri, perché anche loro contrastano i fatti della vita come realmente esistono. Ecco cosa importa: ogni volta che provi stress, stai pensando in modo controfattuale. E quando la tua mente viene riportata alla realtà dei fatti, il tuo stress si dissolve.

Sembra troppo semplice per essere vero, ma è il segreto per una resilienza di gran lunga maggiore. Meno pensi controfattualmente, meno senti lo stress. Lo stress, in questa luce, non è una brutta cosa. È semplicemente un sistema di avvertimento che ti dice che la tua mente ha perso il contatto con ciò che è reale.

Certo, alcune persone che leggono questo dicono che non è vero, che sperimentano lo stress esattamente quando vedono ciò che è reale – guerra, abusi, i suoceri, ecc. Ma la mente che vede la guerra non sperimenta lo stress finché non crede "La guerra non dovrebbe esistere". La mente che vede i suoceri non sperimenta lo stress finché non crede "Non dovrebbero essere così critici". Quindi inizia lo stress. Guarda più da vicino lo stress della tua vita e puoi identificare che le emozioni negative sono sempre basate su affermazioni controfattuali. "Mio marito dovrebbe apprezzarmi di più." "Dovrei avere più successo." "Ho bisogno di più soldi."

Cosa puoi fare a riguardo? Alcune persone si rivolgeranno a un pensiero positivo, tentando di sopraffare le loro convinzioni controfattuali. Invece di pensare "dovrei avere più successo", si dicono che hanno successo o che avranno successo. Ma al di sotto di questi pensieri positivi, rimangono quelli negativi originali.

Gli altri si rivolgeranno a soluzioni come la meditazione, lo yoga, l'esercizio fisico, l'accettazione o il lasciarsi andare, il che ti farà sentire meglio per un breve periodo. Ma ancora una volta, i pensieri di base sono ancora in atto, o non staresti cercando di cambiare il modo in cui ti senti.

Io chiamo questi approcci "additivi" perché aggiungono un nuovo pensiero o esperienza in cima a quello che stiamo cercando di cambiare. È come mettere nuova vernice sul legno in putrefazione. Per un cambiamento duraturo, ciò di cui abbiamo bisogno è qualcosa di "sottrattivo", qualcosa che toglie il pensiero che troviamo doloroso.

Questa sottrazione non può essere effettuata tramite scelta o forza di volontà. I pensieri negativi si aggrappano perché noi li crediamo, non perché li vogliamo o li scegliamo. Quindi la chiave è non credergli più. In particolare, ciò significa imparare a considerarli come non veritieri.

Questo può sembrare impossibile perché i pensieri negativi sembrano sempre così innegabilmente vere. E più sembrano veri, più lo stress ti sentirai. La forza della tua convinzione è la misura del tuo dolore. Di conseguenza, il grado in cui colmi il divario tra la tua mente e la realtà è esattamente il grado della tua trasformazione.

Le tecniche che contrastano le credenze stressanti, come il REBT, la terapia cognitiva, The Work of Byron Katie e ActivInsight, ricollegano la mente al mondo così com'è. Lo fanno a vari livelli e in modi diversi, ma al centro di ogni bugie la trasformazione attraverso uno spostamento nel tuo modo di pensare. Mi riferisco a questo come intuizione.

Questi primi tre post sono stati pensati per servire da base teorica rapida in modo che tu capisca che:

1. I fattori di stress sono un mito
2. stress nella produzione interna
3. lo stress è un sottoprodotto del pensiero controfattuale, che viene dissolto attraverso l'intuizione

Nel prossimo post, condividerò di più sulla natura dell'intuizione. Nel frattempo, quali commenti o domande hai?

Andrew Bernstein è il fondatore di ActivInsight, un processo semplice che sta cambiando il modo in cui individui e organizzazioni comprendono stress e resilienza. Il suo nuovo libro, The Myth of Stress , rivela come ActivInsight trasforma rapidamente i problemi sul lavoro, a scuola e a casa. Puoi porre domande a Andrew nei commenti qui o tramite twitter @mythofstress.

Solutions Collecting From Web of "Il mito dello stress rivelato – Parte 3"