Il gioco rende i bambini intelligenti, felici e preparati per il futuro

By Chloe Barron
Fonte: da Chloe Barron

L'altro giorno mi sono imbattuto nella mia amica, Lynn Lutomski, direttrice dell'Irvington Children's Center. Ho condiviso il fatto che stavo scrivendo un articolo per una rivista di maglieria sul modo in cui l'uso mirato delle mani stimola l'umore, la mente, la creatività e la fiducia. Lynn si accese. Mi ha parlato di un club di maglieria per i bambini del centro. Quando i bambini creano una sciarpa con punti caduti, buchi e il loro design speciale, si sentono orgogliosi e si impegnano in un utile processo di apprendimento. Non si tratta solo del prodotto, ma delle cose che si verificano nel farlo: assorbimento, conversazione, sperimentazione, imperfezione, pace / abbraccio, design, rilassamento e piacere. È una forma di gioco semi-strutturata che consente l'espressione individuale e alcuni momenti felici.

Ma troppo spesso, c'è la sensazione che una tale impresa sia una perdita di tempo.

"Gioca", disse Lynn, "è diventata una parola di quattro lettere". Le ho chiesto se avrebbe annotato i suoi pensieri e li avrebbe condivisi con me. Ecco l'e-mail che ha inviato.

" Ciao Carrie, è stato così piacevole rinfrescarti oggi.

Sono così eccitato quando ho conversazioni con genitori e professionisti che vedono le lotte che i bambini stanno avendo oggi con l'assenza di veri tempi morti. Come direttore scolastico da 15 anni, mi rattrista vedere bambini meno disposti a rischiare e provare cose nuove. Sono ansiosi di noia, sospettosi di sognare ad occhi aperti e autocoscienti quando cercano qualcosa di nuovo. A casa, spettacoli televisivi, film per auto, cuffie, videogiochi e computer sono lì per riempire lo spazio interno. I bambini sono collegati, sintonizzati, sovrastimolati e connessi a tutte le cose esterne. Si sono precipitati alla prossima attività e si aspettavano di esibirsi. Invece di inventare giochi insieme e gestire lo spettacolo, devono inserirsi in strutture predisposte per loro con regole imposte. Con questo scenario, l'indipendenza è irraggiungibile. L'autosufficienza è persa. Sono sotto pressione per ottenere tutto giusto. Le aspettative per i risultati globali creano una pressione simile a quella degli adulti. Stanno attenti invece che spensierati.

Gli accademici sono diventati un business high stakes in modo che l'apprendimento non sia più divertente, eccitante o evolutivo. C'è un prematuro focus sulla realizzazione cerebrale. Troppo è fatto per loro e il loro mondo è meno esperienziale. Ci stiamo dimenticando dei loro bisogni evolutivi: esplorare, commettere errori, affinare un'abilità e possederla. Aspettandoci troppo, li abbiamo predisposti per sentirci male.

I genitori e gli educatori concordano sul fatto che i bambini hanno bisogno di ambienti sicuri per correre dei rischi, essere liberi, cantare, ballare, inciampare, suonare strumenti per divertirsi, esplorare nuove cose e risolvere i problemi provando cose. Il gioco è il modo in cui apprendono e sviluppano le abilità, eppure il gioco libero è stato sostituito dal conflitto accademico. Ogni giorno sento "Come è stata la scuola, come è stato il test, hai fatto i compiti?"

Ora più che mai c'è un così forte bisogno di programmi di qualità dopo la scuola. Non solo per le esigenze di cura dei bambini, ma in modo che possano imparare attraverso il gioco ed essere semplici vecchi bambini . Imparare ad andare d'accordo con gli altri e far parte di un quadro più ampio. Devono essere scollegati e meno programmati. Devono essere sporchi e disordinati, essere stupidi e fare qualcosa solo perché. Gli errori sono utili perché approfondiscono la comprensione del compito e forniscono informazioni sui punti di forza e di debolezza personali. Se un progetto è il loro, non una performance per qualcun altro, costruiscono un senso di sé. Questo è ciò che li aiuta a muoversi e sentirsi bene con chi sono.

Il mio obiettivo come direttore scolastico è aiutare i bambini a sentirsi meglio. Connettersi con i loro cuori, anime e spiriti è una parte enorme di ciò. Così tanta motivazione e piacere nell'apprendimento viene da questo. Non si tratta solo di voti, test e risposte giuste. Giochi non strutturati, progetti artistici a tempo indeterminato, un nuovo gioco, saltare la corda o sparare a basket per la prima volta sono esperienze essenziali. Queste sono grandi imprese che portano gioia. Il gioco non è sicuramente una parola di quattro lettere. "

Lynn

C'è scienza dietro i benefici del gioco. Ricercatori, luminari e studiosi di psicologia Erik Erikson http://bit.ly/1FLB0xv e Jean Piaget http://bit.ly/1dtjqI6 hanno delineato le fasi di sviluppo. Piaget si concentrò sullo sviluppo intellettuale ed Erikson sulla salute psicosociale. Per Piaget 6-11 anni è la fase delle operazioni concrete e per Erikson è la fase dell'Industria contro l'Inferiorità.

