Il film leone fornisce approfondimenti sulle relazioni adottive

Lion è un film emozionante su un povero ragazzo indiano di 5 anni, Saroo, che accidentalmente e da solo sale su un treno in una stazione vicino alla sua città natale e viene trasportato per un migliaio di miglia a Calcutta. Basandosi su ciò che dice loro, le autorità non possono trovare la sua famiglia e un'agenzia di adozione indiana lo manda da una coppia australiana in Tasmania. Come un adulto di 30 anni, Saroo trova la sua famiglia indiana usando i suoi ricordi, Facebook e una lunga e lenta ricerca tramite Goggle Earth. Oggi, quando siamo bombardati da storie sullo sfruttamento nell'adozione internazionale (ad esempio, comprare, rubare e vendere con tariffe esorbitanti a carico dei genitori adottivi), è rinfrescante ascoltare una storia degli anni '80 in cui una donna indiana che gestiva una piccola adozione L'agenzia di Calcutta è calorosa e premurosa, qualcuno che adotta come adulti ricorda con affetto e cerca.

Perché mi è piaciuto il ritratto dei suoi genitori adottivi e di nascita nel film, ho letto il libro di memorie di Saroo Brierley del 2013, A Long Way Home , la base del film. Lion ha fatto un buon lavoro nel catturare il libro di memorie e ciascuno si complimenta con l'altro:

Sono rimasto impressionato dalla sensibilità dei genitori australiani quando hanno adottato un bambino di sei anni con esperienze traumatiche, non solo perdersi, ma per passare fino a un mese nelle strade di Calcutta fino a quando non è stato salvato. Prima che conoscesse la sua storia, la madre adottiva mise una mappa dell'India nella sua stanza, riempì la casa di manufatti indiani, imparò a cucinare il cibo indiano e introdusse gradualmente una dieta occidentale. Lei e suo marito hanno fatto amicizia con una famiglia indiana nel loro quartiere che poteva parlare Hindi con Saroo e tradurre per loro mentre il loro figlio stava imparando l'inglese. I suoi genitori aiutarono Saroo a rimanere in contatto con i bambini dello stesso orfanotrofio in India che erano stati adottati da famiglie in altre parti dell'Australia. Così, i genitori adottivi affermarono l'identità indiana di Saroo.

Il film implica che Saroo abbia dimenticato non solo gli induisti, ma i suoi ricordi d'infanzia, che ha lentamente recuperato da adulto. Nel libro di memorie, apprendiamo che mentre si legava immediatamente con i suoi genitori adottivi – sentendosi amato e al sicuro ancor prima di poter comunicare con loro nella lingua – non dimenticò mai la sua famiglia indiana. Partendo da bambino, ha combattuto coscientemente per conservare felici ricordi dei suoi fratelli e sorelle e della sua madre laboriosa, anche se vivevano in condizioni di estrema povertà. Ripercorreva i ricordi dei punti di riferimento e ripercorreva nella sua mente i percorsi quotidiani che vagava da piccolo. Sono stati questi ricordi che ha attirato quando ha cercato la sua famiglia da adulto, anche se si è scoperto che aveva sbagliato a digitare e pronunciare male il nome del suo villaggio e della stazione ferroviaria in una città vicina.

Quando Saroo aveva dieci anni, i suoi genitori adottarono un altro ragazzo indiano che aveva nove anni. Sia il film che la memoria concordano sul fatto che questo fratello, Mantosh, fu turbato fin dall'inizio – essendo rumoroso, disobbediente e avendo problemi a scuola – e molto diverso da Saroo, il suo fratello felice e di grande successo. Nel libro di memorie, Saroo ci dice che nonostante queste differenze, e tutta l'attenzione che i genitori ora dovevano dare al nuovo arrivo, i due fratelli si godevano insieme le attività all'aperto. Il film mostra più della vita adulta del fratello. Vive in una baracca, con problemi di dipendenza e / o malattia mentale ed è solo un imbronciato partecipante alla vita familiare.

Tuttavia, la memoria dice che il successo di Saroo nel trovare i suoi genitori indiani fece sì che Mantosh decidesse di cercare la madre che doveva abbandonarlo in India (a causa della povertà e della violenza familiare); secondo il libro di memorie, anche suo fratello andò a lavorare nell'azienda di famiglia australiana. Entrambe le versioni di Mantosh potrebbero essere vere, forse riferendosi a diversi periodi della sua vita adulta. Il coautore del libro di memorie avrebbe potuto decidere di minimizzare la vita del fratello per concentrarsi sulla storia più spettacolare di Saroo, o forse Saroo temeva di poter offendere il fratello tormentato. Ma sono contento che il film abbia mostrato un po 'più delle lotte del fratello da adulto, indicando che anche i genitori adottivi più amorevoli non possono sempre superare i traumi e la biologia della vita pre-adottiva.

Saroo sentiva di dover fare questa ricerca, nonostante la sua vita felice e stretti legami familiari in Australia. La sua storia illustra che un'esperienza di adozione soddisfacente è compatibile con il desiderio di ricongiungersi con una famiglia di nascita. Il film si conclude con la riunione di Saroo con la sua famiglia indiana, seguita da alcune foto delle famiglie reali e alcuni aggiornamenti scritti sullo schermo. Il memoriale racconta le relazioni successive di Saroo con la sua famiglia indiana, la settimana in cui ha trascorso lì, il recupero della doppia cittadinanza, le visite di ritorno e il contatto continuo tramite videoconferenza con l'aiuto di traduttori. Alla fine di A Long Way Home, Saroo fa un'osservazione che indica l'importanza di questo legame familiare:

Proprio come la mia ricerca di mia madre aveva in qualche modo modellato la mia vita, la sua fede di essere vivo aveva modellato la sua. Non poteva cercare, ma fece la cosa migliore: rimase immobile. . . . Aveva voluto rimanere vicino alla casa in cui aveva vissuto quando sono scomparsa, così che se fossi tornato sarei riuscito a trovarla. (231)

Dopo la ricerca su internet di Saroo, quando pensa di aver riconosciuto la sua città, è partito per l'India per cercare di ricongiungersi con la sua famiglia. I suoi genitori australiani hanno dato la loro benedizione, e sua madre ha inviato foto di lui da ragazzo, il che ha dato un valore inestimabile nel trovare la sua famiglia di nascita. I suoi genitori australiani hanno supportato il suo ritorno in India, fiducioso nella propria forte relazione con lui. Come nella maggior parte delle ricerche di adozione di successo, Saroo è tornato a vivere in Australia per lavorare nell'azienda di suo padre e collaborare con la sua ragazza australiana.

Nel libro, Saroo conclude che avere due famiglie non ha causato per lui identità o altri conflitti. Piuttosto, due famiglie hanno arricchito la sua vita. Sua madre indiana accetta che Saroo continuerà a vivere in Australia, mentre i suoi genitori australiani affermano il suo continuo coinvolgimento con la sua famiglia indiana. Sua madre è andata in India con Saroo per incontrare la sua madre naturale.

Apparentemente senza istruzione per l'adozione o un gruppo di sostegno, i genitori adottivi di Saroo hanno agito in modi ora sostenuti dagli educatori delle adozioni. Oggi, inoltre, si sarebbe potuto consigliare di assumere un ricercatore per aiutare a trovare la famiglia di Saroo quando era ancora un bambino o un adolescente. Prima del loro tempo, questo adulto adottato, insieme ai suoi genitori di nascita e adottivi, accetta l'idea di estendere la famiglia attraverso l'adozione.

Solutions Collecting From Web of "Il film leone fornisce approfondimenti sulle relazioni adottive"