Il mito del determinismo infantile

Dovresti aver vissuto sotto una roccia, o forse come una roccia, negli ultimi 50 anni per non conoscere il presunto nesso causale tra le esperienze infantili e il comportamento degli adulti. Una predilezione per questa nozione è una parte del kit di identità culturale americana, insieme a una terrificante brama per gli hamburger, un debole per fini felici, e una strana preoccupazione per auto, capelli e scarpe. L'implementazione di questo tema è alla base del successo di molti film, libri e carriere importanti in politica e intrattenimento. Non puoi andare un solo giorno in America senza aver sentito un po 'di successi televisivi a proposito di come il comportamento incredibilmente insipido dell'ultima celebrità / atleta / politico scellerato ( puoi credere a quello che ha fatto?) È disgustoso! Riprendiamoci il nastro al rallentatore … ) ha le sue radici nell'infanzia della povera linfa.

Sebbene non fosse il primo o l'unico a sposare la nozione dell'influenza unica dell'infanzia sull'esito futuro, Sigmund Freud era forse il più responsabile per averlo diffuso negli Stati Uniti. Per accuratezza e piena divulgazione, dobbiamo ammettere che gli psicologi clinici, freudiani e post-freudiani, hanno anche contribuito a perpetuare questa nozione. Principalmente, questo è dovuto al fatto che le persone che si presentano negli uffici degli psicologi spesso hanno avuto un'infanzia caotica. Da questa osservazione, è solo un breve, allettante balzo alla conclusione che un'infanzia caotica causa disturbo psicologico. Ciò che tale conclusione non tiene in considerazione è il fatto che coloro che hanno avuto un'infanzia caotica e finiti senza problemi non si presentano agli uffici degli psicologi; e capita di essere la maggioranza.

Si scopre che le esperienze specifiche della prima infanzia predicono molto meno della tua età adulta di quanto tu possa pensare. Di fatto, nella misura in cui il passato conta, di solito è il passato recente, e gli effetti cumulativi di varie influenze storiche, che contano, non nella prima infanzia.

Ad esempio, le persone che crescono e rimangono in povertà rischiano di morire prima di quelli che crescono poveri e diventano quindi borghesi. Ma l'aumento del rischio non è causato da attacchi di malattia nella prima infanzia, condivisi da entrambi i gruppi, ma dagli effetti aggregati della denutrizione permanente sull'impoverimento.

Il ruolo che l'esperienza precoce può svolgere nel plasmare l'esito degli adulti è fortemente dipendente dalle successive esperienze e condizioni, molte delle quali non possono essere predette da (o controllate da) esperienze precoci. Il modo in cui un bambino viene trattato non può predire o controllare eventi successivi come il divorzio dei genitori, la depressione, la disoccupazione, la guerra o gli incidenti e gli incontri casuali del bambino, tutti fattori che possono esercitare un'influenza profonda su ciò che questo bambino cresce. Quindi, se voglio sapere se sarai in prigione qualche volta nei prossimi cinque anni, non farò bene a scoprire le tue abitudini da tantrum a due anni, anche se quelle erano davvero straordinarie, secondo tua madre. Farò molto meglio per controllare i registri delle scuole superiori per raccontare i comportamenti scorretti della scuola. Farò ancora meglio a controllare la folla con cui ti trovi in ​​questo momento.

Ma anche se potessimo mostrare un legame solido e diretto tra gli esiti psicologici e comportamentali presenti e alcune esperienze specifiche nell'infanzia, un tale legame non potrebbe essere prontamente considerato causale, e stabilirlo potrebbe essere inutile allo scopo di comprendere e migliorare veramente le circostanze presenti .

Questo perché gli esseri umani sono formati più dal presente che dalle circostanze passate. Come ha sostenuto il grande teorico Gordon Allport, le motivazioni per adulti sono "sistemi contemporanei variegati e autosufficienti che nascono da sistemi antecedenti, ma funzionalmente indipendenti da essi". In inglese, ciò significa che ciò che causa l'inizio di un comportamento non è ciò che mantiene sta andando. Allport ha chiamato questo principio, "l'autonomia funzionale dei motivi", e la sua forza esplicativa è così chiara una volta che ci pensi, che potresti trovarti in un breve intervallo a sentire il tuo talk show host o il terapeuta TV con le orecchie completamente nuove e non un minuto troppo presto.

Si consideri, ad esempio, l'ansia. Tracciare la tua attuale paura dei cani per un incontro della prima infanzia con un barboncino spaventoso ci dice perché ti sei spaventato di cani allora. Non ci dice perché la tua paura continua oggi, dopo che sia la tua infanzia sia quel barboncino se ne sono andati da tempo. Ciò che causa la tua paura ora è in realtà la tua evasione. Hai paura dei cani ora perché li eviti.

Questo principio elegante si applica ben oltre l'infanzia. Considera il fumo. La maggior parte delle persone che fumano hanno iniziato a fare i ragazzi, per ragioni che erano convincenti in quel momento: impressionare le ragazze, sfidare i genitori e adattarsi alla folla. Vai avanti di 50 anni. Coloro che stanno ancora sbuffando non lo fanno per le stesse ragioni. Le ragazze non sono più impressionate né ragazze più; i genitori sono morti e la bella folla sta mangiando lattuga biologica. Le vecchie ragioni del fumo sono morte e scomparse, insieme a tanti colleghi fumatori. Le ragioni per cui il comportamento continua ora hanno molto più a che fare con i cambiamenti nella chimica del cervello che non erano affatto presenti a 15 ma che devono essere curati ora se hai qualche speranza di riuscire a smettere.

O medita sul matrimonio, se ne hai il coraggio. Le ragioni per cui ti sei sposato (era tempo, tu eri innamorato, i tuoi genitori insistevano, i suoi genitori insistevano, lei era incinta, i suoi genitori insistevano che rimanesse incinta, Vegas) non sono i motivi per cui ti sposasti, visto che, dopo molti anni, non sei più giovane, non più "innamorato" (in quel modo di parlare in modo indolente, ubriaco), i tuoi genitori si preoccupano per i capricci del loro nipote, e Vegas è solo un ricordo tremolante dai tempi in cui si ubriaca e perdere denaro era considerato divertente. Ciò che tiene insieme te e il tuo coniuge ha poco a che fare con ciò che ti ha portato insieme.

Tutto ciò significa due cose: 1) La prima esperienza in sé non determina l'esito successivo e non è intrinsecamente più importante per lo sviluppo dell'esperienza successiva o attuale; 2) Quando si cerca di capire e affrontare i problemi nell'età adulta, cercare spiegazioni nel passato remoto è di scarsa utilità, perché, anche se trovate, queste spiegazioni non sono né necessarie né sufficienti per influenzare il cambiamento nel tempo presente.

Solutions Collecting From Web of "Il mito del determinismo infantile"