Il film "Spotlight" espone il potere del rifiuto

Il film Spotlight, molto apprezzato, racconta la storia del team Spotlight del Boston Globe che ha scoperto gli abusi sessuali all'interno della Chiesa cattolica di Boston. E per quanto sia interessante, dal punto di vista psicologico il vero dono del film è il suo unico sguardo nel ruolo della negazione umana nella vita di tutti i giorni, anche quando le atrocità vengono commesse in bella vista.

Il film illustra senza sforzo la vulnerabilità di tutti gli esseri umani per evitare ciò che hanno paura di affrontare. Ci sono voluti Marty Baron, un ebreo precedentemente al Miami Herald, che arrivava al Globe per insistere sul fatto che in effetti c'era una "grande" storia per il team di Spotlight.

La storia di Spotlight ci offre la possibilità di mettere in discussione le nostre tendenze alla negazione. Cosa c'è nella nostra casa che abbiamo troppa paura di guardare? Per quelli di noi sono genitori, la negazione arriva in molte forme. Accettazione cieca da parte di un genitore dell'insistenza dello studente della scuola media che non hanno "compiti a casa", solo per trovare voti insufficienti a causa della mancanza di compiti, per esempio. O il genitore che non riconosce l'evidente abuso di droga del proprio figlio solo per sapere che è diventato eroinomane. La natura umana non è immune alla negazione più che alla violenza. Il film ci mostra che quando fingiamo che il male non esiste il risultato è devastante.

La negazione ci aiuta a tollerare i lati duri della vita che riteniamo di non poter o non sapere come affrontare. In Spotlight, l'avvocato della vittima Mitchell Garabedian, descrive il potere della negazione con le sue parole "Se ci vuole villaggio per crescere un bambino, ci vuole un villaggio per abusarne uno". Rompere il codice di negazione sociale e familiare è essenziale per crescere bambini sani e promuovere una società robusta. Troppo spesso neghiamo la nostra realtà a causa di questi motivi:

Vergogna. Niente promuove la negazione come la vergogna. La vergogna è un'emozione inutile che nasce da una falsa convinzione che siamo responsabili di eventi e circostanze negativi. Se riconoscere i nostri difetti familiari ci fa sentire colpevoli, è logico che vorremmo negarli.

Paura dello stigma. Temiamo che riconoscere un problema esista lo rende reale. Eppure, se esiste un problema, è già reale. Ad esempio, quando un outsider ben intenzionato (personale scolastico, amico intimo, allenatore) presenta un genitore preoccupato per il loro bambino. Nonostante la loro consapevolezza, molti genitori respingono le preoccupazioni esterne affermando che "Non voglio che il mio bambino sia etichettato". Se altre persone stanno riscontrando problemi, il bambino non è già etichettato?

Paura del giudizio. Sarò considerato una persona cattiva. I genitori possono negare i problemi di un bambino come un modo per evitare di essere visto come un genitore "cattivo". Il comportamento di un bambino non è mai il risultato di un singolo fattore. Quando il problema sembra piccolo, i genitori possono cercare di evitarlo, ma se i piccoli problemi incustoditi lasciati incustoditi diventano grandi. Evitare l'inevitabile rende più sicuro che la peggiore paura si avveri. Essere visto come un cattivo genitore.

Lasciando andare alla perfezione. Ammettere i problemi nella nostra casa ci costringe a rinunciare alla nostra versione "idealizzata" della famiglia e accettare quello che hanno. È una perdita, eppure la negazione non renderà una fantasia reale. Accettare la realtà permette alle persone di lavorare attraverso il loro dolore e iniziare a guarire.

Temete che non possa essere riparato. Cosa succede se indirizzo questo e non va via? A volte temiamo che non importa quello che facciamo, i nostri problemi non possono essere risolti. Questo è irrazionale. L'intervento è sempre meglio dell'evitamento. Mentre non vi è alcuna garanzia che tu possa "curare" le cose, far finta che non ci siano problemi assicura che qualunque problema si annidi rimanga irrisolto.

La paura di rinunciare al controllo. Ci sentiamo al sicuro quando ci sentiamo in controllo. Facciamo fatica ad accettare ciò che non possiamo controllare, ad esempio il parroco che commette crimini contro i bambini. La sua natura umana per razionalizzare la bruttezza dicendo cose come non è proprio vero e mio figlio sta esagerando ed essendo troppo drammatico. La conoscenza è potere e quando affrontiamo la verità possiamo usare quel potere per prendere il controllo.

Il film Spotlight descrive la tendenza di una società a negare la bruttezza anche quando è in bella vista. Il punto di apprendimento per tutti noi è che nessuna quantità di finzione farà sparire la verità; invece i problemi peggiorano solo se lasciati senza indirizzo. Dobbiamo imparare ad affrontare i nostri demoni a testa alta, piccoli e grandi, per consentire l'inizio della guarigione.

Solutions Collecting From Web of "Il film "Spotlight" espone il potere del rifiuto"