Il fallimento della psicologia e la morte della psicoterapia, Pt. 2

Nel nostro ultimo post, abbiamo discusso di come il contesto sociale in cui è stata introdotta la psicologia moderna abbia influenzato la sua definizione e come tale definizione abbia allontanato la disciplina dalle sue radici nella spiritualità. Questa posizione ha, a sua volta, influenzato il modo in cui i paradigmi psicoterapeutici applicati si sono sviluppati in quanto, per citare Patch Adams, siamo stati ridotti a trattare la malattia, non la persona.

Tornando alle radici della psicologia possiamo considerare sia la scienza dello Yoga che la dottrina buddhista come modelli per comprendere come ri-immaginare la psicologia e la psicoterapia psicodinamica. Possiamo anche cominciare a capire come la psicologia applicata abbia iniziato a tornare al punto di partenza, con gli strumenti della terapia del comportamento dialettico, fondati sui principi del buddismo zen, e la teoria della neuroplasticità, che trova supporto dimostrabile nella pratica della meditazione buddista, aiutando a spingere questo ritorno .

Per prima cosa, diamo un'occhiata allo Yoga e al Buddismo come tradizioni. Il buddismo è un ri-immaginare, riorientare e intensificare gli insegnamenti yogici, più o meno allo stesso modo in cui il cristianesimo è una rivisitazione e un rifocalizzamento degli insegnamenti giudaici. Ricorda, proprio come lo storico Gesù di Nazareth non era un cristiano, ma un rabbino, lo storico Siddhartha Gautama non era un buddista, ma uno yogi. Sono state le loro esperienze personali di trasformazione e rivelazione a trasformarle in avatar.

Detto questo, è importante ricordare che lo Yoga è una scienza; è una metodologia evidence-based di trasformazione personale e spirituale che è saldamente radicata nella teoria psicologica. La Bhagavad Gita – uno dei tre testi fondamentali della scienza dello Yoga insieme allo Yoga Sutra e all'Hatha Yoga Pradapika – è una metafora del processo di sviluppo spirituale che segue in linea con tutte le principali teorie moderne e postmoderne riguardanti il sviluppo della personalità e della coscienza.

Allo stesso modo, gli insegnamenti buddisti sono anche profondamente informati da idee che sono commisurate a quelle stesse teorie psicologiche. Il buddismo parla di samskara (schemi di comportamento), attaccamento (paura), sofferenza (conflitto interiore) ed entrambe le tradizioni parlano di karma (azione e conseguenze) e di come cambiare queste cose. Suona familiare? Dovrebbe – fondamentalmente è la psicoterapia, solo una presa diversa.

La vera differenza tra le due tradizioni è che lo Yoga è una disciplina molto complicata e lontana, mentre il Buddismo – nonostante le sue apparenti inclinazioni esoteriche nei confronti di koan e simili – è molto più pragmatico e tagli alla caccia sin dal primo giorno. Lo yoga ci facilita nella nostra trasformazione lasciando spazio al materialismo spirituale – sebbene chiaramente non lo tolleri – mentre il buddismo ci costringe a confrontarci immediatamente; qualcosa che molti di noi non sono preparati a fare.

Sembra molto parlare di terapia contro AA, vero? Uno ti lascia per un po 'aggrappato ai tuoi schemi, mentre l'altro ti butta sotto l'autobus.

Tutto ciò ha detto che non stiamo suggerendo che tutti diventino improvvisamente yogi e meditatori, né stiamo suggerendo che la psicoterapia applicata debba essere investita in Veda e nel buddismo. Oltre ad essere un po 'assurdo pragmaticamente, una tale posizione lascerebbe tutti i cristiani, gli ebrei, i musulmani, i pagani e un mucchio di altri in piedi sul ciglio della strada.

Quello che stiamo suggerendo è che, affinché la psicologia abbia successo nel 21esimo secolo e che la psicoterapia psicodinamica sia rinvigorita, dobbiamo reintrodurre lo spirito – qualunque forma lo spirito tenga per ogni individuo e praticante – nella disciplina e nella sua applicazione.

La rivelazione trasformativa dell'esperienza di Born Again non è separata dall'alcolista che colpisce il fondo e chiede aiuto. L'innalzamento dell'apana dal terzo al quarto chakra non è separato dal cambiare una relazione da uno di compromesso a uno di cooperazione. L'inflessibile programma di preghiera nell'Islam e la colomba nel giudaismo ortodosso non è diverso dallo sviluppo del rituale, della struttura e della coerenza che può supportare un tossicodipendente o un borderline.

Fechner e Jung erano entrambi coinvolti; è tutto una cosa La separazione tra spiritualità e scienza, la cui integrazione ha supportato l'esplorazione di psiche e loghi, ha reso "meno di" la disciplina postmoderna della psicologia, sia accademica che applicata. E, attingendo a una metafora meridionale, non vedi molti cavalli a tre zampe, vero?

PS – quindi, per quanto riguarda gli atei, chiedi. Bene, stiamo parlando qui dell'applicazione pragmatica degli strumenti di trasformazione, non della religione. Quando parliamo di spirito, stiamo parlando della realizzazione del potenziale umano, non di Dio. Inoltre, come abbiamo detto prima, i buddisti, tecnicamente, sono atei, poiché non credono in Dio o nella divinità in sé, ma, piuttosto, comprendono gli umani.

© 2008 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

My Psychology Today Therapists Profile
Il mio sito web

Inviami una email direttamente
Consultazioni telefoniche

Solutions Collecting From Web of "Il fallimento della psicologia e la morte della psicoterapia, Pt. 2"