Il grasso è un problema libertario

Vivo in Nevada, quindi non dovrebbe sorprendere che io abbia sentito molte voci libertarie qui. Ogni pomeriggio sulle stazioni radio locali, tra i mancini alla radio pubblica e i destri sulla radio AM, ci sono un paio di spettacoli interessanti che non si adattano perfettamente alle confortevoli (false) dicotomiche, binarie, o alle categorie dei soliti "showdown" "E" faccia a faccia "nei media mainstream.

Ciò che potrebbe sorprenderti è che mi sento abbastanza a mio agio con il pensiero libertario. Non mi piace il grande governo. La libertà è il mio valore più alto. Non credo che i governi appartengano alle nostre camere da letto, alle nostre cucine, ai nostri cortili o ai nostri uteri. Credo nella tolleranza della differenza. Credo che molta ingiustizia sociale si dissolverebbe se la gente riscoprisse l'empatia sociale e la ragione, e agisse semplicemente nel proprio interesse. Sono scettico sul fatto che i cambiamenti nelle leggi abbiano effetti a lungo termine. Sospetto che il buon senso potrebbe fare di più per risolvere le cose rispetto all'intervento del governo.

Tuttavia, credo anche che le grandi aziende non appartengano alle nostre camere da letto, alle nostre cucine, ai nostri cortili o ai nostri uteri. Credo che il sistema monetario abbia bisogno di una profonda revisione e che gli sforzi sistemici in atto per insegnarci e spingerci a dividerci conducano ad agire nel migliore interesse dei miliardari anziché di noi stessi. Questo sta creando più agitazione e dolore nel mondo di tutti i lacchè del governo che aiutano a sostenere i feudi dei miliardari. Finché i pochi si aggrappano e controllano la maggior parte delle risorse del mondo, i molti continueranno a vivere come contadini.

 Big People is a Good Thing, Big Organizations, Not So Much

Quando si tratta di corpi umani, penso che il grande sia buono (come piccolo, medio, basso, alto, scuro, leggero, giovane, vecchio, ecc.). Quando si tratta di organizzazioni umane, il grande non è così buono.

Non sono un conservatore perché penso che nessuna azienda dovrebbe essere autorizzata a crescere fino a diventare più importante delle persone e io non compro la schifezza di "corporate as person". Non sono un liberale perché so anche che l'altalena tra il grande governo e la grande industria è un sistema che mantiene potenti e ricchi potenti e ricchi. Il grande governo e i grandi affari non sono opposti. Sono una falsa dicotomia che limita e limita la mia libertà e probabilmente anche la tua.

Quindi mi sono divertito quando ho letto il blog di Betsy Woodruff del 7 gennaio 2013 sul sito web della National Review chiamato Fat Politics. Mettendo da parte per il momento l'incredibilmente ingannevole raccolta di citazioni che usa o che la sua argomentazione sui diritti e sulla definizione dei diritti è una classica manovra di stigmatizzazione ("Ho dei diritti, ma tu stai solo piagnucolando"), quello che mi ha colpito di più l'articolo è che ha perso la più grande prova che avrebbe potuto scoprire che il governo è troppo grande e troppo invadente. Impostando il suo "uomo" di paglia come "femminismo grasso" (il femminismo è un capro espiatorio favorito da cui fare la puttana a sinistra), ignora totalmente la conclusione più ovvia che chiunque sa qualcosa sulla salute pubblica e l'epidemia di obesità può fare se uno vuole capire quanto può essere cattivo il grande governo. Comincia con la stupida legge della "grande bevanda" di Bloomberg e ancora lo manca.

Quindi, signorina Woodruff, ecco l'argomento che dovresti fare. I governi negli Stati Uniti a livello federale, statale e locale (e non siamo affatto soli al mondo su questo) stanno andando troppo in là per dirci cosa pesare, cosa mangiare e quanto spesso esercitare. I tentativi di regolare le persone tramite tasse e programmi di regolamentazione hanno fallito miseramente in tutto il mondo.

L'argomento libertario è semplice. Il governo non appartiene alle nostre cucine o ai nostri bagni. Il governo non dovrebbe dirci come allevare i nostri figli. Il governo non dovrebbe regolare la nostra vita quotidiana in tali sforzi di micro-gestione, comprese le tasse sul peccato per lo zucchero e il grasso.

Perché? Perché questi sforzi sono esercizi di controllo sociale e di solito hanno programmi nascosti.

