Il lato oscuro di essere un Over-Achiever americano asiatico

Image from Stocksnap
Fonte: immagine da Stocksnap

Questo è il terzo blog per gli ospiti di Nicole Hsiang, MFT. Ha una pratica di psicoterapia a San Francisco, dove è specializzata nel lavorare con le questioni uniche che affronta uomini e donne asiatici di seconda e terza generazione. Vedi il suo sito Web per maggiori dettagli: nicolehsiang.com. Se sei interessato a leggere di più sugli asiatici americani e il perfezionismo, vedi i miei blog su Tranquillità di Susan Cain e Amy Chua sull'identità e il successo degli immigrati. Come diceva il maestro Zen Dogen, "essere in armonia con l'unicità delle cose è essere senza ansia per l'imperfezione". – RC

Ciò che i nostri genitori non ci hanno insegnato:
Il lato oscuro di essere un Over-Achiever americano asiatico

Andy * un americano taiwanese di 34 anni potrebbe facilmente essere visto come una persona che ha "fatto". Progettista di UX a San Francisco, ha trascorso 7 anni costantemente salendo la scala della carriera, ricevendo molte lodi e riconoscimenti per i suoi talenti artistici e l'etica del lavoro focalizzata.

Ma poco dopo è diventato promosso a una posizione di alto livello, si è reso conto di essere completamente infelice.

Stupito, gli ho chiesto: "Come è successo?"

Andy mi ha riportato alla sua infanzia. Da adolescente, Andy non ha avuto molto tempo libero per una vita sociale perché era troppo impegnato con la scuola e le attività extrascolastiche. I suoi genitori, che erano preoccupati quando vedevano troppi B sulla sua pagella, lo sottoponevano a lezioni di Kumon dopo ore scolastiche, corsi di preparazione al SAT che iniziavano nel sesto anno, lezioni di violino, lezioni di mandarino e sport. Gli fu dato un libro di matematica da leggere durante l'estate. Divenne un perfezionista laborioso, condizionato a lottare per il meglio.

La storia di Andy è comune per i giovani di oggi in una società sempre più competitiva. Vediamo molta preoccupazione nei media se stiamo sottoponendo i nostri giovani a troppo stress a scuola senza abbastanza considerazione per il loro benessere emotivo. I genitori sono incoraggiati a cercare segnali di eccessiva ansia nei loro figli, e molte scuole incorporano "apprendimento socio-emotivo" all'interno del loro curriculum.

Ma se chiedi a una famiglia di americani asiatici, potresti sentire che è del tutto appropriato e necessario spingere i nostri figli a eccellere e raggiungere obiettivi elevati con una dose abbondante di amore duro. Nel recente show di successo "Glee", c'è stato un episodio memorabile intitolato "Asian F", in cui il personaggio americano asiatico Mike Chang viene sgridato da suo padre per aver ottenuto un esame di chimica A-.

Esatto, un A- è equivalente a un asiatico F.

Nonostante l'esagerazione, la storia ha risuonato con molti ex bambini asiatici. Ricordano com'era ricordare la lotta e il sacrificio dei loro genitori immigrati, in modo che potessero avere una vita migliore. Anche se non hanno ricevuto i messaggi apertamente, i bambini immigrati probabilmente sentiranno che il futuro della loro famiglia pesa sulle loro spalle. Essere intelligenti, laboriosi e studiosi è l'unico modo per un futuro luminoso e sicuro.

Di conseguenza, l'iscrizione al college americano asiatico e il rendimento scolastico hanno superato quello di qualsiasi altra razza, compresi i bianchi, dimostrando l'immenso valore di questo tipo di genitorialità. I media hanno evidenziato il fenomeno del successo americano asiatico come un segno di grande successo o una minaccia per la sicurezza americana.

Ma ultimamente, le persone hanno iniziato a prestare attenzione al suo costo emotivo. La ricerca mostra alti episodi di depressione e suicidio tra gli studenti delle scuole superiori americane e dei college americani, un fatto spesso mascherato dai risultati raggiunti. Un recente studio presso la Cornell University ha rilevato che tra 21 suicidi all'interno del campus tra il 1996 e il 2006, 13 erano asiatici americani. Un centro operativo e di sensibilizzazione è stato creato appositamente per rispondere alle esigenze dei loro studenti asiatici americani.

Nel 2002, la Lowell High School di San Francisco ha perso il sedicenne Thomas Hoo, descritto come un adolescente "apparentemente non disturbato", la cui depressione nascosta ha portato al suo suicidio. Lowell High School è la scuola superiore pubblica più competitiva di San Francisco che seleziona i suoi studenti in base al merito e alle prestazioni accademiche. Il loro corpo studentesco è prevalentemente asiatico americano.

Essere bravi a scuola non garantisce felicità e benessere. Gli studenti americani asiatici cadono spesso sotto il radar durante lo screening per problemi di salute mentale nelle scuole.

