Il mio terapeuta ha condiviso i miei segreti e altre storie horror

Quando i terapeuti non riescono a mantenere le informazioni private dei loro pazienti per se stessi.

“Il mio terapeuta è un mio amico, e mi ha detto che sa che sono uno dei suoi pazienti. Sono certo che gli ha parlato di me, e ora mi sento a disagio ogni volta che lo vedo. “

“Quando ho affrontato il mio terapeuta per aver violato la mia riservatezza e aver detto a mio marito ciò che avevo detto in terapia, lo ha razionalizzato dicendo che aveva bisogno dell’aiuto di mio marito per la terapia.”

“Ho sentito di un uomo che ha detto al terapeuta che stava pensando di sparare al presidente Obama, e che è stato arrestato dai servizi segreti e che si è dichiarato colpevole di un reato”.

Ogni volta che incontro per la prima volta un nuovo paziente, avvio sempre una conversazione breve e mirata sulla riservatezza. “Tutto quello che mi dici resta qui”, dico loro, “anche se ci sono tre eccezioni a quella regola.” Spiega quindi i tre casi in cui ho bisogno di rompere la riservatezza: se il paziente rappresenta un pericolo per il suo o la propria vita, se il paziente sta chiaramente pianificando di mettere in pericolo qualcun altro e se un bambino viene danneggiato o abusato. Queste situazioni di rottura della riservatezza rappresentano il mio obbligo, in quanto psicologo dello Stato di New York, di proteggere il pubblico da minacce di cui potrei venire a conoscenza.

I nuovi pazienti sono spesso, comprensibilmente, curiosi e anche un po ‘preoccupati per la mia soglia di violazione della riservatezza. “Se ti dico che ho infranto la legge, devi chiamare la polizia?” Chiederanno. Potrebbero essere preoccupati dell’uso di droghe illegali e sono preoccupati che queste informazioni tornino ai loro datori di lavoro (o al loro vettore di assicurazione). Spiego sempre che non ho bisogno di segnalare precedenti violazioni della legge, o anche alcuna intenzione di violare la legge che non può comportare un danno immediato al paziente o ad un’altra persona. Potrei fare del mio meglio per parlare al paziente della sua intenzione di infrangere la legge, partendo dal presupposto che tali azioni possono essere dannose per il benessere a lungo termine del paziente, ma non dovrò chiamare la polizia in quelle circostanze.

“Il mio psichiatra ha detto alla sua segretaria, ad alta voce in una reception piena, che voleva che” tutti i pazienti con PTSD facessero due sedute alla settimana, d’ora in poi “, appena uscito dalla stanza della terapia. Mi sentivo come se tutti sapessero che stava parlando di me. “

“Il mio nuovo terapista ha chiesto al mio vecchio di mandarle un riassunto del caso, ma il mio vecchio terapeuta lo ha mandato per email a tutta la sua lista professionale, invece, e centinaia di persone hanno avuto modo di leggere quello che pensava di me.”

Ovan / Pexels

Fonte: Ovan / Pexels

Stati diversi hanno leggi diverse sull’obbligo di avvertire – o il dovere di proteggere – dal momento che questi obblighi professionali sono diventati noti. Nello Stato di New York, dove pratico, una legge del 2013 mi impone di riferire su pazienti che ritengo di presentare un “serio ed imminente” pericolo a loro stessi, o ad altri, quando la psicoterapia non è sufficiente a garantire che le loro intenzioni dannose non agire su (New York consente inoltre alle autorità di confiscare le armi da persone ritenute pericolose dai loro terapeuti). In cambio di queste protezioni, la legge dello Stato di New York risarcisce i terapeuti che agiscono in “buona fede” quando fanno segnalazioni sui loro pazienti. Ventotto altri Stati degli Stati Uniti, così come Puerto Rico, attualmente hanno leggi che stabiliscono l’obbligo di uno psicologo di proteggere gli altri dal pericolo per mano del suo paziente. (Per essere chiari: la legge stabilita suggerisce che gli psicologi non hanno il dovere di avvertire la società sulle minacce non specifiche fatte da un paziente, come “Sono così arrabbiato che mi sento come dare un pugno in faccia a qualcuno.” Né uno psicologo deve estrapolare dalla corrente circostanze a possibili circostanze future, come nel prevedere che qualcuno che possiede un fucile un giorno, in un impeto di rabbia dopo un pranzo di famiglia, spari i suoi suoceri con esso.)

Il dovere di avvertire è nato in California, in una causa della Corte Suprema dello stato del 1976. Allora, uno psicologo universitario si convinse che uno dei suoi pazienti, Prosenjit Poddar, era patologicamente attaccato a una donna di nome Tatiana Tarasoff (che non restituiva il suo interesse), e poteva agire violentemente verso di lei. Lo psicologo informò la polizia universitaria di Poddar e la polizia interrogò Poddar, ma lo trovò abbastanza razionale da essere rilasciato. Poddar interruppe il contatto con il terapeuta e, dopo diversi mesi, attaccò e uccise la signora Tarasoff. La sua famiglia ha citato in giudizio lo staff del centro sanitario universitario, così come la polizia; sebbene il caso sia stato respinto dal tribunale di primo grado e dalla corte d’appello, la famiglia ha presentato ricorso alla Corte suprema degli Stati Uniti e ha ricevuto una sentenza a loro favore. Secondo la sentenza della Corte Suprema, lo psicologo universitario aveva il dovere professionale di avvisare la signora Tarasoff (o la sua famiglia) della minaccia che il signor Poddar aveva fatto. Alla fine il tribunale ha dichiarato che un terapeuta è obbligato a utilizzare le proprie capacità professionali per valutare i pericoli che i suoi pazienti possono porre e per proteggere terze parti da questi pericoli.

