Il lavoro a casa mio figlio ama

Mio figlio quattordicenne odia i compiti. Non è il lavoro di per sé. Durante l'orario scolastico, la Giordania è felice di apprendere e terrà una lezione approfondita sui punti fini della storia moderna o sulle proprietà di un triangolo equilatero. Dagli comunque gli stessi incarichi a casa, e li percepisce come un'intrusione del suo tempo e spazio. Un'ingiustizia

La casa, lui ragiona, è per altri tipi di lavoro. La casa è per mungere la sua mucca, Daisy, e piantare patate. È per abbattere un albero con un'ascia il cui manico ha scolpito, e poi usare Bright e Blaze, la sua squadra di giovane manzo, allenata ad un giogo che ha modellato e rasato, per tirare il tronco nella stalla, dove lui e le sue sorelle lo hackerò nella legna da ardere. La casa è per la zangolatura che sfiora, dal latte che ha spremuto, nel burro e nel gelato (anche se non tutti e due contemporaneamente).

Mentre la scuola è a scuola, la casa è casa-lavoro.
*
La questione dell'educazione è nelle notizie, che affianca le preoccupazioni sulla capacità degli Stati Uniti di mantenere il proprio posto nell'evoluzione dell'economia globale. Conosciamo il ritornello: innovazione, creatività e imprenditorialità ci garantiranno posti di lavoro. Le scuole devono insegnare alla prossima generazione queste indispensabili abilità di sopravvivenza.

Fin qui tutto bene. La prossima domanda, ovviamente, è come? Sai insegnare la creatività? L'ossimoro è evidente. Alcuni negano che sia possibile. Ma cosa ci vuole per essere un imprenditore creativo e innovativo?

Per uno, prende la prospettiva necessaria per vedere un problema come problema in primo luogo, indipendentemente da ciò che pensano gli altri. Ci vuole la passione di voler farlo meglio. Ci vuole pazienza per aspettare che le idee arrivino e maturino, e la persistenza a rompere la resistenza, inevitabilmente nuovi modi.

In breve, se vogliamo coltivare i creativi risolutori di problemi, dobbiamo aiutare i bambini a sviluppare un desiderio intrinseco di spiegare ciò che devono dare nel rendere il mondo un posto migliore in cui essere.

Ho detto che sarebbe stato facile?
*
Di recente ho letto NutureShock, un libro sulle pratiche genitoriali che smaschera le nostre idee di buon senso come non molto sensate, dopo tutto. Un capitolo si concentra sulle teorie su come sviluppare le "funzioni esecutive" della corteccia prefrontale che ci aiutano nella pianificazione per il futuro, portando avanti strategie e sfruttando i nostri impulsi a loro. Queste funzioni esecutive sono quasi sempre descritte come un tipo di autocontrollo dall'alto verso il basso: la mente sul corpo. Fino a poco tempo fa, la strada per tali abilità è stata lastricata di una formazione che si concentra principalmente sull'intelletto.

Tuttavia, come riferisce NutureShock, l'equilibrio si sta spostando, perché i ricercatori stanno scoprendo mezzi più efficaci per sviluppare queste capacità. Vengono proposte opportunità di apprendimento collaborativo basate sui progetti e basate sui casi in cui gli studenti progettano, realizzano e persino valutano il proprio lavoro. Quando gli studenti apprendono ciò di cui hanno bisogno per risolvere un problema, sanno che quello che stanno imparando è importante. Sanno perché. Si preoccupano, e quindi investono più di se stessi nell'apprendimento.

Negli anni prescolari tale apprendimento è chiamato gioco immaginativo. Chiedi a un bambino di quattro anni di stare fermo e potresti ottenere trenta secondi. Digli che è un drago che custodisce un gioiello prezioso e potresti ottenere quattro minuti. Coinvolgi un ladro di gioielli, una famiglia di draghi che ama il gioiello e l'arcobaleno magico che apre e può sedersi per venti.

La stessa logica funziona per un ventenne. Mettila in una situazione di vita e guarda come migliorano le discipline di apprendimento. Perché? Quelle cosiddette funzioni esecutive sono alimentate e finanziate dai nostri sé emotivi e sensoriali. Dopotutto, non è così per il corpo.

