Il miglior regalo per la festa della mamma

È di nuovo il momento dell'anno in cui abbondano gli annunci di fiori e cerchiamo i rack di biglietti di auguri per quel messaggio perfetto per far sapere alla mamma come ci sentiamo. Per me, la festa della mamma è sempre stata difficile. Sono stato cresciuto da tre donne molto diverse e molto volitive, mia madre, mia nonna materna e mia zia. Mia madre era in un terribile incidente d'auto quando ero molto piccola, subito dopo la morte di mio padre, così mia nonna e mia zia divennero le mie madri surrogate. Ho vissuto con mia nonna per molti anni, sia prima che mia madre guarisse, sia come famiglia allargata dopo che mia madre era tornata a casa. Era una casa emotivamente chiusa, silenziosa e severa. Trascorsi più fine settimana di quanti ne possa ricordare a casa di mia zia, dove il mio amore per i libri è stato sostenuto e le mie aspirazioni letterarie sono state sostenute. Ma nelle case in cui sono cresciuto, sono state raccontate poche storie di famiglia, o sulle mie prime esperienze di vita o sulle esperienze delle mie tre figure materne prima della mia nascita. Sono cresciuto sentendomi come se non appartenessi a nessuno.

Quando sono cresciuto nell'adolescenza, il mio amore per la letteratura mi ha portato a pensare di più alla mia storia di famiglia. Ho iniziato a fare domande a mia madre, a mia nonna ea mia zia. Come erano le loro vite quando erano giovani, come si svolgevano le loro vite, quali erano i loro sogni e le loro delusioni? Mentre ascoltavo queste storie, ho iniziato a capire la mia vita familiare in modi nuovi. Mia nonna ha avuto una vita difficile, crescendo in povertà in un ghetto ebraico a New York City. Era una giovane moglie con due giovani figlie (mia madre e mia zia) durante la depressione. Il suo stoicismo cominciò a dare più senso a me. Ma mi ha anche raccontato storie di giri in motocicletta con giovani fidanzati prima di incontrare mio nonno, di club di ballo e romanticismo. Questa era una donna che non sapevo crescere! Ma mentre raccontava queste storie, ho iniziato a capire la persona che era diventata. Mia madre aveva una storia molto diversa – un'educazione molto più privilegiata. Mia madre era una ragazza festaiola, non prendeva mai troppo sul serio, fino a quando non divenne una vedova con due figlie piccole all'età di 29 anni, senza abilità e salute compromessa. E mia zia, la maggior parte come me, silenziosa e studiosa, un po 'straniera, e sempre cercando di assicurarsi che tutti gli altri fossero felici.

Imparare le loro storie mi ha aiutato a capire molto sulle nostre dinamiche familiari, su chi erano e chi ero. La ricerca del Family Narratives Lab mostra quanto siano importanti questi tipi di storie familiari, specialmente per gli adolescenti. Gli adolescenti che conoscono storie sull'infanzia dei loro genitori e, in particolare, sulle storie della madre, mostrano livelli più elevati di autostima, minori problemi comportamentali e maggiore competenza sociale e accademica. Conoscere storie sull'infanzia delle loro madri ancore adolescenti nel mondo, e li aiuta a navigare le loro transizioni sfidanti in età adulta. Queste storie continuano ad essere importanti per tutta l'età adulta nella transizione alla genitorialità e affrontano nuove sfide di vita. Kate McLean alla Western Washington University ha mostrato come le storie che madri e figlie condividono sui loro momenti difficili e vulnerabili crescendo non solo li avvicinino ma forniscano strategie di coping sia per la madre che per la figlia. Impariamo come affrontare i piccoli e grandi problemi della vita attraverso le storie di come gli altri sono riusciti.

Quindi, questa festa della mamma, compra i fiori della tua mamma. Ma anche chiederle la sua storia. Chiedi alle storie della tua mamma sulla sua infanzia e sulla sua età adulta – dove è nata, cresciuta, è andata a scuola, quali sono i suoi momenti più memorabili, i suoi successi più preziosi e le sue peggiori imbarazzi!

E altrettanto importante, per molti di noi, le madri vengono in pacchetti insoliti. La mia madre biologica è parte della mia storia. Ma per me, mia nonna e mia zia erano importanti nel darmi la mamma come mia madre. Per gli altri, queste relazioni potrebbero anche non essere biologiche – matrigne, guardiani, insegnanti, mentori. Come dice il proverbio africano, "ci vuole un villaggio". Le loro storie sono anche le tue storie. In una revisione della ricerca sul superamento delle avversità infantili, Sarah-Jane Winders conclude che avere una forte relazione sicura con un adulto, sia esso biologico o meno, è uno dei fattori più importanti per un risultato sano. E queste relazioni sono forgiate attraverso storie.

Quindi, questa festa della mamma, onora tutte le tue madri chiedendo le loro storie. Chiedere alle loro storie è il tuo dono per loro; condividere le loro storie è il loro regalo per te.

Solutions Collecting From Web of "Il miglior regalo per la festa della mamma"