Il mito dell'attivismo degli azionisti verdi

Un gruppo di esperti conservatori chiamato National Center for Public Policy Research ha recentemente emesso una risoluzione per gli azionisti di Apple chiedendo informazioni sulle "associazioni e associazioni e associazioni commerciali che lavorano su questioni di sostenibilità ambientale", apparentemente per aiutare altri azionisti a vedere come Apple è finito sotto l'influenza ideologica delle forze anti-mercato. NCPPR ha perso il voto, ma ha rivendicato la vittoria per la prodezza. 1

La stampa economica avrebbe probabilmente ignorato l'evento se non fosse stato per la reazione del CEO di Apple Tim Cook al fondamentalismo del mercato di NCPPR. Ha detto "Non considero il ROI insanguinato [ritorno sull'investimento]" quando progettano dispositivi per non vedenti, miglioramento ambientale o sicurezza dei lavoratori. "Se vuoi che faccia delle cose solo per motivi di ROI," disse Cook, "dovresti uscire da questo stock." 2

Gli azionisti statunitensi (azionisti) hanno presentato proposte per modificare le operazioni della società dal 1942. Per i primi trenta anni di tale attivismo, le proposte miravano alla crescita e ai profitti, in gran parte perché il governo federale non richiedeva alle società di informare gli azionisti, tramite dichiarazioni sostitutive, circa " questione sociale "le risoluzioni che sono state presentate alla direzione.

Una decisione legale del 1970 ha cambiato questa situazione, consentendo agli azionisti di votare su proposte per modificare la politica aziendale in modi che potrebbero avere importanti risultati sociali, come la riduzione dei danni ambientali o l'espansione dei diritti dei lavoratori. Ciò ha aperto la porta agli investitori individuali e istituzionali, alle fondazioni, alle organizzazioni di beneficenza, alle organizzazioni religiose e ad altre organizzazioni per presentare risoluzioni degli azionisti orientate ai problemi. I fondamentalisti del mercato hanno combattuto da allora. 3

Gli azionisti di Eastman Kodak hanno impedito ai suoi dirigenti di finanziare un gruppo nero per i diritti civili nel 1972. Ma l'anno seguente, il Centro interreligioso per la responsabilità aziendale iniziò a inaugurare un nuovo attivismo azionista, e poiché la Shell investì di più nel mondo arabo, iniziò a fattore di responsabilità sociale nelle sue analisi del rischio. Verso la metà degli anni '70, gli attivisti stavano facendo pressione per il disinvestimento in Sudafrica, e la General Motors adottò un codice di principi per trattare con l' apartheid nel 1977.

Ma la svolta del XXI secolo ha visto l'adozione di principi etici da parte di International Shareholder Services (ISS). L'ISS funge da proxy advisor per molti grandi investitori istituzionali, come i fondi comuni e pensionistici. Esercita una grande influenza sui voti in oltre 20.000 assemblee degli azionisti all'anno. Precedentemente un coraggioso sostenitore del diritto alle questioni di responsabilità sociale, nel 2002 l'ISS ha cambiato posizione, stupefacente estraneo raccomandando voti a favore della ricerca sul combustibile rinnovabile e politiche di discriminazione sessuale da parte degli azionisti di ExxonMobil e contro il lavoro minorile negli hotel Marriot. L'ISS ha giudicato che essere dalla stessa parte degli ambientalisti e dei sindacati ha senso e centesimi, in linea con studi che indicano valutazioni azionarie più elevate di società con forti programmi pro-ambientali.

Entra a far parte di NCPPR, un think tank di destra creato per promuovere idee per gli investitori "stanchi di sostenere le società che supportano la sinistra". Un principio centrale del gruppo è che "i proprietari privati ​​sono i migliori amministratori del "I fondamentalisti del mercato degli zombi e i loro think tank che praticano il denaro contano questo tipo di discorsi. 4

