Il dono del dolore

E il potere della vulnerabilità.

bloomwork

Fonte: bloomwork

Charlie: Non molto tempo fa ho ricevuto una mail dal mio buon amico Mark. Non ne avevo sentito parlare da un po ‘e mi ha fatto piacere ricevere quello che speravo sarebbe stato un aggiornamento sulla sua vita. Mi ha riempito e nonostante, o forse a causa delle difficoltà e delle difficoltà che ha descritto, il suo messaggio mi ha lasciato ispirato e arricchito dalla sua onestà e apertura. Ho provato ammirazione per il coraggio che sapevo che doveva aver richiesto di condividere la sua esperienza con me e i suoi amici. L’onestà, la trasparenza e la vulnerabilità sono qualità che la maggior parte di noi dichiara di apprezzare, eppure quando si tratta di incorporare queste virtù nelle nostre azioni e parole, possiamo essere riluttanti a “diventare reali” e optare invece per presentarci in modo più “favorevole” ” leggero. Sono rimasto colpito dalla volontà di Mark di esporre il punto debole delle sue esperienze. Gli ho detto che le sue parole erano troppo potenti e importanti per essere limitate alle poche persone a cui aveva spedito la sua e-mail e gli ho chiesto se gli sarebbe dispiaciuto se ne avessi estratto parte e averlo condiviso in un blog. Mi ha concesso il permesso di farlo ed è mia speranza che sentirai anche il potere delle parole di Mark e sarai ispirato e commosso da loro.

“Perché sono passati così tanti mesi da quando mi sono collegato a tutti voi?

Molto semplicemente, sono stato sopraffatto da perdite e terminazioni.

Poco più di un anno fa, un caro amico, mentore e collega di insegnamento per decine di workshop, è morto nel suo settantesimo compleanno.

A febbraio, ero con mio padre per i suoi ultimi due giorni, al suo capezzale, fissandolo negli occhi mentre era transitato pochi giorni dopo il suo 77 ° compleanno.

Il mio padrino e il migliore amico di tutta la vita di mio padre, Philip, è morto una settimana dopo mio padre.

E poi a luglio, la mia fidanzata, e ho concluso la nostra relazione romantica dopo due anni insieme, amorevolmente, ma con entrambi il cuore spezzato che non siamo riusciti a trovare la strada l’uno verso l’altro a lungo termine.

Eppure, stranamente, in tutto questo, il mio lavoro si è approfondito e fiorito. Non avrei mai immaginato che nel mezzo di tanto dolore, potessi essere così presente con i miei clienti. Né immaginavo che essere così aperti con tutti riguardo a quando sentivo dolore o crepacuore o esaurimento sarebbe stato di valore per coloro con cui ho lavorato.

Com’è possibile che nei momenti di maggiore sofferenza possiamo trovare l’energia e la presenza di un servizio ancora più grande? In qualche modo sono stato in grado di correre il rischio di credere che queste perdite stavano aumentando la mia capacità di adattarmi ai bisogni, alle speranze e alle sfide più profonde dei miei clienti. Ho imparato che parte del processo di lutto implica diventare più connessi e potenziati nella nostra chiamata. Mi ero fidato che il mio dolore fosse un processo naturale che avrebbe avuto successo con me quando poteva, che non significava nulla su di me se non che provavo dolore per le perdite che non potevano mai essere sostituite.

Occasionalmente mi sorprendevo a credere che il dolore significasse che c’era qualcosa di sbagliato in me. A volte mi ritrovo a desiderare di aver fatto qualcosa di diverso per evitare le perdite. Ma con l’amoroso rispecchiamento degli amici, vorrei ricordare che quando subisco grandi perdite, semplicemente non sono più integro. E ricordo anche che ho perso qualcuno che mi amava e ha aperto il mio cuore ad un amore più grande. Certo mi sentirei vuoto o distrutto.

Ecco la scoperta più vulnerabile che ho fatto: in un momento in cui sentivo maggiormente il dolore, mi sono reso conto che avevo solo bisogno che fosse OK che stavo soffrendo. Non avevo bisogno che il dolore andasse via, o che qualcuno si prendesse cura di me, ma avevo bisogno che il mondo (beh, io davvero) guardasse con gentilezza al fatto che stavo male.

Perché ti sto dicendo tutto questo? Perché nel processo di sviluppo della nostra capacità di leader dei facilitatori, affrontiamo innumerevoli sfide, le più difficili delle quali sono di solito con noi stessi. Più e più volte ho visto persone arrivare al livello successivo della loro vita in seguito a momenti di grande coraggio affrontando una dolorosa verità, assumendo un rischio inimmaginabile, entrando nel loro vero scopo. ”

C’è molta saggezza in ciò che dice Marco, ma ciò che per me è ancora più significativo è la profondità e l’onestà delle sue rivelazioni e la sua disponibilità ad avere le sue parole come incarnazione del suo messaggio. Così facendo, sta camminando per parlare o per parafrasare Gandhi, essendo il cambiamento che vuole vedere nel mondo, piuttosto che limitarsi a parlarne.

Troppo spesso temiamo che esporre aspetti della nostra esperienza di vita che possono essere percepiti come negativi in ​​qualche modo potrebbe indurre gli altri ad avere un’opinione sfavorevole su di noi, e quindi cerchiamo intenzionalmente di nascondere qualsiasi cosa possa minacciare la nostra immagine pubblica. Fare così non solo ci fa sentire meno integri e più inautentici, ma rafforza la nostra tendenza a identificarci con il nostro “falso io”.

Ogni decisione che prendiamo riguardo all’essere il cambiamento piuttosto che parlarne fa la differenza. Stiamo portando più verità e autenticità in un mondo che ne ha estremo bisogno o che aggiunge alla paura e all’angoscia che sembra caratterizzare l’esperienza di un numero crescente di noi.

L’opportunità di scegliere è presentata a noi ogni giorno della nostra vita, più volte. Ogni decisione conta davvero. Nelle parole del grande filosofo-poeta Bob Dylan, “Colui che non è impegnato a nascere è occupato a morire”. Pensaci. Meglio ancora, si!

Solutions Collecting From Web of "Il dono del dolore"