Il "Logico Illogico" della Psico-Logica (Pt 1): Sogni

Derrick T/Flickr
Fonte: Derrick T / Flickr

Ecco un sogno riportato da un cliente che rivela vividamente le connessioni squisitamente logiche tra le nostre preoccupazioni di veglia e le "allucinazioni" notturne. Le ultime narrazioni paradossali sono create dal nostro inconscio per illuminare, anche se simbolicamente, ciò che stiamo ancora cercando di risolvere dentro le nostre teste

Nel sogno del mio cliente, lui-Kevin (46 anni) viene fermato da un poliziotto per eccesso di velocità. Sebbene sia piuttosto agitato dalla situazione, l'ufficiale mostra una calma quasi soprannaturale. In modo disinvolto, il poliziotto afferma che sua moglie dà regolarmente voce all'apprensione che il suo uso eccessivo del telefono cellulare potrebbe causare il suo sviluppo di un tumore al cervello. Ma lui stesso non avrebbe mai pensato di prendere in considerazione una simile possibilità. Per lui crede fermamente che è meglio vivere senza preoccupazioni. Nel frattempo, guardando il poliziotto più da vicino, Kevin nota che la sua faccia è terribilmente danneggiata, decaduta, morente, anche se il poliziotto sembra allegramente inconsapevole del suo aspetto terrificante.

Quindi, qual è stata la situazione reale della vita che ha reso questo sogno (sconcertante per il mio cliente, tra l'altro) così "psicologicamente logico"?

Bene, negli ultimi mesi Kevin aveva avuto episodi di gravi palpitazioni cardiache e una accelerata frequenza cardiaca, causandogli una grande ansia. Ossessionato da ciò che le cose negative che questi sintomi spaventosi potrebbero mettere in pericolo – e se la loro intensità pura potesse alla fine ucciderlo – era in uno stato di costante, pronunciato disagio. Anche se non aveva una storia di problemi cardiaci, per escludere qualsiasi grave condizione fisica, aveva visto diversi praticanti (olistici e tradizionali), era stato esaminato esaurientemente e sottoposto a tutti i test e le procedure diagnostiche quanti i suoi vari praticanti potevano pensa a. Ripetutamente, gli fu assicurato che il suo cuore stava bene. E sebbene i praticanti alternativi consultati ritenessero di soffrire di affaticamento surrenale (che ha contribuito alle sue lamentele fisiche), gli fu detto che i suoi problemi erano essenzialmente legati allo stress e psicologici. . . e del tutto curabile.

In breve, il messaggio che Kevin ricevette da tutti i professionisti a cui aveva cercato aiuto era che la sua situazione non era così seria come, soggettivamente, lo sperimentava. Cioè, "non preoccuparti". Ed anche io ero fiducioso che una volta che avessimo lavorato a traumi irrisolti del suo passato (che una serie di circostanze odierne si erano ridiventate), i suoi fastidiosi sintomi sarebbero scomparsi. Quindi, tra le altre cose, ho suggerito che ogni volta che era improvvisamente assalito da anomalie cardiache, semplicemente ricordava a se stesso che erano un falso allarme – un prodotto (o sottoprodotto) di angosce in gran parte inconsce – piuttosto che un preavviso di qualcosa di catastrofico. E, nel complesso, le mie varie raccomandazioni sono riuscite a tranquillizzarlo considerevolmente, mentre procedevamo a lavorare sui probabili problemi psicologici e di stile di vita alla base del suo problema fisico così irritante. Tuttavia, dal momento che i suoi sintomi continuavano in gran parte senza sosta, non poteva del tutto abbandonare le sue paure su come potessero minare significativamente la sua salute.

Inoltre, ho esplorato con Kevin come le sue paure esagerate e l'ipervigilanza rendessero quasi impossibile rilassarsi (e l'insonnia era un'altra delle sue lamentele). Ho anche suggerito in che modo inconsciamente egli potrebbe associare il rilassamento ad una maggiore vulnerabilità, così che se dovesse abbassare la guardia qualcosa di veramente terribile potrebbe accadergli. E, naturalmente, gli ho ordinato di monitorare da solo (ehm, "polizia") i suoi pensieri, così che se si fosse trovato a rimuginare sugli scenari peggiori, avrebbe potuto impiegare la tecnica del "fermare il pensiero" e rassicurarsi sul fatto che il suo i sintomi non erano ovunque così seri come apparivano. Mentre tutto ciò aveva senso per lui, e ricevette un certo sollievo nel contestare attivamente le sue paure irrazionali, a un livello più profondo che difficilmente poteva aiutare ma rimaneva un po 'diffidente riguardo alle sue condizioni. Qualcosa nel profondo della sua psiche si sentiva ancora costretto a preoccuparsi.

Quindi, se i pensieri catastrofici di qualcosa di terribile che stava accadendo a lui (qualcosa che nessuna delle cosiddette "autorità" nel suo caso poteva diagnosticare) continuava a turbare la sua mente inquieta, come potrebbero esprimersi "logicamente" queste rispettive preoccupazioni? Bene, nel suo stato di sogno. Perché questo è il "lavoro" essenziale dei sogni: ricordarci – in modo drammatico e pittorico – di ciò che, internamente, non si sente ancora risolto.

Con tutto questo in mente, torniamo al sogno inquietante di Kevin (e a lui, "illogico").

