Il Medio Oriente: una lezione di libertà

Come milioni di altri americani, sono stato inchiodato al mio televisore nelle ultime settimane, guardando le persone che protestavano e urlavano per le strade di luoghi lontani che avevo letto solo in precedenza nei libri: Tahrir Square, Pearl Square, Tripoli. Cerco di immaginare cosa sentono e pensano, ma è difficile – sono letteralmente un mondo lontano.

Che cosa è, mi chiedo, che farebbe arrabbiare qualcuno con il suo petto e sfidare la polizia circostante a sparargli? Cosa farebbe che i genitori portassero i loro bambini in questi posti pericolosi, esponendoli a ferite o morte? Ancora e ancora, sento i manifestanti che gridano: "Dacci la nostra libertà?" Cos'è questa cosa chiamata libertà, e perché le persone sono disposte a morire per questo?

Franklin D. Roosevelt, rivolgendosi al Congresso nel 1941, parlò di quattro libertà: libertà di espressione; libertà di adorare a modo suo; libertà dal bisogno; e la libertà dalla paura. In molti casi, ai disperati cittadini delle dittature del Medio Oriente mancano tutte queste libertà, che spesso diamo per scontate. La libertà, come l'aria o l'acqua, a volte viene apprezzata solo quando viene rimossa o ripristinata. Sono diventato acutamente consapevole di questo quando mi sono trasferito negli Stati Uniti dall'Apartheid in Sud Africa a metà degli anni '70.

In Sud Africa, mi è stato insegnato a guardare le mie parole in luoghi pubblici. Non hai mai saputo quando la polizia segreta poteva essere in agguato, solo che potevano farlo. . . bene, tutto quello che volevano se tu fossi stato arrestato. Alcune persone vicine a me erano o più coraggiose o meno attente di me a parlare apertamente contro il governo, e pagavano a caro prezzo le loro parole. Un mio cugino, ad esempio, è stato gettato in isolamento e torturato.

Ricordo chiaramente un incidente accaduto – o non accadde – poco dopo il mio arrivo negli Stati Uniti, stavo mangiando in un ristorante con la mia famiglia e criticando il presidente (ho dimenticato quale e di cosa). Sentivo un bisogno fugace di guardare dietro di me: chi potrebbe ascoltare? Poi ho capito che ero in America. Potrei dire tutto ciò che volevo su chiunque (beh, quasi tutto) e non sarebbe successo niente di male. Quello è stato il momento in cui ho capito – forse per la prima volta – cosa significa avere la libertà di parola.

La scorsa settimana, la Corte Suprema ha votato per otto a uno a favore della Westboro Baptist Church in Kansas, i cui membri hanno preso a picchettare con slogan odiosi i funerali dei soldati caduti, aggravando il dolore degli amici e dei parenti in lutto. Il mio primo istinto fu di desiderare che la sentenza fosse andata dall'altra parte. Poi mi sono ricordato di come sarebbe stato vivere in uno stato di polizia – e quanto è prezioso il diritto di parlare liberamente. È facile dare per scontata quella libertà – finché non accendiamo la TV e vediamo milioni di persone disposte a morire per ottenere quel diritto.

Norman Rosenthal è uno psichiatra e l'autore del prossimo libro Transcendence: Healing and Transformation Through Transcendental Meditation (Tarcher Penguin, 2011). I suoi libri precedenti includono Winter Blues e The Emotional Revolution.

Copyright – Norman Rosenthal

Dr. Rosenthal può essere trovato su Twitter @DoctorNorman

Solutions Collecting From Web of "Il Medio Oriente: una lezione di libertà"