Il disordine più letale

Le malattie mentali possono essere in pericolo di vita, ma quale ha il più alto tasso di mortalità? Il cinquanta per cento delle persone con schizofrenia tentano il suicidio. Quasi il 15% di coloro che sono depressi clinicamente si toglie la vita. Ma nessuna di queste malattie ha il più alto tasso di mortalità. La risposta, sono stato sorpreso di apprendere in una recente conferenza dello psichiatra infantile e dell'adolescente, la dottoressa Michelle Jorgensen, è un disturbo alimentare. Le persone con disturbi alimentari hanno un alto rischio di suicidio, ma inoltre la malnutrizione cronica che subiscono estrae un pedaggio fisico sul corpo. L'aggressione mentale e fisica combinata aumenta il tasso di mortalità dalla morte per attacco cardiaco improvviso, insufficienza multiorgano e altre conseguenze mortali della malnutrizione prolungata.

"Non c'è niente di sbagliato in me" è la reazione comune che il Dr. Jorgensen dice che la maggior parte dei suoi pazienti ha quando una persona amata li porta a lei per il trattamento presso il Eating Disorders Institute di Fargo, nel Nord Dakota. Raramente un paziente cercherà il trattamento da solo. Le persone con disturbi alimentari soffrono di un'illusione di essere sovrappeso. La loro percezione della realtà diventa distorta nella misura in cui la propria gamba avvizzita, confrontata fianco a fianco alla gamba muscolare di una persona sana, sarà percepita dal paziente come grasso. Questo è ciò che rende il trattamento così difficile. La recidiva è molto comune. Il 50-70% di coloro che cercano un trattamento guarirà; Il 20% migliorerà con il trattamento ma continuerà a lottare con il disturbo e il 10-20% morirà.

La malnutrizione prolungata in persone con anoressia, bulimia o altri disturbi alimentari può causare atrofia cerebrale e muscolare, bassa pressione sanguigna, bassa frequenza cardiaca e grave squilibrio di liquidi ed elettroliti. Questi effetti fisiologici causano convulsioni, aritmie, insufficienza cardiaca, reni e insufficienza multiorgano.

I disturbi alimentari sono tra le dieci principali cause di disabilità per le giovani donne, ma sono stato sorpreso di apprendere che non si tratta esclusivamente di una malattia femminile. Uno su 4 pazienti con un disturbo alimentare è maschio. Per gli uomini, questo spesso comporta l'utilizzo di qualcosa di diverso dall'eliminazione di un pasto per eliminare le calorie, esercitando l'eccesso.

"Le persone hanno la percezione che un atleta non possa avere un disturbo alimentare", mi ha detto il dottor Jorgensen, ma in realtà molti tipi di atleti: corridori, fantini, ginnasti, scalatori, ballerini, atleti di atletica leggera, lottatori e maratoneti, condividono con il modello di moda stereotipato un'immagine del corpo idealizzata che ritengono necessaria per eccellere nella loro carriera. Molte di queste persone sono altamente motivate, persino compulsive riguardo al loro esercizio.

"È molto difficile convincere la gente a smettere di fare esercizio in eccesso, perché quando si interrompe l'allenamento si avverte un ritiro", ha spiegato il dott. Jorgensen. Ha descritto un paziente recente che era un maschio di 19 anni nella squadra di basket del college. "Aveva un basso numero di globuli bianchi, anemia, basso numero di globuli rossi, linee cellulari multiple del midollo osseo erano soppresse – enzimi epatici elevati, scarsa funzionalità renale; era disidratato e ipoglicemico, eppure non riusciva a smettere di allenarsi. "Il suo peso molto basso sollevava tale preoccupazione dal suo allenatore e dai genitori che lo costrinsero a vedere un dottore. Ha negato di avere qualche problema. Le ho chiesto, se guardava solo alle sue cartelle cliniche e non sospettava che avesse un disturbo alimentare, cosa suggerirebbe il profilo medico? "Epatite infettiva, o cancro", ha detto.

Una revisione della sua routine di allenamento ha mostrato che stava correndo 3-4 ore al giorno e stava mangiando una dieta squilibrata limitata a ciò che riteneva essere "cibi sani". Aveva una frequenza cardiaca nel range 40 battiti / min, ma un cuore monitor ha rivelato che il suo battito cardiaco è crollato pericolosamente a 25 battiti / minuto durante la notte. Era ad alto rischio di attacco cardiaco improvviso. "È un mito urbano che una frequenza cardiaca bassa sia sempre un bene per gli atleti. Non é necessariamente così. Ci sono pochissimi atleti con un tasso di riposo negli anni '40. "La ragione della bassa frequenza cardiaca nelle persone con disturbi alimentari è che gli elettroliti (come il potassio) sono fuori equilibrio, ma soprattutto perché il cuore è un muscolo. I corpi di pelle e ossa di persone con disturbi alimentari sono il risultato del tessuto muscolare che viene consumato dal corpo per sostenersi da solo quando il consumo calorico nella dieta è inadeguato. Ciò che è meno visibile, è che il muscolo cardiaco soffre lo stesso spreco di un muscolo della coscia dovuto alla malnutrizione cronica.

L'enfasi sull'affrontare il grave problema dell'obesità negli Stati Uniti, dove le persone in generale hanno uno stile di vita sedentario e una dieta povera, ha portato a nozioni alla moda su "cibi buoni, contro cibi cattivi". Questa dicotomia purtroppo contribuisce alla patologia pensando a persone con disturbi alimentari. Per perdere peso possono iniziare a modificare la loro dieta eliminando gli alimenti grassi, ma poi passare a una dieta vegetariana e infine a una dieta molto stretta o particolare che non fornisce calorie o sostanze nutritive adeguate. "Non ci sono cibi cattivi", dice il dott. Jorgensen. "Cosa c'è nei biscotti con gocce di cioccolato? Uova, fiori, latte, gocce di cioccolato. Non c'è niente di male lì dentro. Una dieta malsana è una dieta squilibrata. "

Molte persone con disturbi alimentari soffrono in segreto. Evitano i pasti con amici e familiari. Nascondono il loro corpo magro sotto strati di vestiti. Possono esercitare l'esclusione della socializzazione o persistere nell'esercizio dopo l'infortunio. Ricorrono a pillole per la dieta, binge eating, purging e la maggior parte di loro affronta da sola questo disturbo potenzialmente letale.

Ecco alcune domande da porre se sospetti che tu o qualcuno che conosci possa avere un disturbo alimentare:

  • 1. Ti ammali perché ti senti pieno?
  • 2. Ti preoccupi di aver perso il controllo su quanto mangi?
  • 3. Hai perso recentemente più di 14 chili in tre mesi?
  • 4. Credi di essere grasso quando gli altri dicono che sei troppo magra?
  • 5. Diresti che il cibo domina la tua vita?

Una risposta affermativa a due delle domande precedenti suggerisce la forte possibilità di un disturbo alimentare. Un altro sintomo per le donne è la perdita di un ciclo mestruale. Per gli uomini, la perdita della funzione sessuale frequentemente accompagna i disturbi alimentari. Il corpo, maschio o femmina, non può mantenere una normale funzione riproduttiva di fronte alla morte per fame. Il pensiero razionale, offuscato dalla disabilità psichiatrica per percepire che c'è un problema, non è di aiuto. Altri, compresi amici, familiari, allenatori e medici, devono venire in aiuto a queste persone che semplicemente non possono aiutare se stesse.

Solutions Collecting From Web of "Il disordine più letale"