Il duro problema della vita

Alcuni filosofi pensano che ci sia un difficile problema di coscienza: non importa quanto gli scienziati apprendano sui processi neurali, non possono mai spiegare perché tutto questo processo è accompagnato da esperienze interiori. Analogamente, c'è un difficile problema di vita: non importa quanto la scienza impari sui meccanismi biologici come il metabolismo cellulare, la genetica e la respirazione, non può mai spiegare come tutti questi meccanismi rendano qualcosa di vivo. La nostra incapacità di risolvere il difficile problema della vita implica il vitalismo, la visione secondo cui gli organismi viventi sono fondamentalmente diversi da entità descrivibili in termini di fisica e chimica. La comprensione della vita richiede la postulazione di un tipo speciale di energia non fisica che è stata chiamata la forza vitale, la scintilla vitale o lo slancio vitale. Ciò si adatta bene all'idea che il duro problema della coscienza implica il dualismo, la visione secondo cui il pensiero richiede elementi non materiali come le anime.

Certo, la biologia della vita è molto più avanzata della psicologia e delle neuroscienze della coscienza. Nel 1800, si sapeva un po 'sui meccanismi della vita come la respirazione, la digestione e la divisione cellulare. Il 1900 portò molte innovazioni riguardo ai meccanismi addizionali riguardanti il ​​metabolismo, la genetica, l'epigenetica, il DNA e le reti neurali. Molti aspetti degli esseri viventi come la riproduzione e il movimento possono essere spiegati con questi meccanismi. Ma non importa quanto ben sviluppata diventi la nostra comprensione delle parti e delle interazioni che rendono vive piante e animali, non possiamo mai spiegare la vita, come mostrato dal seguente esperimento mentale.

Possiamo facilmente immaginare l'esistenza di "lombi", analoghi agli zombi che supportano il duro problema della coscienza. Uno zombi filosofico dovrebbe essere una cosa che ha tutte le proprietà fisiche degli esseri umani, ma manca di coscienza. Allo stesso modo, un lombi è una cosa che ha tutti i meccanismi biologici associati alla vita, ma non è ancora vivo. Poiché questa è una possibilità immaginabile, essere vivi non può essere identico ad avere quei meccanismi, perché se due cose sono identiche, allora sono necessariamente identiche. Simili esperimenti di pensiero minano altre identità esplicative assunte dagli scienziati, come l'acqua è H 2 O e il fulmine è scarica elettrica.

Qualcuno a cui piace il dualismo, ma non il vitalismo, potrebbe sostenere che la coscienza è intrinsecamente diversa dalla vita perché l'esperienza interiore è fondamentalmente diversa dal vivere, ma sarebbe semplicemente assumere ciò che si suppone debba essere mostrato. Sono stati proposti meccanismi neurali per la coscienza, tra cui:

Sincronizzazione neurale (Francis Crick)

Marcatori somatici e zone di convergenza (Antonia Damasio)

Trasmissione attraverso uno spazio di lavoro neuronale globale (Stanislas Dehaene)

La competizione tra le rappresentazioni neurali si chiama puntatori semantici (Thagard e Stewart).

La spiegazione della coscienza sembra essere all'incirca allo stesso punto della spiegazione della vita nel 1900, e indubbiamente ci saranno molte nuove proposte sui meccanismi rilevanti e le loro interazioni tra loro. Ma non importa quanto ben sviluppati questi meccanismi diventino, non avremo mai una spiegazione completa della coscienza, così come non avremo mai una spiegazione completa della vita. La scienza non può mai spiegare cosa vuol dire essere un pipistrello, non più di quanto possa spiegare cosa vuol dire essere vivi.

Questi problemi non sono solo difficili, sono impossibili!

Next: Il tuo cellulare è consapevole?

Solutions Collecting From Web of "Il duro problema della vita"