Il lato oscuro dell'amicizia

Ho letto un recente post di un blogger ospite, Shasta Nelson, con grande interesse. Ho sentito la frase "è solitaria nella parte superiore" più volte nell'ultimo mese in vari modi – in un film, in un volo, e quando stavo speculando sul perché un certo scrittore accademico famoso era single e non sembrava essere fidanzati

Ciò che ho trovato curioso di questo post è che Nelson sostiene che è una colpa condivisa, e che sia la "star" che i "follower" sono responsabili. Quelli in cima vengono guardati, ma non visti. Alcuni dei "seguaci" vogliono essere parte della fama e della gloria, sperando che si attenuano su di loro, senza preoccuparsi minimamente della stella. La star, però, probabilmente ha anche una forte pressione per essere simpatica, per avere una buona immagine e, quindi, probabilmente non condividono se stessi liberamente o onestamente.

La parte che Nelson non ha menzionato sono tutti i sentimenti negativi che possono sorgere a causa dell'invidia. Sì, un seguace potrebbe guardare in alto alla stella, ammirandoli, volendo essere loro. Questo è dannoso solo nella misura in cui impedisce al seguace di accettarsi. Se la stella è un modello di ruolo positivo, allora questo danno si riduce.

Un'interpretazione più oscura, forse più negativa, è che il follower potrebbe anche aspettare che la stella fallisca. A volte, quando siamo invidiosi di qualcuno, aspettiamo con un sospiro di speranza che falliranno. Penso che questo sia spesso il motivo per cui ci piacciono tanto i tabloid. Perché siamo così affascinati da tutto il disastro che succede alle celebrità? Stiamo aspettando di vederli diventare umani, di inciampare e fare un errore, nonostante le loro apparizioni di lusso e le auto di lusso.

E non sono solo le celebrità che vogliamo vedere fallire. Per qualche ragione sconosciuta nella nostra psicologia evoluta, spesso ci piace guardare 'alti papaveri' fare male. Non importa se si tratta di un cosiddetto amico, collaboratore o leader. (Penso che ci sentiamo molto diversamente sulla famiglia, però – forse a causa dei benefici che potremmo ottenere dal loro successo.)

Alti papaveri qui si riferiscono a quelli con status, che sono in posizioni alte – che si distinguono dalla folla in un modo positivo e desiderabile. Un modo semplice per esplorare questo effetto è nelle scuole. Feather (1989) ha eseguito tre studi per indagare su come le persone si sentono riguardo ai papaveri alti. Nel primo studio, ha chiesto a oltre 1500 studenti delle scuole superiori australiane di riferire come si sarebbero sentiti in reazione al fallimento di un uomo d'azione medio rispetto ad un grande successo. Scoprì che gli studenti erano più contenti del fallimento del papavero alto, in particolare quando quella persona diventava mediamente realizzativa. In un secondo studio, un uomo d'azione medio e un grande successo sono stati giudicati colpevoli di imbrogli, e circa 360 studenti sono stati interrogati sulle loro reazioni. Nel complesso, gli studenti erano molto più punitivi con l'alto papavero e più contenti quando cadevano nelle loro esibizioni. Alla fine, ha esaminato gli adulti per esplorare che tipo di persone tendono a provare gioia negli alti papaveri che cadono. I suoi risultati mostrano che spesso sono quelli con un basso livello di autostima, che danno meno importanza ai valori coinvolti nella realizzazione, e che sono stati inclinati verso sinistra politicamente.

Kim e colleghi (2008) suggeriscono che la gioia per la caduta di un papavero alto sembra essere particolarmente rilevante quando si percepisce che lo status elevato o la fama del papavero alto è immeritato. Questo sentimento può quindi trasformarsi in sentimenti di risentimento e, forse, schadenfreude. Propongono che questi sentimenti sono l'opposto del tifo per il perdente. Infatti, hanno scoperto che le persone tendono a essere più 'radicali,' simpatici e si identificano con coloro che sentono stanno lottando (anche se è solo una forma astratta, piuttosto che una persona!), Ma solo quando si credeva che le conseguenze essere alto e c'era una certa rilevanza.

    Ahhh, sì, schadenfreude – provando piacere nella disgrazia di qualcun altro. Sembra che sentire l'invidia possa essere un precursore del sentirsi schadenfreude (van Dijk et al., 2006), o provare risentimento (Feather & Sherman, 2002). Si potrebbe dire molto di più su schadenfreude, ma lo lascerò per un altro post.

    Ritornando all'idea di "è solo in alto", una spiegazione che mi piacerebbe offrire che la chiave sembra essere la genuinità. Potrebbe essere difficile per noi scoprire quando qualcuno è veramente il nostro vero amico contro un amico di convenienza, figuriamoci quando qualcuno sta fingendo di essere un amico perché potrebbe averli da qualche parte. Sospetto che questi ultimi gruppi, gli "utenti", siano quelli con maggiori probabilità di provare gioia maliziosa nella caduta di un alto papavero, soprattutto se hanno una bassa autostima. Se sentiamo che qualcuno non merita qualcosa, potremmo essere molto felici di vederli fallire. Ora, se solo ci fosse un modo semplice per capire se un vero amico è davvero genuino …

    Riferimenti:

    Feather, NT (1989). Atteggiamenti verso gli alti achievers: la caduta del papavero alto. Australian Journal of Psychology, 41 (3), 239-267.

    Feather, NT (2002). Invidia, risentimento, schadenfreude e simpatia: reazioni al conseguimento meritato e immeritato e conseguente insuccesso. Bollettino psicologia personale e sociale, 28 (7), 953-961.

    Kim, J., Allison, ST, Eylon, D., Goethals, GR et al. (2008). Fare il tifo per (e poi abbandonare) il perdente. Journal of Applied Social Psychology, 38 (10), 2550-2573.

    Van Dijk, WW, Ouwerkerk, JW, Goslinga, S., Nieweg, M., & Gallucci, M. (2006). Quando le persone cadono in disgrazia: riconsiderando il ruolo dell'invidia nello schadenfreude. Emozione, 6 (1), 156-160.

    Solutions Collecting From Web of "Il lato oscuro dell'amicizia"