Il mio telefono è più intelligente dello studente del tuo Honor Roll

Durante un recente viaggio iniziato su un bus navetta per l'aeroporto, mi sono trovato circondato da viaggiatori che erano stati trapassati dagli schermi dei loro rispettivi telefoni "intelligenti". Mentre osservavo questa incessante interazione con i loro schermi, mi ritrovai improvvisamente nostalgico per un periodo in cui non avevamo un accesso così pronto ai dispositivi digitali. Mi ha ricordato una recente replica di Seinfeld che avevo appena visto che non avrebbe mai potuto essere sviluppato in questa era digitale.

Ambientato nel nostro passato non troppo lontano (anche se per gli standard odierni la premessa sembra assolutamente arcaica), il comico Jerry sta cercando di fare un set in tarda serata in un comedy club per superare un precedente cancellato, il che significa che deve cancellare il suo film pianifica con i suoi amici. Avvenuto nell'era prima dell'accesso immediato ai telefoni cellulari, l'episodio ruota intorno a Jerry senza altra risorsa, ma per prendere un taxi per raggiungere la sede del film e rintracciare i suoi amici per dire loro che non può farcela, tutto in tempo per lui poi tornare alla commedia per fare il suo set. Ovviamente, trattandosi di un classico episodio di Seinfeld , ne consegue ogni tipo di caos dato che ogni personaggio non riesce a raggiungere l'altro nel cinema designato. Mentre guardavo questo episodio, mi meravigliavo di come la tecnologia moderna avrebbe rovinato la premessa di questo episodio ormai classico.

E così, seduto sulla navetta in attesa della mia fermata con poco ma i miei pensieri per divertirmi (con l'eccezione di mio padre, un immigrato digitale simile, i miei compagni di viaggio erano anche distratti dai loro rispettivi telefoni), mi sono trovato paralizzato da come trapassato tutti intorno a noi sembravano essere con i loro dispositivi digitali. Giovani e vecchi, uomini e donne, c'è ancora un modello per quel quintessenziale utente tecnologicamente cablato oggi? Non è questo un fenomeno che ha colpito tutti i dati demografici in un modo o nell'altro? Dopotutto, l'età media di Facebook è in aumento, con un'età media di utenti di 38 anni (Bosker, 2011). Quindi lo stereotipo secondo cui solo i giovani sono cablati digitalmente non è così adatto come potrebbe essere stato. E, naturalmente, la preoccupante preoccupazione di, cosa sta facendo tutta questa esposizione digitale ai nostri cervelli (questa potrebbe essere una preoccupazione per un post futuro, ma indirizzerò i lettori interessati a The Shallows di Nicholas Carr)?

Questo è il mondo in cui viviamo oggi, e come cultura, raramente torniamo indietro quando i progressi sono fatti in una certa direzione. E, naturalmente, la facilità con cui possiamo contattare i nostri amici e le persone care oggi consente una convenienza che Jerry probabilmente avrebbe sfruttato se fosse stato disponibile per lui negli anni '90. Ma poi, dov'è la commedia in una telefonata di 30 secondi o un messaggio agli amici che annulla i tuoi piani contro il saltare in vari teatri sibilando il loro nome? Jerry contempla l'abbandono di tutto quando in uno dei teatri viene sedotto da una scena di Rochelle, Rochelle ( un film fittizio reso popolare dallo spettacolo con la tag line, "Strano viaggio erotico di una giovane ragazza da Milano a Minsk").

Mentre come cultura non possiamo tornare indietro (è troppo presto per dire che Seinfeld ei suoi amici vivevano in tempi più semplici?) Quello che possiamo fare è prendere deliberatamente il tempo di fermarci dai nostri dispositivi digitali. Possiamo ambire a prenderci il tempo di staccarci dai nostri dispositivi e apprezzarli per quali comodità ci consentono senza trasformarli in estensioni digitali di noi stessi?

Ecco una breve lista di controllo per decidere se hai bisogno di una pausa: se passi più tempo a guardare uno schermo piuttosto che interagire con le persone in carne e ossa che ti circondano; se ti trovi incapace di stare fermo nella tua auto mentre guidi e / o che la tua auto è diventata un ufficio di viaggi di fortuna; se l'unica luce a cui sei esposto per la maggior parte delle tue ore di veglia è dal bagliore dei tuoi gadget digitali, piuttosto che dire luce naturale; se le uniche stelle che hai visto provengono da uno screensaver o altra immagine digitale piuttosto che dalla penetrante luminosità che proviene dalle stelle sopra di noi nel cielo notturno; se non riesci a ricordare l'ultima volta che hai incontrato lo sguardo di qualcuno in una conversazione perché metà della tua attenzione era diretta verso il tuo dispositivo digitale preferito. Se qualcuno di questi scenari ti sembra familiare, potresti aver bisogno di una pausa . Se la nostra ossessione culturale con i gadget digitali non viene controllata, non passerà molto tempo prima che i nostri telefoni "intelligenti" superino le nostre stesse capacità umane mentre cambiano drasticamente il modo in cui ci colleghiamo al mondo che ci circonda.

La domanda che ogni utente deve considerare è se sono ancora in controllo di questi dispositivi digitali o se i dispositivi stanno sorpassando e controllando le loro vite. Le nostre vite interiori possono essere tanto ricche quanto le nostre esperienze esteriori lo consentono, e se la profondità non va oltre il bagliore del nostro schermo (s), questo potrebbe riflettere un cambiamento culturale terribile per la nostra nazione sempre più digitalizzata. Sembra che una simile possibilità richieda forse ancora più considerazione di una semplice pausa.

Bosker, B. (2011). L'utente medio di Facebook: Statistiche Mostra come utilizziamo il sito. The Huffington Post, Estratto da http://www.huffingtonpost.com/2011/11/19/the-average-facebook-user_n_110….

Copyright Azadeh Aalai 2012

Solutions Collecting From Web of "Il mio telefono è più intelligente dello studente del tuo Honor Roll"