Il mito del lavoro o della vita millenario: come riuscire ad entrambi

Elade Manu/Flickr
Fonte: Elade Manu / Flickr

Mentre pianifichiamo le nostre carriere e cerchiamo la combinazione più efficace e soddisfacente di lavoro e vita, molti millennial si chiedono: il successo mi renderà felice? Alcuni di noi temono che ambizione e benessere si escludano a vicenda.

I ricercatori, nel frattempo, sono divisi sulla relazione tra rendimento elevato e salute. Uno studio altamente pubblicizzato dall'Università di Notre Dame ha seguito 717 alti successi nell'arco di diversi decenni e ha rilevato che, in media, erano solo leggermente più felici e morivano prima rispetto ai loro coetanei meno motivati. La ricerca collega anche l'ambizione al disturbo bipolare, ansia e depressione.

D'altra parte, la conquista soddisfa indiscutibilmente il nostro cervello temporaneamente. Quando ci avviciniamo e poi raggiungiamo obiettivi, i neurotrasmettitori associati al piacere come i centri di ricompensa bersaglio di inondazioni di dopamina e norepinefrina. Alcune ricerche suggeriscono che le realizzazioni hanno anche effetti positivi a lungo termine: uno studio longitudinale pubblicato su The International Journal of Behavioral Development ha rilevato che i precedenti risultati del lavoro e le esperienze educative erano i più forti predittori di benessere nella vecchiaia. Altri studi rivelano che gli studenti che ottengono risultati migliori della media sono più felici.

Sebbene la correlazione tra successo di carriera e benessere sia inconcludente, i ricercatori concordano sul fatto che raggiungere certi tipi di obiettivi può essere positivo sia per la nostra carriera che per la nostra salute psicologica. Di seguito sono riportati quattro passaggi per raggiungere risultati e ottenere una felicità duratura:

1. Smetti di cercare il piacere

Perseguire la felicità non ti farà avere successo. Uno studio ha rilevato che gli studenti che stabiliscono obiettivi basati sul piacere previsto hanno peggiorato. Un altro studio ha dimostrato che gli studenti che privilegiavano il godimento edonistico – il perseguimento di obiettivi prossimali e il piacere immediato – nel fissare obiettivi accademici ha fatto un lavoro inferiore rispetto agli studenti che hanno mostrato eudaimonia – un impegno a lungo termine per "autorealizzazione".

Perseguire la felicità non ti renderà felice neanche tu. Secondo uno studio, la ricerca della felicità è associata a sintomi e diagnosi di depressione. Un altro studio ha rilevato che più i partecipanti valutavano la felicità, più era probabile che mostrassero delusione e emozioni negative.

2. Stabilisci obiettivi intrinseci

Gli obiettivi intrinseci sono "quelli che sono intrinsecamente soddisfacenti da perseguire perché sono suscettibili di soddisfare i bisogni psicologici innati per l'autonomia, la relazione, la competenza e la crescita". I valori estrinseci, al contrario, includono denaro, proprietà e status sociale.

Stabilire gli obiettivi con un senso di coinvolgimento e significato è un significativo fattore predittivo positivo della realizzazione professionale. In uno studio longitudinale, gli obiettivi di apprendimento attivo prevedevano "una motivazione sostenuta e un rendimento più alto di fronte alla sfida", mentre gli obiettivi estrinseci prevedevano "ritiro e prestazioni peggiori di fronte alla sfida".

Gli obiettivi intrinseci ci rendono felici anche noi. In uno studio su recenti laureati universitari, il conseguimento di aspirazioni intrinseche legate a una forte salute psicologica, al raggiungimento di aspirazioni estrinseche legate al malessere. Un altro studio ha riportato che le aspirazioni intrinseche erano correlate positivamente al benessere, compresi gli affetti positivi, la vitalità e l'autoattualizzazione, e negativamente alla depressione e all'ansia. Ancora un altro studio ha scoperto che gli obiettivi basati sull'ego erano negativamente associati al benessere psicologico.

3. Puntare in alto

La ricerca dimostra che "più è difficile l'obiettivo, maggiore è il risultato" (a condizione che un individuo sia impegnato a raggiungere l'obiettivo e possieda la capacità di ottenerlo). D'altra parte, gli obiettivi fissati troppo alti possono essere demoralizzanti. Lo psicologo Edwin Locke, un pioniere nella teoria degli obiettivi, spiega, "c'è una linea sottile tra lo stretching delle persone e scoraggiarle." Quindi gli obiettivi dovrebbero essere abbastanza difficili da motivare ed emozionare ma non così difficili da non avere possibilità di raggiungere loro. Gli psicologi chiamano questo equilibrio "frustrazione ottimale".