Andy ha detto che non ha mai messo in dubbio cosa volesse per se stesso. Nel conformarsi alle richieste dei suoi genitori, Andy sviluppò i punti di forza di cui aveva bisogno per raggiungere alti standard simili in college e scuole di specializzazione, sebbene sempre spinto da una perenne sensazione di inadeguatezza.

Non è stato fino a quando ha iniziato la sua carriera quando le sue strategie mentali hanno iniziato a tradirlo.

"Quando vai a scuola, hai la sensazione di essere stressato ora, ma almeno c'è una fine in vista. Ma quando applichi la stessa mentalità al lavoro, ti rendi conto che non c'è fine. Il modo in cui hai sempre fatto le cose, non è sostenibile. Guardi il futuro e pensi: "Farò questo fino a quando non andrò in pensione?" Ed è allora che entra in scena la disperazione. "

Come la storia di Thomas Hoo, la battaglia di perfezionista di Andy con se stesso è passata inosservata. Sentendosi disconnesso dai suoi colleghi, divenne irritabile, risentito e persino sviluppato sintomi fisici, tra cui la tendinite da stress ripetitivo legato al computer.

Un giorno, alla fine decise che doveva fare qualcosa al riguardo.

"Mi sono reso conto che tutti i premi del mondo non mi faranno sentire bene per il lavoro che stavo facendo.

"Ho avuto la sensazione che mi stia perdendo un intero mondo di emozioni che non so come esprimere", ha spiegato Andy. Decise di iniziare la terapia personale e il career coaching per pensare a cosa significherebbe vivere e lavorare per se stesso e non per gli altri.

Il suo viaggio per trovare se stesso è iniziato, e ora lavora in un campo diverso.

Sotto l'immagine del laborioso, asiatico americano di successo, persone come Andy hanno desideri e sentimenti complessi e sfumati che fanno parte di ciò che li rende umani. Una vita di evitamento del fallimento e delusione può impedire di condividere sempre chi sono dentro e, come abbiamo visto, le conseguenze possono essere mortali.

La verità è che se non ci permettiamo di fare errori e deludere gli altri, non saremo in grado di sapere chi siamo oltre ciò che la gente si aspetta che noi siamo. E questo non è mai un modo sostenibile di vivere.

Forse un modo migliore per ringraziare i nostri genitori per tutto ciò che hanno fatto per noi è mostrare loro che non abbiamo paura di fallire. Ogni tanto, questo è.

* Il nome è stato modificato per proteggere la riservatezza

(c) 2017, Ravi Chandra, MDDFAPA (eccetto (c) Nicole Hsiang)

Newsletter occasionale per scoprire i miei libri in corso sulla psicologia dei social network (Facebuddha) e l'insicurezza e la vulnerabilità (The iBomb) www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui e www.RaviChandraMD.com

Nicole Hsiang, MFT
Fonte: Nicole Hsiang, MFT

  • Depressione e disturbi dell'umore
  • Amore, ambizione, felicità, animali domestici e nazionalismo
  • Ricordando come invecchiamo
  • Idee di lavoro per le persone anziane
  • Perché normalizziamo la violenza contro le donne?
  • Quando la solitudine diventa isolamento
  • L'astinenza di Trump è un disturbo della personalità?
  • Per testare o non testare
  • Per quanto riguarda le mappe potenti
  • Come si manifesta l'alienazione nel sistema di educazione pubblica
  • Creare un vantaggio in un college
  • Perché alcuni fratelli provenienti da famiglie in difficoltà risultano soddisfacenti, mentre altri si muovono?
  • Perché avere solo obiettivi non basta
  • Cos'è la spiritualità?
  • Chi Whiz! Scambi di energia tra persone
  • Felicità nazionale lorda: dovremmo iniziare a fare i conti con il nostro GNH?
  • Ingannato dalle trappole dell'autorità?
  • Sentirsi male? Ecco cosa non dovresti fare.
  • 8 libri di grande amnesia
  • Chi tiene uniti i fratelli quando diventano adulti?
  • L'ansia dei genitori può interferire con lo sviluppo sociale ed emotivo del bambino?
  • I gamberi più puliti diventano gelosi?
  • Gli assassini sono etichettati in modo ingiusto come psicopatici?
  • In Difesa di Tempo Solo
  • I 10 motivi peggiori per rimanere amici con il tuo ex
  • I migliori anni della tua vita
  • The Happy Healthy Pornosexual
  • La crisi della nostra epoca: la perdita della vita interiore
  • Quando 51 sposa 16: Fai la matematica
  • Un bambino solitario? Non nel mondo di oggi
  • "Che cosa siete?" Un retaggio di leggi della segregazione
  • Quattro modi per iniziare la tua settimana di lavoro nella parte superiore del tuo gioco
  • Il ciclismo può creare dipendenza?
  • Killing Academia: The Death of America's Colleges
  • Matrimonio malinconico: siamo in un'era post-romantica?
  • La vita nel compassioneoscene, libertà e giustizia per tutti