Il dono più autoaffermativo che puoi darti

Qual è il tuo desiderio che cerchi di dirti?

La tirannia delle nostre liste di compiti (inclusa l’instancabile chiamata al miglioramento personale) può facilmente distrarci da ciò che conta di più. Legati al tapis roulant delle richieste interiori ed esteriori, perdiamo di vista quali potrebbero essere le due domande più importanti da porsi:

Quali sono i miei desideri persistenti?

Cosa mi porta il significato più profondo e il senso di gratificazione?

Evitare queste domande crea una cascata di conseguenze preoccupanti; tensione, impazienza, perdita di gioia e una tonalità grigia del nostro mondo. Ma c’è un atto di autocura che aggiunge immediatamente significato, colore e calore alla nostra vita. Questo post ti insegnerà questa pratica.

Tutti noi viviamo momenti in cui siamo toccati da un senso di significato più ricco; contentezza, divertimento con i propri cari e con noi stessi, e quel raro ma delizioso senso di profondo conforto interiore. A volte ci sono momenti di gratificazione senza parole, senza nome che non ci prendiamo il tempo per assaporare o decifrare completamente.

Altre volte può esserci un senso di tristezza, insoddisfazione e desiderio. È facile sperimentare questi sentimenti come un’indicazione di un qualche tipo di fallimento personale, ma in realtà sono il contrario: sono la chiamata a una vita più ricca e più ampia. Quando ripetiamo ripetutamente il pulsante snooze su quel desiderio, proviamo un senso di piattezza; un vuoto ansioso sotto la superficie fa tremare i nostri giorni.

Quando ascoltiamo i messaggi che ci portano quei momenti di desiderio o di gratificazione profonda, iniziamo una cascata positiva di conseguenze; un senso di sollievo, gratitudine, generosità e facilità. Quando i nostri desideri e le nostre gioie si sentono finalmente nobilitati da noi, inizia un circolo virtuoso di amor proprio. Questo è un dono che possiamo donare a noi stessi e, quando lo facciamo, siamo più capaci di godere e crescere l’amore nelle nostre vite.

La seguente semplice pratica richiede solo pochi minuti, ma aiuta ad attivare la cascata positiva di sentimenti ed esperienze che porta l’amor proprio.

Prova questa pratica dopo un periodo di inattività, quando non ti senti precipitato, magari con una tazza di tè o caffè. Prenditi qualche minuto per riposare e riflettere sulle increspature dei sentimenti all’interno, indipendentemente da cosa siano. Quando inizi a percepire qualsiasi sentimento emerga, vedi se riesci a mettere le parole su di loro.

Ora poniti queste due domande:

Quali sono le gioie della vita quotidiana che significano maggiormente per te? Quali cose nella tua vita quotidiana ti danno più senso del significato personale, della vera gratificazione? La chiave qui non è di indovinare le tue risposte. Se qualcosa sembra vero al momento, vai con esso. Come sarebbe la tua vita se abbracciassi più pienamente, onorata e dignitosa quelle gioie? Come potresti mettere questi tipi di esperienze più vicino al centro delle tue giornate? Nel progetto della tua vita, più vicino al centro che metti quelle gioie, più autenticamente avrà successo la tua vita. Ogni azione consapevole che intraprendi per dare a quelle gioie un posto più centrale nella tua vita è un atto di autentico amor proprio.

Quali desideri persistono per te? Dare un nome e rispettare i tuoi desideri più centrali e continui è forse il più grande atto di autoaffermazione che puoi dare a te stesso. Sì, il desiderio può bruciare; può fare male e può far male. Ma più brucia, più fa male, più urgente è il suo messaggio. Guarda la tendenza a minimizzare o ignorare quei desideri. Quelli che continuano a tornare, che continuano a sussurrare o urlare, sono quelli che hai più bisogno di ascoltare. Mentre crei i tuoi obiettivi di vita, metti in atto i tuoi sforzi per alimentare quel desiderio verso la cima della tua lista. Fare questo può essere spaventoso e rischioso, ma più lo fai, più la tua vita diventerà appassionata, diretta e onnipresente.

La maggior parte di noi spende molta della nostra energia mentale evitando o deviando le nostre risposte a queste due domande. Possiamo cambiare le nostre vite in modi profondamente positivi semplicemente dignitando le nostre gioie e i nostri desideri agendo su di loro mentre creiamo le nostre vite ogni giorno.

© Ken Page, LCSW 2017. Tutti i diritti riservati. Clicca qui per saperne di più sul mio lavoro

Solutions Collecting From Web of "Il dono più autoaffermativo che puoi darti"