Il grilletto che tira il dito

Di Brad Bushman

Sappiamo molto poco di Chris Harper Mercer, l'uomo che secondo come riferito ha ucciso nove persone e ferito una dozzina il 1 ° ottobre 2015 in un college della comunità dell'Oregon. Sappiamo che possedeva almeno 13 cannoni: i sei trovati sulla scena e altri sette a casa sua. Sappiamo anche che ha avuto un record di malattia mentale.

Public domain
Chris Harper Mercer
Fonte: dominio pubblico

Purtroppo, come ha osservato il presidente Obama, ciò che è seguito alle uccisioni dell'Oregon è una routine ormai deprimente e familiare, un dibattito sui meriti e sui demeriti del controllo delle armi che è destinato a non andare da nessuna parte. Ciò che è evidentemente assente da questi dibattiti, tuttavia, è un fatto che gli psicologi sociali hanno conosciuto per decenni, ma che non ha molto penetrato la coscienza pubblica: le pistole non sono semplicemente un pronto strumento di violenza, ma possono anche incitarla. Il dito tira il grilletto, ma il grilletto potrebbe anche tirare il dito.

Nel 1967, Leonard Berkowitz e Anthony LePage condussero uno studio per determinare se la semplice presenza di un'arma potesse aumentare l'aggressività. I partecipanti arrabbiati erano seduti a un tavolo con un fucile e un revolver, o racchette e volani da badminton in condizioni di controllo. Gli oggetti sul tavolo erano descritti come parte di un altro esperimento che il ricercatore aveva presumibilmente dimenticato di mettere da parte. Il partecipante avrebbe dovuto decidere quale livello di shock elettrico fornire a un complice dello sperimentatore, che era la misura dell'aggressività. Lo sperimentatore ha detto ai partecipanti di ignorare gli oggetti, ma a quanto pare non potevano. I partecipanti che hanno visto i cannoni erano più aggressivi (cioè, hanno dato shock più intensi al complice) rispetto ai partecipanti che hanno visto gli articoli sportivi.

Più di 50 altri studi hanno replicato questo effetto, che è stato soprannominato l'effetto delle armi. L'effetto si verifica per individui arrabbiati e non arrabbiati, sia all'interno che all'esterno del laboratorio. In un esperimento sul campo, ad esempio, un complice alla guida di un camioncino rimase bloccato a un semaforo per 12 secondi. Il camion conteneva un fucile militare in una rastrelliera montata sul lunotto o senza fucile. I risultati hanno mostrato che gli automobilisti suonavano il clacson più velocemente e più frequentemente (le misure di aggressione) se il complice guidava un camion con una pistola visibile nella finestra posteriore rispetto a quando non c'era una pistola nella finestra. Se ci pensi, dovresti essere sciocco per suonare il clacson contro un autista con un fucile militare nel suo camion! Ma la gente non stava pensando: hanno appena suonato il clacson automaticamente dopo aver visto la pistola. La ricerca mostra anche che i guidatori con le pistole nei loro veicoli guidano in modo più aggressivo, anche quando sono controllati numerosi altri fattori (ad esempio sesso, età, urbanizzazione, regione del censimento, frequenza di guida). L'effetto delle armi è stato osservato anche usando pistole giocattolo in studi che coinvolgono bambini.

La società americana è saturo di pistole. Puoi perfino fare una pistola con una stampante tridimensionale in grado di sparare proiettili. I bambini che vivono nelle case senza armi da fuoco possono comunque essere frequentemente esposti alle armi da fuoco nei mass media. Una recente analisi dei film più venduti ha rilevato che la raffigurazione di pistole in scene violente in film classificati come PG-13 (per i telespettatori 13+) che hanno come target i giovani è aumentata dal livello dei film G-rated e PG-rated nel 1985, quando il rating è stato introdotto, per superare il livello dei film con rating R (per gli spettatori 17+) entro il 2012. Gli atti di violenza armata nei film PG-13 sono più che triplicati dal 1985. Includendo le pistole in scene violente, i produttori cinematografici possono aumentare inavvertitamente l'aggressività nei giovani attraverso un effetto di armi.

In Florida, un uomo con il nome di Twitter che chiamerò @KissMiGuns ha deciso di mostrare le sue 115 pistole sul sito Instagram di condivisione foto. Nei mesi successivi alla sparatoria di Newtown, i suoi seguaci sono passati da 8500 a più di 40.000. In una notizia su @KissMiGuns, ho detto (con precisione) che "la semplice presenza di armi può aumentare l'aggressività". Ho ricevuto dozzine di commenti apertamente ostili dei proprietari di armi su questa notizia, tramite commenti anonimi, e-mail, telefonate e lettere. È ironico che i proprietari di armi affermino che la semplice presenza di una pistola non aumenta l'aggressività, tuttavia hanno fatto alcuni dei commenti più aggressivi che abbia mai ricevuto sulla mia ricerca, fornendo prove indirette per l'effetto delle armi. Tali commenti ostili possono addirittura impedire ad alcuni ricercatori di parlare alla stampa (e quindi di educare il pubblico) sull'effetto delle armi. Fortunatamente, non abbiamo ancora lasciato che questa minoranza vocale dominasse la discussione pubblica (sebbene essi dominino la politica pubblica).

Brad J. Bushman è professore di comunicazione e psicologia presso la Ohio State University.

Solutions Collecting From Web of "Il grilletto che tira il dito"