Decidere di sognare in grande promuove anche il benessere. Uno studio ha rilevato che le persone che fissano obiettivi ambiziosi hanno livelli di soddisfazione maggiori rispetto a quelli che fissano obiettivi conservativi. L'autore dello studio, il professore di marketing dell'Università della California Riverside, Cecile Cho, riassume: "La morale della storia non è venderti breve. Mira alto."

Inoltre, quando le persone credono di essere in grado di raggiungere i propri obiettivi sono più propensi a, anche quando controllano le performance passate. In uno studio, le credenze degli studenti nelle loro capacità di apprendimento li hanno spinti a fissare obiettivi accademici più elevati, il che ha portato conseguentemente a risultati accademici più elevati. Il rovescio della medaglia, la ricerca rivela che gli studenti hanno dichiarato di aver fallito una valutazione in seguito mostrando una comprensione della lettura peggiore.

4. Sii specifico ma ampio

Una revisione completa ha rivelato che, nel 90% degli studi, obiettivi specifici e sfidanti hanno prodotto risultati più elevati rispetto a obiettivi facili e imprecisi. Locke spiega: "Più l'obiettivo è specifico o esplicito, più precisamente le prestazioni sono regolate."

Un esempio di un obiettivo popolare e troppo vago è "fai del tuo meglio". Locke scrive: "Le persone non fanno davvero del loro meglio quando cercano di fare del loro meglio perché, come un obiettivo vago, è compatibile con molti risultati diversi, tra cui quelli più bassi dei migliori. "Gli obiettivi ad alta specificità includono la quantificazione, ad esempio l'aumento delle vendite del 10% o l'enumerazione (" Questo è il modo in cui realizzerò il mio obiettivo, passaggi 1-5 "). La ricerca indica che anche la definizione specifica dei parametri "dove" e "quando" di un'attività aumenta la probabilità di completamento.

Sebbene sia importante definire in modo specifico ogni obiettivo, impostare un solo tipo di obiettivo può renderci infelici. Invece, specifica gli obiettivi in ​​più aree della tua vita. Howard Stevensoz, professore di Business Administration presso la Harvard Business School, suggerisce di dividere gli obiettivi in ​​diverse categorie di vita. "A meno che non si picchi regolarmente su tutte le categorie, qualsiasi vincita sarà insoddisfacente. Quindi, invece di perseguire incessantemente un obiettivo (che si tratti di diventare un partner entro il 30 o di essere la miglior mamma di calcio del mondo), concentrati sulle vittorie in tutte le aree. "

D'altra parte, impostare troppi obiettivi può causare il burnout. Uno studio, "Goals Gone Wild", ha stabilito che gli obiettivi sono stati superati e hanno bisogno di un "dosaggio attento". Considera di fare solo uno o due obiettivi alla volta in ogni area della tua vita.

Gli obiettivi che ci rendono felici e felici hanno un altro grande effetto collaterale: le persone felici realizzano di più. Uno studio ha scoperto che gli studenti universitari più felici e più sani erano, maggiore era la loro prestazione accademica. Un altro studio riassume risultati simili: "I bambini che si comportano bene a scuola possono farlo in parte perché sono felici, e esibirsi bene accademicamente possono rendere i bambini più felici." Il corollario è anche vero: gli studenti infelici mostrano prestazioni inferiori, mentre i dipendenti infelici fanno peggio lavoro.

Molti millenari vedono il successo in carriera e la felicità in opposizione. Quando impostiamo i giusti tipi di obiettivi, tuttavia, si rafforzano a vicenda.

Come sai che stai fissando degli obiettivi che porteranno al successo e al benessere? Stevensoz spiega: "Il vero successo è il rinnovamento emotivo, non l'ansia provocante." Se la tua ambizione ti sta rendendo infelice, probabilmente non ti sta rendendo un successo. Potrebbe essere il momento di riformulare le tue aspirazioni.

Se ti è piaciuto questo post, iscriviti alla mia newsletter settimanale per ricevere i miei ultimi articoli.

Una versione di questo articolo è apparsa per la prima volta su Forbes

Solutions Collecting From Web of "Il mito del lavoro o della vita millenario: come riuscire ad entrambi"