Il gioco dei nomi

Lorenzo Ayuso '09
Fonte: Lorenzo Ayuso '09

Nel post precedente, ho esplorato come i personaggi codificati a colori nel film classico di Quentin Tarantino, Reservoir Dogs, ognuno di essi magnificamente incarnano un colore distinto lungo uno spettro di disturbi della personalità organizzati dalla dinamica dell'aggressività e del narcisismo. In questo post, continuerò con Reservoir Dogs ed esplorerò le implicazioni psicologiche di uno degli aspetti più memorabili del film: il fatto che a ciascuno dei personaggi sia assegnato un nome con codice colore (Mr. White, Mr. Brown, Mr. Orange , eccetera.).

Per esplorare questo punto, ricominciamo con una clip da una delle scene di apertura del film in cui Big Joe Cabot e suo figlio, Nice Guy Eddie, hanno assemblato un gruppo di criminali professionisti che hanno una relazione spoke-to-hub con Big Joe, ma sono completamente estranei l'un l'altro, non conoscendosi nemmeno per reputazione. In questa clip, stanno discutendo di mance:

Ho scritto nel mio post precedente che ognuno degli uomini dell'equipaggio ha un problema con la realtà e quindi è vulnerabile. Joe sfrutta questa vulnerabilità introducendo un gioco di denominazione che sostituisce la realtà sociale consensuale con un gioco con regole create da Joe Cabot. In un rituale di denominazione, Joe rilascia a ciascun uomo un nome di colore che deve essere il suo unico identificatore. Joe ha buoni motivi pratici per non permettere a questi uomini di usare il loro vero nome o di alludere a dettagli personali, o preferenze – ognuno di questi potrebbe essere usato dalla polizia per catturare l'intera banda. Ma il modo in cui Big Joe affronta questo problema pratico rivela le sue motivazioni come un particolare tipo di personalità, mentre insinua anche il meta-livello del film come opera d'arte.

A un certo livello, il metodo di denominazione di Joe è un capriccio stravagante e gli uomini lo alludono scherzosamente come tale. Ma è estremamente serio a riguardo. Strappa ogni uomo dal suo nome e li ricrea come colori, nel senso che devono rinascere. Questa è una dimostrazione provocatoria del potere divino di Joe, ma i nomi che sceglie creano anche un gioco che mette un uomo contro l'altro nel tentativo di essere qualcuno, di distinguersi e di conquistare l'ammirazione e l'amore di Joe. Nella misura in cui sociopatici come Mr. White immaginano Dio, quel Dio è probabilmente una versione di Joe Cabot, che Mr. Orange descrive al suo conduttore, Holdaway, come la Cosa, una caricatura di pura potenza, volontà impulsiva e desiderio della Marvel Quattro fantastici .

Joe si riserva la dignità di aver dato dei nomi per sé e suo figlio. I nomi dei colori imposti rimuovono l'umanità e la personalità da ogni uomo e diventano consensi generici, ingranaggi sacrificabili e intercambiabili in una macchina. Joe usa la sua rubrica e i suoi riferimenti ad altri lavori per pubblicizzare che è un giocatore, vive in più mondi, mentre insiste sul fatto che questi uomini si limitano al mondo della sua creazione. Joe è come Adamo, che come il nome, era come Dio. E come Dio, Joe impone un divieto mortale, un comandamento, che deve già sapere verrà violato: "Non cercherai di conoscersi o di essere conosciuto".

Le nuove creazioni di Joe sono ingrate. Il signor Pink è preoccupato che il suo nome sia gay. Invidia il signor Black e il signor White per i loro bei nomi. Lui pensa "Mr. Brown "è troppo vicino" Mr. Merda. "Il signor Pink vuole essere il signor Viola, ma solo Joe ha il potere di nominare, e ha già dato quel nome a un uomo con un altro lavoro.

L'enfasi costante del film di Mr. prima di ogni moniker è un'altra forma di derisione. (Ovviamente sono tutti signori, non ci sono fidanzate, né mogli nel film, né donne con parti parlanti (le donne sono oggetti muti e vittime in questo mondo). A partire dal rituale di nomina di Joe, ogni ripetizione di Mr. in the il film serve a richiamare l'attenzione denigratoria sull'assenza del consueto scopo di un nome, che è quello di conferire identità, biografia e dignità, per indicare la nostra partecipazione singolare e unica in un mondo simbolico e nel tempo che si sta manifestando in modo significativo come storia. Il nome rappresenta la parte della nostra natura che ci distingue dagli animali, che non anticipano la loro morte.I nostri nomi, i nostri corpi simbolici, sono il nostro unico baluardo dalla realtà biologica delle nostre vite viventi e umilianti che finiscono nella morte, e di solito una morte dolorosa di stillicidio incontrollato da ferite e sfinteri falliti, che è drammaticamente intensificato nella scena finale del film, dove il nome e la vera identità diventano vita e poi morte per Freddie e Charlie.