Entrambi i pensatori affermano che i bambini in età di latenza sono più adatti per gli sforzi concreti, per la costruzione di abilità, al contrario di esercizi intellettuali astratti. Esplorazione musicale, atletica, artistica e manuale, industria e maestria sono fondamentali in questa fase e sono una forma di gioco semi-strutturato. Onorare l'imperativo biologico ottimizza le possibilità di successo nella fase successiva. Costruisci le fondamenta e le cose buone accadono.

Il Dr. Peter Gray, psicologo infantile del Boston College, sottolinea la necessità cruciale di giocare sul suo blog Psychology Today http://bit.ly/1yEHUl1 e anche nel suo libro Free to Learn. Conservando il gioco e il sé spontaneo, proteggiamo la salute mentale, la curiosità intellettuale e la motivazione personale. Burnout, depressione, ansia, bassa autostima e una fragile identità sono meno probabili.

Spingere i bambini troppo lontano, troppo velocemente per cercare di assicurare il successo, competere, trasmettere lo stato o compensare i nostri bisogni insoddisfatti è umano, ma irto. La gente dice "Non posso uscire dalla corsa al successo o mio figlio sarà lasciato indietro. Come potrà arrivare da nessuna parte se non entrerà nella scuola giusta, in una squadra d'élite, ecc.? "

La maggior parte dei genitori che incontro in ambito professionale e sociale aborrisce i programmi incessanti, l'autista, lo sfinimento e la giocoleria. Disperano sul perché questo è il caso. Si preoccupano dello stress dei loro figli e della privazione del sonno. Nessuno è felice Funziona bene per quasi nessuno, ma la gente ha paura di alzarsi in piedi e dire "No". Temono le conseguenze.

Quando eravamo bambini, eravamo molto più autonomi e i nostri genitori vedevano i nostri compiti come nostra responsabilità. Non hanno fatto il hover o il check. Abbiamo giocato fuori, inventato giochi senza le loro istruzioni e ci siamo divertiti molto con le nostre innovazioni.

Ora i bambini sono attaccati ai dispositivi ed è difficile eliminarli, tuttavia i dispositivi non sembrano offrire la stessa gioia di un gioco immaginativo in uno spazio verde. Se proviamo a portarli via, così i nostri bambini possono dormire, conversare, cuocere una torta o rastrellare un cortile, si verificano proteste, grida, minacce e crolli.

Forse i dispositivi sono un'auto-medicazione per la pressione accademica e atletica, un modo per intorpidire, sfuggire e dimenticare. Tutti sanno che siamo in una situazione culturale devolvente, distorta e angosciante, ma non possiamo sembrarlo fermarla.

Ci vuole coraggio per allontanarsi dalla corsa, imporre tempi morti senza dispositivi, tollerare la rabbia e l'aggressività dei nostri figli e prendere il controllo. A volte siamo così impoveriti dallo stress che non possiamo combattere la battaglia. È un circolo vizioso.

Se i genitori e le famiglie decidono il modo migliore per trascorrere il loro tempo invece di rispettare i costumi culturali e della comunità, le cose potrebbero andare meglio. Se scegliamo una corsa verso l'alto e decidiamo di progettare una vita personale che protegga il benessere, qual è la cosa peggiore che possa accadere? Un bambino non ottiene quel premio, questa scuola o qualche riconoscimento? Qualcun altro andrà avanti? C'è sempre un altro modo per prosperare.

Abbiamo bisogno di trovare modi per aiutare i nostri figli a sperimentare la vita interiore – istinti, sogni ad occhi aperti e ritmo organico – per molte ragioni. Creatività, intelligenza e soddisfazione della vita sono solo alcuni dei benefici.

L'autocostruito autocostruito supera l'onore conferito quando si tratta di resilienza, immaginazione, grinta, fiducia in se stessi e una solida identità attraverso il ciclo di vita.

Ripetiamo questi otto vantaggi:

  1. creatività
  2. Intelletto
  3. Soddisfazione della vita
  4. elasticità
  5. Immaginazione
  6. Grinta
  7. Identità solida
  8. Fiducia in sé

Lasciare che i bambini siano semplici vecchi – giocare, dormire, dilettarsi nei tempi di fermo – per scoprire chi sono è protettivo e produttivo. A volte, il nostro dominio e direzione non li porta dove devono andare. Può persino interferire con una brillantezza in erba. Possono avere regali che si adattano a un futuro che forse non riconosciamo.

Stabilire le condizioni in cui le proprie intuizioni possono emergere è una solida strategia per una vita vissuta.

Solutions Collecting From Web of "Il gioco rende i bambini intelligenti, felici e preparati per il futuro"