Se il nostro obiettivo, quindi, è di coltivare i risolutori appassionati, pazienti e persistenti, la trama si infittisce: come insegniamo ai nostri figli a suonare?
*
Sto imparando di nuovo con Leif. Maestro di rotolare che è diventato, non ha più bisogno di tirare le ginocchia al petto per iniziare la mossa. Si limita a torcere il busto, l'ombelico per primo e rotola di lato, trascinandosi dietro le gambe. Ha imparato questa torsione del torso perché il movimento di sollevamento delle gambe, con il coltello a serramanico che ha praticato così tante volte ha disposto il suo corpo in questo schema, portandolo nella sua consapevolezza sensoriale come una possibilità. L'ha imparato, l'ha perfezionato. Ora, questo cavatappi è la sua mossa di scelta non appena lo metti giù, per esempio, quando cerchi di cambiargli i vestiti o un pannolino.

Una volta sul ventre, tuttavia, si ritrova all'orizzonte delle sue capacità. Incollato. Prova ad inarcare la schiena e sollevando le braccia e le gambe dal pavimento, agitando e calciando, mentre fa il suono di un gatto strangolato.

Poi, dopo diversi momenti di stridore che gratta l'orecchio, ricorre allo stesso modello di movimento delle ginocchia che gli ha insegnato a rotolare in primo luogo: si tira le ginocchia nodose sotto il corpo. Ecco, trova le dita dei piedi. Si collegano al pavimento. Eseguendo la sua solita spinta verso il basso, succede qualcosa di insolito: si ritrova lanciato in avanti nello spazio, sul bordo della coperta, la fronte sul pavimento. Wow !

Cosa sta succedendo? Di fronte a una nuova sfida (pancia in giù), Leif mobilita un modello di sensazione e risposta che sa già come fare (in ginocchio). Quando lo fa, il modello familiare assume una forma diversa in relazione alla gravità e al peso (le dita si connettono). Impara su se stesso e il suo mondo basandosi su ciò che accade quando lo fa (faccia a terra). Il modello si evolve (un po 'più in alto). Ripete l'esperimento ancora e ancora, giocando con le possibilità, e affina quei modelli di movimento che spiegano il suo potenziale per spostarsi ancora di più (sta quasi per gattonare!). Il movimento che sta facendo Leif è la sua creazione.

Mentre i movimenti spinali di Leif sono fondamentali per la salute umana – al centro dello yoga, della danza e di altre discipline fisiche, trascurati a nostro danno nelle nostre vite sedentarie – ciò che è ancora più importante delle avventure di Leif è il processo che sta coinvolgendo. Sta giocando nel modo più fondamentale in cui noi umani possiamo: scoprire e creare i modelli di sensazione e risposta che fanno di lui quello che è. Non si sta solo muovendo, sta esplorando e dispiegando il suo potenziale per fare nuove mosse. Sta giocando ai suoi stessi orizzonti e lo fa perché è divertente. Sta partecipando ai ritmi del suo divenire corporeo.
*
Per sopravvivere in questo secolo, avremo bisogno di imparare a fare nuove mosse in relazione agli elementi più basilari della nostra esistenza in corso: cibo, acqua, aria, terra e le sue creature umane e animali. Dobbiamo essere in grado di giocare – per immaginare, pianificare e realizzare scenari che anticipano l'impatto delle nostre azioni sulla salute e il benessere della terra in noi e intorno a noi. Cosa stiamo creando ?

Potremmo pensare che una volta apprese le basi del rotolamento, della seduta, della scansione e della camminata, sia tempo di limitare il focus dell'apprendimento ai nostri intelletti. Tuttavia, affinché il nostro pensiero rimanga libero, flessibile e reattivo ai nostri tempi, abbiamo bisogno di esercizi che mettano alla prova i nostri intelletti e le pratiche corporee che richiamano la nostra attenzione su come i nostri movimenti ci stanno facendo. Per rispondere alle sfide che dobbiamo affrontare, dobbiamo preoccuparci. Dobbiamo sapere perché è importante per le nostre vite corporee, e per fare entrambe le cose, dobbiamo muoverci in modo da far vivere i nostri sensi.

È il nostro lavoro a casa.
*
Bright e Blaze potrebbero non saperlo. Non stanno solo tirando un registro. Stanno dando vita a un risolutore di problemi appassionato, paziente e persistente.

Solutions Collecting From Web of "Il lavoro a casa mio figlio ama"