Anche per lo spettatore, il gioco di denominazione di Joe diventa una versione cognitiva della trappola per le dita cinese. In quel classico bavaglio, il rube prende il coraggio di poter rimuovere i suoi indici dopo averli inseriti nelle estremità aperte di un tubo di bambù. Il bavaglio è nella scoperta che nessuna quantità di trazione può liberare le dita dal congegno. Allo stesso modo, il nostro modo di pensare al significato dei nomi dei colori ci attrae solo come spettatori nel mistero del significato, cioè nel comprendere che i nomi hanno entrambi un significato e sono privi di significato. Come uno Zen Koan, solo lasciando andare la necessità di dare un senso al nominare, accettando l'arbitrarietà dei significati e la facilità con cui possono essere esauriti, possiamo essere liberi dal pensare al loro significato. Ma dirci di non pensare al significato dei nomi è come dirci di non pensare a un elefante rosa. Poiché tutti i personaggi devono usare questi nomi di colore, sono sempre in una sola rimozione da se stessi, dobbiamo scegliere ripetutamente questi personaggi per le maniglie che sono sempre sia appiccicose che scivolose.

Ma la denominazione nel film è arbitraria? È necessaria un'ancora esterna di riferimento per dare un senso anche al più coerente sistema chiuso di significati. Il poliziotto Holdaway (Randy Brooks) è un tale ancoraggio esterno nel film. Holdaway, è il detective nero che allena Freddy come un grande attore nel ruolo di Mr. Orange, per simulare la realtà alternativa di una bugia e per rimanere distaccato (per "tenersi lontano", quindi Holdaway.) Il suo nome è un altro uso fallito e esaurito di nomi che si avvicinano simbolicamente, ma non lo fanno diventare etichette di spoiler prive di significato. Come le etichette intonacate sulla frutta fresca, questi nomi danneggiano i prodotti che brandizzano e al massimo non fanno nulla per sostenere e nutrire l'utente finale.

Il vuoto e la futilità dei nomi nel film rivelano i simboli che sentiamo dovrebbero avere un significato, ma è un significato che è indicato da quanto indicato. Questi significati (e il loro svuotamento) sono effimeri e dolorosi, e quindi facilmente liquidabili, ma comunque elaborati. I più concretamente rappresentati e simbolizzati da questi significati subliminali sono vari riferimenti alla morte. Gli uomini sono vestiti in abbigliamento funebre. Mentre gli uomini stanno aspettando Joe e cominciano a dubitare della sua venuta (come in Aspettando Godot di Beckett a cui il film è un erede) i membri dell'equipaggio stanno scivolando verso la morte e partecipando alla loro stessa scia. Le bare avvolte nella plastica che compaiono sullo sfondo del magazzino erano già lì quando la troupe cinematografica arrivò sul posto. Sconosciuto a Tarantino, l'edificio in affitto per le riprese era stato una volta un obitorio. Tarantino scelse saggiamente di lasciarli come oggetti trovati e di usare l'Hearst nero che era lì a raccogliere polvere. Mr. Blond si siede su Hearst quando viene presentato come l'angelo spietato della morte sadica e priva di significato, l'omicidio di tutti i significati (simboleggiato dall'ufficiale della legge che tortura e progetta di uccidere). Essere senza significato, come Blond, è l'inferno che Charlie e Freddie stanno fuggendo per sempre. Lo fanno arrampicando su per le scale traballanti di diversi sistemi di valori concorrenti – uno legale e uno illegale – ognuno di essi è una legge a sé stante che per ogni credente ha la capacità di consegnarli al vertice abbastanza buono, nel caso di Charlie, o anche grandioso, nel caso di Freddie.

Reservoir Dogs ci offre una finestra su mondi chiusi. Joe Cabot crea un mondo chiuso dove può limitare radicalmente l'essere stesso dei suoi servi. A un altro livello, le restrizioni della personalità storta o deformata di ogni personaggio generano un campo di forza autistico che tiene a bada il mondo più pieno di significati e connessione umana. Uno dei tanti aspetti di questo film che ne fanno un classico è la suspense claustrofobica che proviamo sperando che qualcuno riesca a frantumare la boccia per pesci e la nostra consapevolezza che nessuno di questi uomini è in grado di esistere al di fuori di un contenitore radicale, sia che il contenitore sia I nomi dei colori imposti da Joe, oi loro stessi orizzonti imposti dal personaggio, oltre i quali può trovarsi solo una sola cella di prigione, o una bara.

___________________________________

Scopri di più su Jay Richards e il suo nuovo romanzo Silhouette of Virtue su www.jayrichardsbooks.com.

Solutions Collecting From Web of "Il gioco dei nomi"