Il discorso quasi perfetto di Obama sulla religione

Il presidente Barack Obama ha suscitato molto afflizione per il suo discorso il 5 febbraio alla National Prayer Breakfast di Washington. Non mi occuperò delle domande riguardanti il ​​luogo delle colazioni di preghiera religiosa governativa in una nazione che separa lo stato dalla religione, di come un presidente ateo gestirà tali eventi e se Obama pratica ciò che predica. In particolare sto scrivendo sul contenuto del discorso, che è stato probabilmente scritto da scrittori che hanno una profonda comprensione della religione. Ho letto il testo del discorso nella sua interezza e ho avuto l'impressione che fosse terribilmente buono, tranne per un punto a cui mi riferirò più tardi. Il discorso è diretto verso i nostri leader religiosi, che dovrebbero comprendere la natura umana, sia il bene che il male, senza illusioni, e guidarci a condurre una vita morale. Questo discorso tempestivo è grande perché esprime la vera soluzione alla guerra di ispirazione religiosa.

La più grande preoccupazione del mondo sembra essere quella di fermare l'orribile violenza condotta da persone che non credono nella libertà di parola e nel suo corollario, la libertà di religione. Queste persone credono: "Non solo credo in quello che i miei leader religiosi mi dicono, è mio obbligo costringerti a crederlo, e se non lo fai, ucciderti."

Obama dice magnificamente,

E qui a casa e in tutto il mondo, ribadiremo costantemente quella fondamentale libertà – libertà di religione – il diritto di praticare la nostra fede come scegliamo [presumendo, ovviamente, che la fede non sostenga la violenza contro le altre fedi-IK], cambiare la nostra fede se scegliamo, di non esercitare alcuna fede se scegliamo, e di farlo senza la persecuzione, la paura e la discriminazione.

Invoca anche la regola d'oro, che impone l'atteggiamento di cui sopra. Se i seguaci di tutte le religioni dovessero rispettare il diritto degli altri di credere come desiderano, la guerra basata sulla religione scomparirebbe. Il mondo sarebbe sostanzialmente più pacifico.

La visione di Obama sembra così fondamentalmente corretta per noi. Quindi, perché viene attaccato per il suo discorso di promozione della pace? È a causa delle seguenti frasi, che ci implorano di non essere ipocriti:

E se non vogliamo salire sul nostro cavallo alto e pensare che questo è unico per qualche altro posto, ricorda che durante le Crociate e l'Inquisizione, le persone commettevano azioni terribili nel nome di Cristo. Nel nostro paese d'origine, la schiavitù e Jim Crow troppo spesso erano giustificati nel nome di Cristo. Michelle e io siamo tornati dall'India – un paese incredibile, bellissimo, pieno di magnifiche diversità – ma un luogo dove, negli anni passati, le fedi religiose di tutti i tipi sono state, a volte, prese di mira da altri popoli di fede, semplicemente per il loro patrimonio e le loro credenze – atti di intolleranza che avrebbero scioccato Gandhi, la persona che ha contribuito a liberare quella nazione.

Quindi questo non è unico per un gruppo o una religione.

A nessuno piace la loro ipocrisia esposta, quindi queste poche frasi hanno scatenato un'ondata di rabbiose risposte da parte di cristiani e da esperti politici che si lanciano in ogni occasione per sconfiggere Obama. Di seguito sono riportati alcuni tweet citati in un articolo su AOL.Com:

"L'ISIS taglia le teste, incenerisce gli ostaggi, uccide i gay, rende schiave le ragazze. Obama: Blame the Crusades. "[Michelle Malkin]

"Sono scioccato, scioccato dal fatto che il ragazzo che sedeva nella chiesa di Jeremiah Wright per 20 anni avrebbe difeso la violenza islamica attaccando il cristianesimo." [Dereck Hale]

"Quindi Obama non è interessato a combattere l'Islam radicale oggi a causa delle cose che i cristiani hanno fatto nell'undicesimo secolo." [Matt Philbin]

Forse il più oltraggioso di tutte le risposte pubblicizzate è stato dall'ex governatore della Virginia, Jim Gilmore:

"I commenti del presidente questa mattina alla colazione di preghiera sono i più offensivi che abbia mai sentito un presidente nel corso della mia vita. Ha offeso ogni cristiano credente negli Stati Uniti. Questo va oltre il punto che Obama non crede in America o ai valori che condividiamo tutti ".

Questi commenti sono completamente irrilevanti per il significato del discorso di Obama. Ma Obama ha ragione.

Se l'attuale violenza perpetrata dai fondamentalisti islamici è così sconvolgente per noi in Occidente, è solo perché la coercizione religiosa è diventata inaccettabile negli ultimi anni. Abbiamo dimenticato che solo pochi decenni fa non eravamo così illuminati. Non dobbiamo nemmeno tornare indietro di centinaia di anni all'Inquisizione. Crescendo negli anni '50 e negli anni '60 a New York, sono stato spesso aggredito da bambini incitati dalla dottrina ufficiale della Chiesa che tutti gli ebrei sono colpevoli per la morte di Gesù e che siamo condannati all'Inferno a meno che non lo accettiamo come nostro Messia.

