Il divieto di viaggio di Trump è discriminatorio?

Discuto del divieto e della psicologia della discriminazione.

Geralt/Pixabay

Fonte: Geralt / Pixabay

sfondo

Il 26 giugno, la Corte Suprema ha confermato il divieto di viaggio del presidente Trump (un divieto che riguarda soprattutto persone provenienti da paesi a maggioranza musulmana). Solo il tempo dirà se questo divieto di viaggio renderà l’America più sicura (ea quale prezzo), ma nel frattempo il divieto rischia di rendere la vita più difficile per coloro che hanno familiari e parenti negli Stati Uniti, e quelli che sfuggono ai regimi dittatoriali in tutto il mondo- sognando di farlo negli Stati Uniti per iniziare una nuova vita libera dalla repressione e dalla discriminazione. Il divieto potrebbe anche ferire le persone all’interno dei confini, coloro che rintracciano le loro origini in uno dei paesi in lista di divieto e che hanno familiari e amici lì. E può essere visto come normalizzare e istituzionalizzare la discriminazione che già affrontano.

Il divieto di viaggio è davvero discriminatorio?

Immagina che qualcuno di nome Maya stia organizzando una festa a casa sua e abbia invitato molte persone, incluso il signor Trump. A tutti è data la possibilità di parlare per tutto il tempo che vogliono, tranne il signor Trump, che viene costantemente interrotto e messo a tacere. Maya sta discriminando il signor Trump? Dipende.

Maya avrebbe potuto credere, per una buona ragione (ad esempio, sulla base di precedenti interazioni), che il signor Trump avesse intenzione di dire qualcosa di infiammatorio e offensivo per gli altri ospiti, e dato che voleva che i suoi ospiti si sentissero bene ed essere felici, decise di interrompe il signor Trump ogni volta che sembra essere diretto a insultare gli altri.

Ma immaginiamo altre possibilità. Maya potrebbe aver impedito al signor Trump di parlare a causa di un pregiudizio personale nei confronti, ad esempio, degli uomini.

O tedeschi e gente di origine tedesca.

O gente anziana.

Quale di queste possibilità, pensi, si qualificherebbe come discriminazione? E puoi vedere i paralleli tra questo esempio e il divieto di viaggio?

Thisabled

Fonte: abilitato

Cos’è la discriminazione?

Vorrei essere più chiaro su cosa significhi discriminazione. La discriminazione si riferisce al trattamento ingiusto di qualcuno a causa dell’appartenenza della persona a determinati gruppi.

Uno dei fondatori della psicologia della personalità, lo psicologo americano Gordon Allport, ha definito la discriminazione in questo modo:

“La discriminazione avviene solo quando neghiamo agli individui o ai gruppi di persone l’uguaglianza di trattamento che desiderano . Si verifica quando prendiamo provvedimenti per escludere membri di un gruppo esterno dal nostro vicinato, scuola, occupazione o paese. ” 1

Ma qualcuno potrebbe obiettare che, poiché tutti possono essere considerati parte di un gruppo, non possiamo criticare o disciplinare nessuno per timore di essere accusati di discriminazione. Ma non è vero. Certo che possiamo, ma finché abbiamo a che fare solo con le azioni dannose di un individuo .

Per esempio, se qualcuno ha commesso un crimine ed è responsabile di alcuni danni – che si tratti di sparare a scuola, rapina a mano armata, violenza di gruppo, aggressione, stupro, omicidio, abuso di bambini o anziani, violenza politica, crimine di guerra, ecc. il diritto di chiedere di consegnare questa persona alla giustizia. Ciò non è discriminatorio perché l’attenzione si concentra sul danno che la persona ha causato e non sull’identità, la fede, le convinzioni, le opinioni, l’aspetto, l’orientamento sessuale, l’orientamento politico, l’etnia / razza e così via della persona.

Pensieri conclusivi

Molti americani, compresi musulmani e arabi, devono già affrontare una considerevole discriminazione. Secondo alcuni studi, arabi e musulmani spesso sottostimano questi incidenti. 2 Il divieto di viaggio rischia di peggiorare la situazione, dato che ora sono ancora meno inclini a credere che condividere questi incidenti con funzionari governativi sarebbe utile.

Devo notare che molti americani (non presi di mira dal divieto) hanno criticato il divieto e hanno espresso le loro opinioni. Questo è incoraggiante. Perché mentre divieti e atti di discriminazione portano al rifiuto e all’esclusione di “altri”, tali atti di comprensione e compassione (come mostrare sostegno a immigrati e minoranze) contribuiscono a colmare il divario tra noi / loro.

WikiImages/Pixabay

Fonte: WikiImages / Pixabay

C’è un senso di libertà e rispetto nell’essere trattati allo stesso modo. La persona che riceve la parità di trattamento è più incline a rispettare gli altri ea collaborare con loro per raggiungere obiettivi comuni. Le persone che capiscono questo, sanno l’importanza di trattare gli altri allo stesso modo.

Ma coloro che non capiscono questo aspetto fondamentale della psicologia umana o non si preoccupano delle conseguenze del maltrattare gli altri probabilmente creeranno più problemi a lungo termine di quanto non stiano cercando di risolvere al momento. E questi problemi probabilmente riguarderanno tutti noi.

Riferimenti

1. Allport, GW (1954) La natura del pregiudizio. Lettura, MA: Addison-Wesley.

2. Shammas, D. (2017) Sottovalutazione della discriminazione tra studenti di college comunitari americani arabi e musulmani. Journal of Mixed Methods Research, 11, 99-123.