Il mio nuovo scrittore di dipendenza preferito non è un esperto di recupero

https://www.pexels.com/photo/addiction-alternative-alternative-medicine-beads-208544/

Come qualcuno che ha parlato, scritto e, a volte, anche urlando di dipendenza e recupero per quasi due decenni, ho incontrato tutti i leader del pensiero, autore, recupero blogger e podcaster immaginabili. Io li amo e li sostengo tutti, ma dopo anni passati a guardare una casella di posta annegata in questo genere di informazioni, una ragazza inizia a indurirsi. Niente la sconvolge più. Nulla di ciò che è scritto sull'argomento sembra nuovo o fresco.

E poi quella ragazza inciampa in qualcosa al di fuori della sua sfera standard. Non le viene inviato un messaggio da un'altra persona nello spazio multimediale di ripristino. Lei non lo vede nel suo feed di Facebook. Lo scopre quando sta studiando Medium e vede che lo scrittore numero uno ha scritto un pezzo intitolato "Willpower Does not Work. Ecco come cambiare la tua vita. "

Se vuoi apportare cambiamenti permanenti nella tua vita, inizia, la forza di volontà non ti porterà lì.

Questo attira la sua attenzione.

Volontà il problema o la soluzione?

Il post continua spiegando che siamo tutti dipendenti da qualcosa e la forza di volontà è in realtà ciò che ci trattiene. L'autore, Benjamin Hardy, un dottorato di ricerca candidato in Psicologia organizzativa – sostiene che dobbiamo solo impiegare la forza di volontà quando non abbiamo preso una decisione vera su qualcosa. Elenca cinque modi in cui le persone decidono e prendono un impegno – e mentre il linguaggio potrebbe non essere quello a cui sono abituati i recuperatori, i concetti dovrebbero essere familiari: investire in anticipo, renderlo pubblico, impostare una tempistica, instillare la responsabilità e modificare qualsiasi cosa in il tuo ambiente che non si allinea con quell'impegno.

Ho trascorso gran parte della mia sobrietà ricevendo complimenti da persone sulla mia forza di volontà. "Devi essere così forte", dicono. Cerco di spiegarmi che non sono altro che la mia mano diventa poco più di un dispositivo usato per spalmarci il cioccolato ogni volta che sono vicino a me, che mordo incessantemente le mie unghie e che non posso resistere a rubare fuggi al mio telefono ogni volta che la persona con cui sto mangiando si alza. Non importa quanti esempi elenco della mia assoluta mancanza di forza di volontà, la gente penserà che io sia modesto. Teorizzano che non voglio vantarmi di quanto ho sotto controllo le mie voglie.

Lascia che te lo dica una volta per tutte: sono impotente di fronte alle voglie. La libertà che ho dalla dipendenza non è qualcosa a cui lavoro; è qualcosa che mi è stato dato perché ho fatto alcuni passi.

Come smettere di aver bisogno di forza di volontà

Ho la sensazione fastidiosa di sentire che la forza di volontà non è necessaria se stai lottando contro la dipendenza. Ma non ho alcun desiderio di bere o drogarsi (o fumare sigarette, che è un'altra cosa che ho rinunciato poco più di 15 anni fa). Ero una persona che non poteva non fumare una sigaretta per prima cosa al mattino, che non poteva non bere a una festa e, negli ultimi due anni di utilizzo, non poteva essere a casa da sola senza fare cocaina.

Quindi cosa è cambiato? Beh, ero un suicida e disperato e così ho fatto quello che fanno le persone suicide e disperate: sono andato in riabilitazione. È lì che mi è stato detto che dovevo abbandonare la mia dipendenza.

Certo, ho detto. Era facile acconsentire dato che non avevo idea di cosa significasse e in più, come ho detto, ero disperata.

Alcune cose sono state suggerite: una, vado alle riunioni con altri tossicodipendenti in recupero e alcolizzati. Due, cerco qualcuno che mi aiuti attraverso alcuni passaggi. E tre: cerco di sviluppare una relazione con qualcosa più grande di me.

I numeri uno e due erano facili per me, in quanto il mio uso mi aveva isolato così tanto che non avevo davvero amici o posti dove andare. E numero tre, beh, ero ancora disperato, quindi … certo.

È successo qualcosa e non sarò mai in grado di articolarlo. In sostanza, una volta che ho iniziato ad accettare l'idea che non ero responsabile, ma qualcosa di più grande di me, il desiderio che avevo di fare droghe e bevande è stato rimosso da me.

Avevo le mie tonsille fuori quando avevo 18 anni, dopo aver ricevuto la tonsillite per quattro volte di seguito, ed era così: una parte di me che non lavorava (in questo caso, il mio desiderio incessante di alcol e droghe) era rimosso. Ma non c'era stata alcuna operazione. E 'appena andato via. Se questo non ha senso, ti sento. Vorrei avere parole per spiegarlo meglio. Il mio unico suggerimento è che provi quello che ho fatto. Forse anche tu puoi scoprire di prima mano quanto poco senso abbia.

Quanto è inefficace la forza di volontà?

Se la mia sobrietà dipendesse dalla mia forza di volontà, sarei fregato. Le mie giornate sarebbero state una battaglia costante con me stesso e alla sera, una volta esaurito, non avrei avuto altra scelta che chiamare quel rivenditore che era solito avvolgere la sua cocaina in note Post-It rosa (perché anche i rivenditori hanno bisogno di impiegare tecniche di branding e marketing ).

Le persone non vogliono sentirlo, vogliono conoscere gli hack di forza di volontà. Vogliono trucchi. Vogliono sapere come superare in astuzia i loro sistemi. Ma i nostri sistemi sono troppo intelligenti per questo. E in qualche modo ha portato qualcuno al di fuori del mondo dei media di recupero, un non-Dr. Drew, non-rehab-owner, non-recovery-advocate, per affermare in modo eloquente ciò che ho vissuto negli ultimi dieci anni e mezzo.

Impegno significa che costruisci sistemi di difesa esterni attorno ai tuoi obiettivi, scrive Hardy. La tua risoluzione interiore, nuda in un ambiente indifeso e opposto, non è un impegno.

In realtà non è così difficile costruire sistemi di difesa esterni. È così difficile mantenere te stesso nello spazio di testa e nell'ambiente in cui sei diventato dipendente e aspettarti di resistere alla tentazione senza alcuna difesa.

La vita senza forza di volontà è più facile

Dio, la sobrietà deve essere così difficile, la gente mi dirà. Spiego sempre a loro che vivere da tossicodipendente, privo di amici e suicida, è stato difficile. Vivere nella sobrietà, con strumenti e amici e tante altre cose? Mentre non è facile (perché la vita di nessuno è), è più facile in confronto.

Come scrive Hardy, dobbiamo concentrarci non sul nostro comportamento ma sul nostro ambiente. Potrebbe anche incanalare Bruce Alexander, lo psicologo canadese che ha mostrato creando il parco dei ratti dei sogni di ogni topo che l'ambiente gioca un ruolo fondamentale nel farci diventare tossicodipendenti.

I cosiddetti esperti di recupero possono spiegare le loro teorie su come diventare sobri fino alla fine dei tempi. Ma forse, se vogliamo sapere che cosa funziona davvero, dobbiamo ascoltare qualcuno al di fuori di quella cerchia.

Per ottenere un elenco di hack della felicità e modi per usare il buio per trovare la tua luce, fai clic qui

Solutions Collecting From Web of "Il mio nuovo scrittore di dipendenza preferito non è un esperto di recupero"