“La psicologa che mia madre assunse le stava dicendo di me, alle mie spalle – e ora mia madre insiste per venire ai miei appuntamenti di terapia, così da poter dire al terapeuta la sua versione di qualunque cosa io dica”.

“Il mio patrigno ha iniziato ad andare in terapia con il mio psichiatra, in segreto, solo così ha potuto sentire dal terapeuta qualsiasi cosa avessi detto in terapia quella settimana.”

Al di fuori di questo obbligo di proteggere il pubblico, tuttavia, gli psicologi non hanno il diritto di violare la riservatezza a loro discrezione. Le storie in cui le informazioni di un paziente vengono divulgate a terzi – una conoscenza del terapeuta, o qualcuno nella famiglia del cliente – rappresentano una violazione del dovere. Mentre i terapeuti possono scegliere di contattare un membro della famiglia se il paziente è un pericolo per se stesso o per gli altri, nei casi in cui il paziente non è minorenne e nessun’altra persona è coinvolta nel trattamento, la riservatezza è una regola costante. E se paghi la tua psicoterapia con un’assicurazione, il tuo assicuratore ha diritto a informazioni limitate sulla tua terapia: le date delle sessioni, i servizi prestati (cioè la valutazione o la psicoterapia) e la tua diagnosi. Pagare di tasca è un modo per mantenere tali informazioni fuori dalle mani delle compagnie di assicurazione.

Pixabay

Fonte: Pixabay

Il terapeuta può scegliere legalmente di parlare di te con altri professionisti (es. Psichiatri, medici, assistenti sociali) che sono coinvolti nelle tue cure o con un altro terapeuta che sta supervisionando il trattamento. È anche permesso ai terapeuti di scrivere sui loro pazienti in libri o letteratura professionale, purché tutti i dettagli distintivi siano rimossi o sufficientemente modificati per mascherare la tua identità. Se sei un adolescente – di età inferiore ai 18 anni – il terapeuta potrebbe includere i tuoi genitori nel trattamento, e può scegliere di divulgare materiale che altrimenti desideri mantenere privato. In questi casi, i terapeuti che trattano gli adolescenti hanno la responsabilità di informare questi pazienti sulle loro politiche di riservatezza prima del tempo. Anche se un terapeuta è legalmente in grado di comunicare con i genitori di un paziente giovane circa il suo trattamento, farlo può ancora essere interpretato come un tradimento se si svolge al di fuori dei confini concordati del trattamento.

“Sono andato allo psicologo scolastico ogni settimana per sei mesi, quando ero in terza media. Non avevo idea che ripetesse tutto quello che ho detto a mio padre. Parola per parola.”

“Mia madre e mio patrigno hanno inviato una lettera al mio terapeuta su di me, e in esso hanno distribuito un sacco di cose che non avevo ancora condiviso. La mia terapeuta ha risposto e ha detto loro tutti i tipi di cose che non sapevano di me. Non sono mai tornato da quel terapeuta. “

Anche così, i dati sulle violazioni della riservatezza mostrano un tasso sorprendentemente alto di divulgazione non etica. Nel 1993, il New York Times riportò su un sondaggio del 1987 di cinquecento psicologi, il 62% dei quali dichiarò di aver violato accidentalmente la riservatezza di un paziente, il 50% concordò che la riservatezza era il mandato etico che era più facile violare senza volerlo, e 8 % ha ammesso che a volte hanno parlato in modo inappropriato dei loro clienti per nome . Solo nel 2004, fino al 15% dei casi esaminati dal Comitato etico dell’American Psychological Association ha citato la riservatezza come fattore; mentre non sono stato in grado di trovare dati più recenti, la tendenza suggerisce che questo problema non è andato via.

Se questo accade a te – se sei certo che il tuo terapeuta ha violato la tua riservatezza in un modo che ti fa sentire a disagio e non ha a che fare con il tuo trattamento, puoi segnalarlo al consiglio delle licenze statali per la psicologia. Tuttavia, questa potrebbe non essere una decisione facile; fare una relazione sulle violazioni della riservatezza richiederà probabilmente che tu parli a lungo e, a regola d’arte, della tua terapia, che potrebbe rendere l’esperienza difficile. Non ci sono risposte facili al problema delle violazioni della riservatezza in psicoterapia. Il miglior ricorso potrebbe essere quello di discutere la questione con qualcuno di cui si fida pienamente e implicitamente – un amico, un membro della famiglia o anche un altro terapeuta, sebbene le difficoltà inerenti a tale scelta possano essere ovvie. I benefici della psicoterapia si basano sulla promessa di riservatezza, e quando questa fiducia viene infranta, ricostruirla può richiedere un po ‘di tempo.

Riferimenti

Fisher, MA (2008). Protezione dei diritti di riservatezza: la necessità di un modello di pratica etica. Psicologo americano 63 (1), 1-13.

Goleman, D. (1993, 14 aprile). Ciò che rivelerai a uno psicoterapeuta potrebbe andare oltre. The New York Times, pp. C12-13.

Koocher, GP e Keith-Spiegel, P (2016). Etica in Psicologia: Standard e casi professionali, 4a edizione.

Pope, K. & Bajt, TR (1988). Quando le leggi e i valori entrano in conflitto: un dilemma per gli psicologi. Psicologo americano 43 (10), 828.

Papa, K., Tabachnick, BG, e Keith-Spiegel, P. (1987). Etica della pratica. Le credenze e i comportamenti degli psicologi come terapeuti. Psicologo americano 42 (11), 993-1006.

Wachtel, M. (agosto 2013). Cosa succede quando un terapeuta infrange la riservatezza di un cliente? Estratto da http://www.psychlawjournal.com.

Solutions Collecting From Web of "Il mio terapeuta ha condiviso i miei segreti e altre storie horror"