Il sogno inizia con un poliziotto che lo trascina per eccesso di velocità. La sua guida pericolosa, o pericolosa, può facilmente essere vista come un simbolo dei suoi sentimenti riguardo ai suoi sintomi coronarici, in particolare la sua accelerata frequenza cardiaca. Il poliziotto in divisa (inconfondibilmente emblematico dell'autorità) può essere facilmente collegato a tutti i professionisti che ha visto, senza risultati visibili da mostrare. Oltre a rappresentare i molti diversi praticanti che ha consultato, l'ufficiale sembrerebbe anche rappresentare i suoi sforzi non del tutto riusciti a "sorvegliare" i suoi pensieri. Dopotutto, il poliziotto consiglia indirettamente di prendere le cose con calma e non preoccuparsi, proprio come quelli che hanno autorità collettiva lo hanno istruito collettivamente.

L'ambivalenza di Kevin sulla totale fiducia nei confronti della "polizia sanitaria" che è intervenuta per assisterlo è suggerita dal fatto che il poliziotto nel suo sogno ha qualcosa di gravemente sbagliato in lui, come rivelato dal suo volto corroso e disintegrante. Quindi i dubbi sotterranei del mio cliente sul fatto che sia davvero sicuro di rassicurare se stesso sono "logicamente" supportati dall'aspetto reale dell'ufficiale, che contraddice nettamente la filosofia personale che è così desideroso di impartire a lui. Il messaggio del poliziotto di non lasciare che qualcosa lo sconvolga perde ogni autorità perché lui stesso è in pericolo mortale eppure completamente ignaro di ciò. E poiché i sogni sono spesso multidimensionali, con le persone e le circostanze che spesso portano più di un singolo significato, l'aspetto compromesso del poliziotto può anche essere visto come un riflesso del modo in cui il mio cliente inconsciamente (e paurosamente) si vede. Quindi, in queste circostanze, allenarsi a non preoccuparsi potrebbe davvero provocarlo per una scomparsa "sconveniente". (Morte per svista, se vuoi.)

Letteralmente, naturalmente, o meglio, fuori dal contesto, il sogno di Kevin apparirebbe estraneo a tutto ciò che stava attraversando, per niente logico. Ma in senso figurato rende, nel modo più logico possibile a qualsiasi semplice "finzione", le dimensioni precise delle sue "due menti" sulla sua condizione. Le sue inconsce immaginazioni notturne danno voce creativa a tutti i dubbi e le confusioni che ha cercato di "modificare" nelle sue ore di veglia. Il suo sogno è compatto, carico di significato, come il più eloquente poema lirico. Il poliziotto può avere l'autorità di dargli un biglietto (come fanno tutti i praticanti che lo accusano del loro consiglio "autorevole"). Eppure, quanta di questa autorità dovrebbe rispettare quando il poliziotto / autorità del suo sogno non può nemmeno notare i suoi stessi sintomi, così orribilmente sfacciati nei confronti del mio cliente. Anche se, presumibilmente, il suo cellulare ha già fatto gravi danni a lui, tuttavia predica con leggerezza la dottrina di "tutto va bene".

Chiaramente, questo è il problema che il mio cliente si è sentito obbligato – anche se inconsciamente – a lavorare (e perché, da Jung ai giorni nostri, i terapeuti possono parlare delle nostre visioni notturne come "lavoro dei sogni"). Voleva disperatamente credere alle cose positive che tutti i suoi "esperti" (me compreso) gli stavano dicendo. Eppure è rimasto sintomatico. Proprio come la faccia dell'ufficiale spensierato era davvero ferita, periodicamente il suo cuore – nonostante tutte le rassicurazioni che aveva ricevuto – non riusciva proprio a battere a destra. E anche quando si sentiva calmo, oltre un certo punto questo stato rilassato poteva innescare un altro attacco d'ansia. Nonostante l'opinione professionale, chi lo sa? Forse era pericoloso abbassare la guardia.

Il sogno di Kevin è stato rivelatorio. Indiscutibilmente, tradiva i dubbi irrisolti sulla sua condizione che, almeno coscientemente , pensava di aver conquistato. Data la natura particolarmente inquietante dei suoi sintomi, tuttavia, aveva un senso compiuto, cioè soggettivamente logico, che non poteva fare a meno di essere afflitto da alcuni resti di sospetto.

Infine, potrebbe essere che le operazioni più intime della psiche umana siano decifrate con precisione attraverso l'analisi delle nostre fantasie notturne. Per quanto irrazionali possano sembrare alla nostra mente vigile, incarnano la loro logica profonda. E anche se una tale logica "trans-razionale" può spesso essere in contrasto con ciò che – oggettivamente, almeno – sembrerebbe logico, psicologicamente il loro ragionamento intrinseco è impeccabile.

NOTA 1: La seconda parte di questo post in 5-pt sarà incentrata sulla logica curiosamente contorta dell'autosabotaggio. Pt 3 entrerà nelle varie convinzioni negative sul sé che alimentano questo comportamento, mentre Pt 4 si concentrerà sul bambino "esterno" (contro "interno") responsabile di esso. E, infine, Pt 5 affronterà il tema dell'auto-sabotaggio in quanto riflette atti di aggressività passiva verso se stessi.

NOTA 2: Se potessi riferirti a questo post e pensare che anche altri che conosci potrebbero, gentilmente, considerare di inoltrare il suo link.

NOTA 3: per controllare altri post che ho fatto per Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2016 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso non ortodosse.

Solutions Collecting From Web of "Il "Logico Illogico" della Psico-Logica (Pt 1): Sogni"