I miei amici più liberali spesso danno uno sguardo su Let's Move di Michelle Obama, affermando che il suo cuore è nel posto giusto ma i suoi fatti sono sbagliati. Ma lo sforzo di Let's Move è un perfetto esempio del problema delle grandi partnership governative e di grandi imprese che sono progettate per creare grandi mercati e togliere denaro ai poveri e riempire le tasche dei ricchi. Perché Kraft, Pepsico e altri produttori del cosiddetto "cibo spazzatura" sostengono gli sforzi di Let's Move? Perché gli alimenti dietetici fanno parte dell'industria del Big Food tanto quanto altri alimenti trasformati. Salverò questa sfuriata per un'altra volta, ma il punto è che la creazione di prodotti dietetici rivolti ai bambini era un mercato potenzialmente enorme per le aziende che avevano bisogno sia di espandere i loro mercati che di sembrare non fossero cattivi n. chiamata epidemia di obesità infantile.

Quindi qui abbiamo i destri, che stanno denigrando il grasso come un problema di giustizia sociale sostenendo che tutto ciò che viene ferito sono i sentimenti di persone che sono essenzialmente sub-umane comunque. E abbiamo i mancini, che chiedono la regolamentazione delle industrie con il consueto risultato di tali regolamenti, più soldi che entrano nelle tasche dei pochi a spese di molti. Questo è un microcosmo di stile americano, a due parti, o / o politica. Fintanto che i media incorniciano questo come un grande governo contro la lotta contro le grandi imprese (con il giusto rifiuto di intervento del governo e la sinistra che depreda l'avidità aziendale), noi, il popolo, stiamo per perdere.

Quindi potresti chiederti a questo punto: perché questa donna scrive così tanto su questo se non vuole che la protezione del governo dei suoi diritti sia grassa? Scrivo perché, in quanto sociologo, so che succede di più della politica. Scrivo perché, mentre credo che in un mondo perfetto, non abbiamo né un grande governo o un grande business, non viviamo in quel mondo. Scrivo perché la mia esperienza non è unica, ma è svalutata, così come l'esperienza di molti altri popoli stigmatizzati.

Ho visto un documentario la scorsa notte chiamato Trumbo . Una delle biografie più creative che ho visto, il film utilizzava lettere scritte dal soggetto per raccontare la storia di Dalton Trumbo, uno dei 10 di Hollywood che è stato messo in lista nera e incarcerato durante lo spavento rosso negli Stati Uniti perché ha evocato il PRIMO emendamento diritti di libertà di parola e assemblea libera e ha rifiutato di rispondere HUAC. (Ironia del fatto che sono le prime libertà di modifica che la Corte Suprema ha esteso alle corporazioni nel caso Citizens United).

The film Spartacus broke the blacklist by employing Dalton Trumbo as writer

Una delle lettere, letta da Liam Neeson nel film, era per il collega Guy Endore, uno scrittore di liste nere, in cui descrive le reali conseguenze della lista nera, delle discriminazioni e delle scelte fatte da persone che partecipano a queste pratiche:

Caro ragazzo,

Ho avuto diversi giorni per meditare sulla nostra discussione il sabato prima di Natale. Anche se non ho ancora avuto l'opportunità di discuterne con gli altri, ho avuto dei ripensamenti sui miei e una forte impressione che non mi fossi reso chiaro sulle mie reali opinioni.

Quel giorno un produttore di spicco e liberale le cui motivazioni non ho affatto dubitato è stato detto a uno di noi: "Guarda, voi gente siete semplicemente testardi e sciocchi. Il comitato e le sue esigenze fanno parte del nostro tempo; sono la legge; loro sono il paese; loro sono la bandiera. Così è, e quelli che si rifiutano di riconoscerlo non suscitano più simpatia; si isolano solo e impediscono che le loro voci vengano ascoltate ".

Conosco e posso leggere il primo emendamento, così come chiunque altro. So che è la legge fondamentale di questo paese. So che se tutto va, andrà tutto. Quindi, la corte ci ha presentato un dilemma che sta al centro di tutte le filosofie e religioni. Il dilemma simboleggiava meglio nella leggenda faustiana: esprimi i tuoi principi e sarai ricco; aggrappati a loro e sarai meno prospero di quanto lo sei attualmente.

Questo è il problema: scelta.

Non costrizione: scelta.

Comitato o nessun comitato, legge o nessuna legge, capitalismo o nessun capitalismo, film o niente film, è la necessità costante di scegliere i cani ogni azione della nostra vita, ogni minuto delle nostre esistenze.

