Il giorno della memoria, per non dimenticare

Il Memorial Day come lo conosciamo oggi è iniziato come Decoration Day nel 1866, nello stato di New York, dopo la cessazione della Guerra Civile. Concepito in primo luogo come omaggio a coloro che avevano dato la vita, presto si è evoluto per onorare anche coloro che erano sopravvissuti. Nel giro di due anni fu ribattezzato Memorial Day e col tempo venne a simboleggiare la necessità della nostra comunità di stare sempre attenti a coloro che avevano sacrificato la propria vita per le nostre libertà. Un'enorme quantità è emersa nei 144 anni intercorsi.

Attualmente siamo sotto il potenziale attacco quotidiano di terroristi. Siamo anche inondati di notizie sulle guerre in Iraq e in Afghanistan. E siamo ancora scossi dall'impatto cumulativo degli eventi dell'11 settembre 2001. Siamo stati costretti a riesaminare come viviamo le nostre vite quotidiane, come viaggiamo e come osserviamo i normali eventi che turbinano intorno ai nostri movimenti pubblici . Con tutto questo, la necessità di un Memorial Day è più importante che mai.

Con poche eccezioni, c'è sempre stata una calma relativa all'interno dei nostri confini. Tutto ciò si è interrotto in modo esponenziale l'11 settembre ed è stato amplificato dagli eventi recenti. Ma non dobbiamo trascurare il fatto che in quel periodo c'erano la Corea, il Viet Nam, l'Iraq 1 e l'Afghanistan. Ognuno di loro ha prodotto un gran numero di veterani morti e feriti. Dobbiamo ricordarci di onorarli tutti per non perdere il punto del Memorial Day.

Per milioni di noi, l'11 settembre e gli eventi successivi hanno segnalato la fine della nostra metaforica Disneyland. La maggior parte di noi non era imparentata o conosceva nessuno che moriva l'11 settembre. Ma la maggior parte di noi ha sentito le registrazioni di quelle telefonate fatte da persone sul velivolo condannato quel giorno. Ciò che abbiamo ascoltato ci ha fornito una prova tangibile di ciò che la vera "linea di fondo" è per noi creature chiamate esseri umani. Nei momenti cruciali prima della fine della loro vita, le persone che potevano, contattarono i loro cari più preziosi per dire loro cosa provavano per loro prima di morire.

Nessuna di quelle telefonate aveva qualcosa a che fare con i dettagli quotidiani e quotidiani. Non avevano niente a che fare con denaro e beni. Avevano solo a che fare con una cosa combinata, amore e relazioni. Non c'era tempo per chiacchiere o altro, "Grazie" e "Ti amo" e "Abbi cura di te e dei bambini". E, "Arrivederci".

Siamo stati profondamente colpiti da ciò che abbiamo sentito in quelle registrazioni e nelle segnalazioni di chiamate provenienti dagli edifici in rovina e dagli aerei condannati. Ha aperto un posto nei nostri cuori, in una spirale interiore, prima per coloro che erano morti, poi per quelli che sono sopravvissuti a loro, e infine per tutto il popolo – passato e presente – che aveva influenzato le nostre vite.

Il Memorial Day ci dà la possibilità di avere gli stessi sentimenti nei confronti delle migliaia di uomini e donne dei nostri militari che non hanno mai la possibilità di chiamare casa mentre il loro sangue e il loro sacrificio spianano la strada alla nostra libertà e alla nostra vita quotidiana.

Il nostro dolore collettivo ha ampliato il nostro senso di amore e connessione con la singola cosa che si distingue sopra tutte le altre cose – le nostre relazioni con le altre persone. Questa espansione ha incoraggiato le persone ad essere carine l'una con l'altra. Gli stranieri all'interno dei quartieri si conoscevano. Le persone che avrebbero potuto discutere su un parcheggio, si differivano l'un l'altro. La cortesia abbondava. Sorrisi e scambi piacevoli erano all'ordine del giorno. L'isolamento e l'egoismo sembravano evaporare, e la conversazione, la connessione e il cameratismo prendevano il loro posto. Questo sconvolgente campanello d'allarme ci ha ricordato tutta la nostra essenziale umanità e ci ha spinto ad agire come i nostri genitori e insegnanti ci avevano insegnato quando eravamo piccoli. Ed è stata una buona cosa

Per un po ', l'impatto dell'11 settembre ci ha uniti, almeno nei modi che abbiamo menzionato qui. Ma poi siamo tornati ai livelli precedenti all'11 settembre nel nostro senso di relazione con quelli al di fuori dei nostri circoli interni.

E poi sono arrivati ​​gli allarmi del terrore, e le guerre in Afghanistan e Iraq 2, e le conseguenze persistenti.
Per non dimenticare, l'equivalente dell'11 settembre sta accadendo ogni giorno in terre lontane. Dobbiamo riconoscere e ringraziare gli uomini e le donne che servono. Dobbiamo riconoscere le famiglie dei caduti. Dobbiamo ricordare che le libertà che assumiamo sono state pagate lungo la strada.

Dobbiamo ricordare tutte le anime coraggiose che hanno creato le nostre libertà: nel nostro mondo americano; nel mondo più grande; nei nostri mondi culturali, religiosi e filosofici; e nel cuore del nostro mondo familiare più personale.

Potremmo tutti sopportare la pressione di sorridere a pochi estranei, di invitare alcune persone dalla periferia della nostra vita al mainstream e di rimandare il più spesso possibile nel parcheggio della vita.
Soprattutto, dobbiamo ricordare il vero scopo del Memorial Day e rendere le nostre comunicazioni tanto toccanti quanto quelle che abbiamo ascoltato su quei nastri.

A tutti i veterani che hanno prestato servizio in situazioni al di là della nostra comprensione, diciamo "Grazie e ti amiamo".

A tutti i veterani che sono morti per il nostro modo di vivere, diciamo: "Grazie, ti amiamo e arrivederci".

Ogni giorno sarebbe saggio fermarsi e riconoscere che non ce ne sono mai dovuti così tanti a così pochi.

Ogni volta che eserciti una libertà, ricorda che qualcuno nei nostri servizi militari l'ha vinto duramente per te.

Quando superi un cimitero nazionale, per lo meno, un breve ringraziamento è in ordine.

Solutions Collecting From Web of "Il giorno della memoria, per non dimenticare"