Il linguaggio del corpo degli occhi

I nostri occhi sono anche formidabili comunicatori di sentimenti, tra cui comfort e disagio, che ci aiutano a decifrare gli altri da una tenera età. Gli occhi rivelano eccitazione alla mamma che entra nella stanza, ma rivelano anche preoccupazione quando siamo turbati. Spesso ciò che non viene detto ad alta voce viene espresso in modo squisito negli occhi. In effetti sono stato spinto a scriverlo oggi mentre stavo visitando un collega di ricerca e i suoi occhi, a distanza, mi hanno detto che qualcosa non andava, suo padre era morto.

Mentre gli occhi di una madre rifletteranno la disperazione che potrebbe provare quando il suo bambino è ricoverato in ospedale, al contrario, rivelano la gioia di aver scoperto che il bambino è sano e in salute. Poche cose riflettono le nostre emozioni così o rapidamente come gli occhi. I bambini di pochi giorni già rispondono agli occhi della madre e possono distinguere tra uno strabismo e gli occhi dilatati e dilatati. I bambini possono dire la differenza tra una madre felice e soddisfatta e una che è stressata, solo guardando il sì.

Gli occhi servono come conduttori di informazioni su cui ci siamo basati per migliaia di anni. Ci affidiamo a loro per la loro accuratezza. L'uomo a cui viene chiesto di aiutare qualcuno a muoversi coprirà i suoi occhi con le dita che le sfregano mentre risponde: "Sì, ti aiuterò", quando non c'è dubbio che questo sarà un inconveniente. Questo comportamento di blocco rivela autenticamente come si sente anche se aiuterà.

Comportamenti che bloccano gli occhi come: coprirsi gli occhi, schermare gli occhi, abbassare le palpebre per un periodo prolungato, ritardi nell'apertura degli occhi è così difficile in noi che i bambini che nascono ciechi, quando sentono qualcosa che non fanno come copriranno anche i loro occhi. Ovviamente questo comportamento è rigido, parte dei nostri paleo-circuiti e rappresenta un adattamento allo stress o altri stimoli negativi che ci è servito da millenni.

Il blocco degli occhi è solo una delle cose più ovvie che facciamo. Quando siamo turbati, frustrati o alle prese con qualcosa di emotivo, le nostre palpebre possono anche chiudersi con forza e rimanere chiuse o le palpebre possono svolazzare rapidamente come espressione del nostro sentimento. Hugh Grant è famoso nei film per il suo palpito quando palpita qualcosa.

La ricerca mostra anche che quando siamo nervosi o travagliati il ​​nostro tasso di battito cardiaco aumenta, un fenomeno spesso visto con i bugiardi ma anche frequentemente visto con le persone sotto stress. Non chiamerei nessuno bugiardo solo perché il loro tasso di battito si alza anche se durante lo studio di Richard Nixon ho notato che quando stava lottando con i fatti mentre parlava con la stampa il suo tasso di intermittenza passava da circa 12 al minuto a 68 volte al minuto. Bill Clinton durante la sua deposizione ha mostrato un alto tasso di battito a volte superiore a 92 al minuto, ma ancora una volta questi erano soggetti a molto stress.

Quando interpretano il comportamento degli occhi, esistono molti malintesi. Il contatto visivo minimo o inesistente è percepito erroneamente da alcuni come un classico segno di inganno, specialmente durante l'interrogatorio, mentre il veritiero dovrebbe "chiudere gli occhi". Questo non è supportato dalla ricerca o dall'esperienza ed è completamente falso. In realtà, Alder Vrij e altri hanno scoperto che i bugiardi tendono a impegnarsi in un maggiore contatto visivo perché sanno che stiamo cercando lì segnali di inganno.

Il contatto visivo è in realtà un fenomeno sociale / culturale che viene praticato in modo diverso in tutto il mondo. A New York City, per convenzione sociale, siamo autorizzati a guardarci l'un l'altro per 1,68 secondi. In altre culture, specialmente in America Latina e altrove, la tua capacità di guardare gli altri può essere abbastanza estesa finché non è minacciosa.

L'avversione agli occhi è praticata da molte culture tra cui latinoamericani e afro-americani, per mostrare rispetto verso chi ha autorità. Quindi, quando un bambino nero guarda in basso mentre viene castigato, quello sguardo in basso è in realtà un segno di rispetto e di deferenza che viene spesso frainteso come mancanza di rispetto o peggio, inganno.

È interessante notare nelle mie osservazioni che quando siamo più a nostro agio abbiamo il lusso di guardare altrove e di trovare conforto lì mentre recuperiamo fatti dalla nostra memoria o riflettiamo sul futuro.

Gli occhi si spostano da un lato all'altro, guardano in basso o rimangono fermi mentre elaboriamo le informazioni. Basta chiedere a qualcuno, moltiplicare in testa 56 x 89 e guardare i loro occhi. Il carico cognitivo posto su di loro dal compito di moltiplicazione causerà tutti i tipi di movimenti oculari o addirittura la chiusura degli occhi. Tutto ciò che possiamo imparare da questo è che la persona sta elaborando le informazioni, non che stiano dicendo la verità o mentendo come se alcune persone ben intenzionate ma malate ci credessero.

Guardo gli occhi principalmente per dirmi quando qualcuno è a suo agio e rilassato. Guardo anche gli occhi per dirmi quando qualcuno viene improvvisamente turbato da un soggetto o da un evento. Immediatamente vedrò le orbite strette, quello che chiamo l'effetto Clint Eastwood (ricordalo in quei western italiani proprio prima che sparasse, ha sempre sbirciato). Strizzando gli occhi o il restringimento delle orbite degli occhi indica, molto accuratamente, disagio, stress, rabbia o problemi. Ho approfittato di questo comportamento nei negoziati in cui i consiglieri opposti leggono ad alta voce ogni paragrafo; abbiamo potuto vedere quali articoli nel documento sarebbero stati problematici dallo strabismo degli occhi in ogni giuntura truculenta. Questo comportamento è ovviamente vecchio di milioni di anni e comunica molto elegantemente come ci sentiamo proprio in quel momento.

* * *

Se sei interessato al comportamento degli occhi, consiglierei " Quello che ogni corpo sta dicendo " o il mio libro più recente, " Più forte delle parole ". Ulteriori articoli sono disponibili qui su Psychology Today (Spycatcher). Puoi anche seguirmi su Twitter all'indirizzo: @navarrotells. Una bibliografia recentemente rivista (13 pagine) sul linguaggio del corpo è disponibile gratuitamente: www.jnforensics.com.

Se sei interessato a come il linguaggio del corpo viene usato in un contesto forense, leggi tre minuti per Doomsday; Un agente dell'FBI, un traditore e il peggior passo nella storia degli Stati Uniti (Scribner) – un vero racconto di vita di come il linguaggio del corpo è stato usato per catturare una spia e scoprire la "peggiore breccia di spionaggio nella storia degli Stati Uniti".

Solutions Collecting From Web of "Il linguaggio del corpo degli occhi"