Il dolore cronico della battaglia: ci sarà una "sindrome della guerra del Golfo" per i veterani dell'attuale guerra in Iraq e in Afghanistan?

In quasi tutte le guerre ci sono un numero di partecipanti con sintomi inspiegabili. Tali disturbi di solito comportano affaticamento, disturbi gastrointestinali non specifici e dolori muscolari e articolari. Con il Veteran's Day di domani, è un momento per ringraziare non solo gli uomini e le donne che servono, ma anche l'opportunità di augurarli il meglio quando tornano dagli angoli più remoti della terra. Si spera che tornino da quei lontani angoli verso un futuro senza dolore cronico.

Molti lettori ricorderanno i sintomi fisici inspiegabili che hanno ricevuto un po 'di attenzione da parte dei media durante e dopo la Guerra del Golfo del 1991. È interessante notare che tali disturbi somatici erano più frequenti in quelli con diagnosi di disturbo da stress post-traumatico (PTSD) o in altre condizioni psicologiche. Sfortunatamente, queste lamentele fisiche hanno avuto una conseguenza che non è banale: i veterani della Guerra del Golfo del 1991 hanno sofferto di gravi disabilità professionali (misurate in giorni assenti dal luogo di lavoro).

Uno studio pubblicato lo scorso anno nell'edizione di marzo-aprile di "Psychosomatics" ha esaminato i dati di oltre 1.200 pazienti iracheni e afgani valutati da psichiatri presso il Landstuhl Regional Medical Center in Germania, la più grande struttura medica militare al di fuori degli Stati Uniti. Poco meno del 3% ha ricevuto una diagnosi di disturbo dello spettro somatoforme (SSD); di questi, il 63% è stato diagnosticato con disturbo della conversione, il 3% di disturbi del dolore, il 3% di disturbi somatoformi indifferenziati, il 23% di fattori psicologici che influiscono sulla condizione fisica e il 7% di sospetti di malinging. Una delle più comuni manifestazioni SSD è stata il mal di testa.

È interessante notare che fattori di stress legati all'implementazione, come condizioni di vita stressanti, condizioni meteorologiche estreme, problemi interpersonali con supervisori e colleghi e privazione del sonno sono stati più associati (circa il 47% dei casi) con SSD. La storia psichiatrica passata o familiare era associata al 43% dei casi di SSD. La storia passata dell'esposizione al combattimento, i problemi familiari familiari e la storia passata di trauma sono stati responsabili di una percentuale relativamente bassa di SSD.

Quindi, perché gli SSD sono così rari, finora, tra i veterani di Iraq e Afghanistan? Ecco alcune teorie:
1. Forse c'è meno stigma per i veterani di oggi; possono sentirsi più liberi di denunciare i disturbi psichiatrici, ricevendo così un trattamento più tempestivo rispetto alle guerre passate. Negli ultimi anni c'è stata una maggiore enfasi sul mantenimento della salute mentale del personale militare.
2. Potrebbe esserci una rapida risoluzione del reclamo presentato una volta che il paziente evacuato si trova in un ambiente sicuro, fuori dalla zona di combattimento.
3. Gli SSD possono essere gestiti efficacemente mentre si trovano nel teatro di combattimento, in quanto vi è una forte presenza di salute mentale nelle zone di combattimento di oggi.
4. Forse SSD e sintomi somatici che diventano disturbi del dolore cronico sono cose che si vedono più comunemente dopo molti anni. Potrebbe essere che sia troppo presto per il paziente vulnerabile sviluppare tali sintomi e diagnosi. Va ricordato che dopo la Guerra del Golfo del 1991, il 40% dei sintomi fisici riportati dai veterani aveva un periodo di latenza superiore a un anno dopo il ritorno dallo schieramento.

Siate certi che i veterani delle guerre di oggi saranno seguiti da vicino. E mentre i tempi sono cambiati, in quanto c'è più sensibilità da parte dei militari in termini di protocolli di prevenzione del suicidio e tentativi di rimuovere lo stigma dalla ricerca di consulenza per la salute mentale, coloro che trattano i veterani di oggi devono anche essere vigili per le nuove sfide che potrebbero sorgere da un veterano che deve subire ripetute spiegazioni nell'ambiente di combattimento. L'esposizione ripetuta a eventi traumatici e l'anticipazione di tali ripetuti schieramenti potrebbero benissimo risultare in una malattia psichiatrica mai vista prima e più virulenta, che avrà quasi sicuramente manifestazioni somatiche.

Prenditi un momento per ricordare il Veterano domani. C'è una possibilità che lui o lei combatterà ancora battaglie per molto tempo dopo aver lasciato il servizio.

Solutions Collecting From Web of "Il dolore cronico della battaglia: ci sarà una "sindrome della guerra del Golfo" per i veterani dell'attuale guerra in Iraq e in Afghanistan?"