Non sorprende che la proposta di NCPPR mancasse di collaborazione con gli azionisti. Il capitale azionario di Apple è cresciuto costantemente nonostante gli sforzi per migliorare il proprio record ambientale: il suo reddito netto è aumentato di sei volte dal 2007, anno in cui ha iniziato a controllare le fabbriche dei fornitori. In effetti, il reddito è più che quadruplicato dal 2009, quando l'azienda ha affermato di spingere i fornitori a proteggere i lavoratori dall'esposizione a mercurio, piombo, solventi e ritardanti di fiamma. E il reddito è quasi raddoppiato quando ha rafforzato i controlli dei fornitori dopo i tentativi di suicidio di 18 lavoratori in una fabbrica gestita dal suo più grande fornitore cinese, Foxconn. 5

Ma non lasciarsi trasportare. Il record ambientale di Apple è migliore in teoria che nella realtà, in particolare nelle fabbriche cinesi. Gli audit dei fornitori della società sono stati notoriamente sottili in merito alle violazioni, tra cui avvelenamenti da n-esano di 137 lavoratori nelle fabbriche di Lian Jian Technology Group, fornitore di touch-screen per iPhone.

L'avvelenamento da N-esano causa danni al sistema nervoso periferico, che non solo è estremamente doloroso ma porta a intorpidimento degli arti, debolezza cronica, affaticamento e ipersensibilità al caldo e al freddo. Nel 2010, i lavoratori sono stati avvelenati mentre sgrassavano il logo Apple con n-esano presso la Yuhan Lab Technology Company e la Yun Heng Hardware & Electrical Factory. Entrambi i subappaltatori erano tra dozzine di "sospetti fornitori Apple" che avvelenavano i lavoratori e inquinavano le comunità circostanti in Cina, secondo l'Istituto per gli affari pubblici e ambientali di Pechino. 6

L'attivismo dell'azionista sociale non porterà i fornitori di Apple in linea con gli standard riconosciuti a livello internazionale di sicurezza sul lavoro e controlli sugli inquinanti. In effetti, non una singola risoluzione degli azionisti sulle questioni ambientali è stata approvata l'anno scorso dalle società statunitensi. 7

E l'attivismo degli azionisti, ancor più che l'attivismo dei consumatori, è plutocratico: i più ricchi ottengono il maggior numero di voti, secondo il Monetary Fun internazionale e la Banca mondiale. È fondamentalmente anti-democratico.

Se non l'attivismo degli azionisti, allora cosa? La risposta arriva da agenzie non governative come l'Institute of Public and Environmental Affairs, China Labor Watch, e Students and Scholars Against Corporate Behaviour. Queste organizzazioni collaborano con le comunità e i lavoratori interessati e incontrano rappresentanti di Apple e dei fornitori per sollecitare maggiore comunicazione e trasparenza lungo tutta la catena di approvvigionamento. Questi sforzi non accadono a Cupertino o alle assemblee degli azionisti. Accadono sul campo attraverso cittadini impegnati i cui interessi sono non pecuniari, ma spesso molto materiali.

Gli appunti

1. http://www.greenbiz.com/blog/2014/03/03/how-ge-and-apple-shareholders-became-tools-climate-deniers?

2. http://www.businessinsider.com/tim-cook-versus-a-conservative-think-tank-2014-2

3. Maria Goranova e Lori Verstegen Ryan. "Attivismo degli azionisti: una revisione multidisciplinare." Journal of Management. Online 17 dicembre 2013. http://jom.sagepub.com/content/early/2013/12/13/0149206313515519.full

4. http://www.nationalcenter.org/

5. http://www.marketwatch.com/investing/stock/aapl/financials; https://www.apple.com/pr/library/2007/10/22Apple-Reports-Fourth-Quarter-…

6. Istituto per gli affari pubblici e ambientali. "L'altra faccia di Apple: rapporto investigativo sull'inquinamento da metalli pesanti nel settore IT" (Fase IV): 2011. http://www.ipe.org.cn/en/about/report.aspx

7. Vedi il rapporto sul Proxy Monitor di Manhattan Institute sul governo societario e l'attivismo per gli azionisti per il 2013: http://www.proxymonitor.org/pdf/pmr_06.pdf; puoi trovare maggiori informazioni sulla loro pratica Score Card. http://www.proxymonitor.org/ScoreCard2013.aspx

Solutions Collecting From Web of "Il mito dell'attivismo degli azionisti verdi"