Se trovi l'idea che è normale che gli esseri umani tollerino e commettano anche violenze, leggi l'eccellente libro, scritto da un punto di vista completamente scientifico, The Better Angels of Our Nature , del famoso psicologo di Harvard Steven Pinker. The Joy of Pain: Schadenfreude e il lato oscuro della natura umana , di Richard Smith, è un altro meraviglioso libro scientifico che ti farà scendere dal tuo "cavallo alto".

Il bisogno di umiltà

Il discorso di Obama invoca ripetutamente il bisogno di umiltà. L'umiltà implica riconoscere che non siamo perfetti e che di fatto non siamo fondamentalmente diversi da quelli che uccidono in nome della loro religione.

Se non altro, l'ondata di attacchi rabbiosi contro Obama dimostra proprio il punto che sta cercando di fare: che l'intolleranza agli insulti alle proprie convinzioni non è limitata agli estremisti islamici. Persino le persone cresciute nelle democrazie moderne non possono tollerare che il nostro Presidente ci ricordi la verità semplice e indiscutibile del nostro recente passato intollerante.

Per quanto sia oltraggioso come alcune persone abbiano trovato il discorso di Obama, il suo messaggio è sottovalutato. Sta implorando i nostri leader religiosi di incoraggiarci ad essere umili. I media hanno mostrato un paese dopo l'altro che si sono uniti alla guerra contro l'ISIS, mandando aerei a bombardare i suoi soldati in mille pezzi. Francamente, nella mia soddisfazione per la guerra contro l'ISIS, non ho perso un momento di sonno per la consapevolezza che le bombe che sto aiutando a finanziare non discriminano.

Le bombe sono programmate per colpire solo gli psicopatici che usano la religione come scusa per assecondare la loro brama di potere e sangue? Che ne dici del danno collaterale? Non bruciano a morte innocenti passanti che stiamo cercando di proteggere? Non disintegrano i giovani e le donne fuorviati che credono di portare avanti la volontà di Dio per liberare il mondo dal male? Non inceneriscono i giovani che si sono resi conto troppo tardi che unirsi all'ISIS è stato un errore, ma sanno che saranno uccisi se tenteranno di scappare? Fare cadere bombe che uccidono un numero incalcolabile di persone anonime è più morale che tagliargli la gola solo perché i bombardieri non riescono a vedere le loro vittime? E possiamo essere certi che se fossimo cresciuti nello stesso ambiente e nelle stesse circostanze dei combattenti dell'ISIS, non faremmo le stesse cose che sono?

Questo non vuol dire che sia sbagliato bombardare l'ISIS. Significa, tuttavia, che la decisione di farlo non dovrebbe essere presa alla leggera, e che quando li uccidiamo, la nostra gioia dovrebbe essere mitigata dal dolore, perché le persone che stiamo uccidendo potrebbero essere state noi.

L'imperfezione

Ora, si può ricordare che il titolo di questo articolo si riferisce al discorso di Obama come "quasi" perfetto. A cosa alludo? Sono sorpreso che non abbia visto altri commentatori raccoglierlo, ma il discorso dice: "E se difendiamo il diritto legale di una persona di insultare la religione di un altro, siamo ugualmente obbligati a usare la nostra libertà di parola per condannare tali insulti ".

Questa affermazione è falsa. La libertà di parola non rende tale "obbligo uguale". Come possiamo essere obbligati a condannare qualcosa che difendiamo? E se in realtà siamo d'accordo con l'insulto? Dovremmo mentire e condannarlo? Obama avrebbe dovuto dire: "La libertà di parola ci consente di condannare tali insulti", non ci obbliga .

Obama e i suoi scrittori di discorsi sono abbastanza intelligenti da sapere che questa affermazione non è vera. Allora perché lo dice? La mia ipotesi è che stia cercando di farlo sul sicuro. Sa che molte persone non sono pronte ad accettare tutte le implicazioni della libertà di parola. Basti considerare la grande popolarità delle leggi anti-bullismo, il cui scopo principale è quello di criminalizzare le parole offensive. (Le offese ai corpi delle persone e alle proprietà sono già illegali e non hanno bisogno di leggi antibullismo per renderle tali).

La maggior parte delle persone non pratica la regola d'oro. Noi insultiamo liberamente le credenze degli altri senza esitazione, ma siamo indignati quando gli altri insultano i nostri. La risposta mondiale al massacro di Charlie Hebdo non è stata una difesa unilaterale della libertà di parola. La maggior parte dei leader politici e religiosi ha condannato solo l' omicidio come risposta agli insulti della religione, ma hanno comunque difeso l'idea che tali insulti dovrebbero essere illegali o in qualche modo vietati.

Obama e i suoi scrittori di discorsi sono consapevoli che molte persone risponderebbero con indignazione e persino con la violenza alla sua dichiarazione secondo cui la libertà di parola in realtà permette alle persone di insultare le loro credenze religiose. Quindi, per evitare una risposta del genere, hanno aggiunto questa "bugia bianca". A lungo termine, però, sospetto che si ritorcerà contro, perché non rendiamo il mondo più sicuro, assecondando l'intolleranza.

Solutions Collecting From Web of "Il discorso quasi perfetto di Obama sulla religione"