Chi è allora che ci obbliga a informare? Chi ci nega il lavoro fino a quando non facciamo una settimana fuori dal comitato e ci addormentiamo prima di esso? Dal momento che né la corte né la legge non sono il comitato, l'uomo che obbliga a informare può essere solo il datore di lavoro stesso. È lui che ci spinge a informare, ed è lui a trattenere il lavoro da noi fino a quando non lo facciamo.

È, infatti, lo stesso produttore liberale che è stato citato nella nostra discussione di sabato. È lui e non il comitato che applica l'unica sferzata che punge davvero – la rappresaglia economica: è l'esecutore che dà alla commissione la sua unica forza e tutte le sue vittorie. Disgustando il malvagio affare della lista nera, ma nonostante ciò praticandolo tutti i giorni della sua vita, pone sul suo paese e sulla sua bandiera la colpa delle atrocità morali che altrimenti sarebbero state addebitate direttamente a se stesso. E così, dal momento che informare non ha nulla a che fare con la legge, il paese e la bandiera, e dal momento che le necessità della sua vita come li vede obbligarlo a far rispettare ciò che la commissione non può mai imporre, e dal momento che senza la sua non ha alcun potere – quello che ha effettivamente detto è che lui è la legge e il paese e la bandiera.

Ripensando al nostro produttore e al suo concetto di paese e bandiera, sono più che mai disorientato. Mi chiedo se abbia davvero visto questo paese, se ha davvero visto questi americani, se ha davvero visto quella bandiera. Se lo ha, e le sue conclusioni sono oneste, ha visto qualcosa che non avrei mai immaginato e non credo esista.

Questa analisi profonda e ancora rilevante delinea il motivo per cui non credo che la politica da sola possa rispondere ai nostri problemi. Tutto il potere è cooperativo. Trumbo non voleva credere che esistesse, ma lo fa. All'interno della nostra cultura, stiamo rafforzando il potere del grande governo e delle grandi imprese. Facciamo così facendo finta di non avere scelte, usando termini come "per paese" o "post- (riempia-nello-vuoto con il mondo dell'evento spaventoso)" come questi giustificano e ci assolvono dalle nostre scelte.

Le conseguenze dello stigma del grasso sono reali. Alle persone grasse viene negato sistematicamente il lavoro, l'assicurazione sanitaria, un'assistenza sanitaria di qualità e salari equi. Le persone grasse sono evitate. Le persone grasse hanno i loro figli rimossi dalle loro case. Le persone grasse sono accusate per ogni malattia sociale sotto il sole. Queste conseguenze non sono "offese" o "sentimenti". Sono realtà materiali ed economiche che non solo riducono la qualità della vita per le persone grasse, ma sprecano il capitale umano per il resto di noi usando uno standard arbitrario per bloccare i contributi che queste persone potrebbero si sta facendo al mondo, a noi come un collettivo.

Trumbo fu condannato nel 1950 per disprezzo per il Congresso per averli sostenuti. Andò in prigione nel 1951. Migliaia di americani furono feriti dalla caccia alle streghe spaventate dopo la sua lista nera. Alla fine, molte persone "normali" invece di solo sovrani di Hollywood e obiettivi ben visibili. Ecco come funziona Puoi decidere che è "per la mia salute" o "per la salute dei bambini" e credi che non si aprano porte che possano interferire con la tua vita perché hai una corporatura accettabile.

Ciò che si deve vedere è che la libertà non può esistere se è per pochi. La libertà esiste solo se siamo liberi di non essere d'accordo, se siamo liberi di sbagliare, se siamo liberi di vivere con le nostre scelte.

"Ho la sensazione che se dai alla maggior parte della gente del mondo una scelta tra cibo sufficiente per i loro figli e riparo e vestiti in cambio della loro libertà di parola, essi andranno a cercare il cibo, il riparo e le necessità, e la libertà di parola diventa un lusso per il quale pochi combattono, al massimo. "- Dalton Trumbo

Quindi, per rispondere alla mia domanda retorica, scrivo perché cerco cambiamenti sociali e culturali, non solo per l'accettazione e / o la liberazione del più grasso tra di noi, ma perché la regolazione del nostro corpo è la più personale delle invasioni delle nostre libertà.

Quindi, sì, mi importa del grasso perché vivo in un corpo grasso. Scrivo di grasso perché vedo che c'è in ballo molto più della dimensione del mio corpo o del pregiudizio contro di esso. Ciò che è in gioco è la nostra libertà. Peccato che la signora Woodruff non abbia visto quali alleati potremmo davvero essere. Ma poi, probabilmente le piacciono troppo i suoi padroni delle aziende per mettere in discussione le linee del partito.

Solutions Collecting From Web of "Il grasso è un problema libertario"