Il Dalai Lama aveva ragione!

Il 1 ° aprile il Dalai Lama ha twittato "La distinzione tra violenza e non violenza è meno nella natura dell'azione e più nella motivazione con cui è fatta". Non sono sicuro di quale sia stata la motivazione del Dalai Lama nel twittare questo messaggio, ma si scopre che questa affermazione è vera per tutti i comportamenti ed è supportata da una scienza rigorosa.

Per capire cosa "fanno" le persone quando le vediamo agire in particolari modi dobbiamo avere un senso delle loro motivazioni o obiettivi. Prestare attenzione solo all'azione delle persone non ci porterà molto lontano e spesso si tradurrà in malintesi. Per fare un esempio semplice, concentrandoci sul modo in cui le persone afferrano il volante della loro auto e il modo in cui muovono i piedi sui pedali non forniranno molte informazioni sul loro comportamento di guida. Non scopriremo le loro capacità come pilota e non scopriremo dove stanno andando. Per capire il loro comportamento di guida dobbiamo scoprire le loro motivazioni per la loro guida. Stanno guidando al lavoro o guidando verso i negozi per un amico malato o guidando via all'inizio di una vacanza?

La teoria del controllo percettivo (PCT; www.iapt.org; www.pctweb.org) è la teoria scientifica che spiega che sono le conseguenze dei nostri comportamenti man mano che le sperimentiamo, non i comportamenti stessi , che sono importanti per noi. PCT può aiutarci ad apprezzare molto di più che il comportamento dalla prospettiva di un osservatore può essere un'esperienza completamente diversa dal comportamento così come viene sperimentata dal comportamento.

Non sappiamo nemmeno dei nostri comportamenti, eccetto per le conseguenze che producono per noi. Mentre scrivo questo articolo, sto sicuramente usando le mie braccia e le mie dita per battere i tasti ma l'unica informazione che ho che i muscoli delle mie braccia e delle mie dita sono attivi è quello che posso vedere accadendo di fronte a me e anche quello che posso sentire succede mentre le mie dita tremano e si muovono sulla tastiera. Da questa prospettiva, vedere e sentire sono le conseguenze di ciò che fanno i miei muscoli.

Quindi, quando voglio che accada una certa cosa, ho un'idea nella mia testa di cosa sarà quella cosa e poi le mie azioni portano quella cosa in modo da sperimentare ciò che voglio sperimentare. Se voglio allungare il mio muscolo del polpaccio prima di correre, le mie braccia e le mie gambe creeranno una certa postura che produrrà una particolare sensazione che mi dice che il mio vitello si sta stirando. Se voglio provare un maggiore senso di connessione tra me e mia moglie potrei cancellare il mio diario e pianificare un po 'di tempo insieme, o potrei fare il suo pasto preferito, o potrei fare qualche domanda su come lei viaggia e parlare delle cose che è interessato. In effetti, potrei fare una serie di cose diverse perché non sono le cose che contano. È l'effetto che queste cose hanno che conta, quindi continuerò a fare tutto ciò che devo fare fino a quando il mio senso di connessione tra noi è come voglio che sia.

Kirti Poddar/Flickr/Labelled for Reuse
Fonte: Kirti Poddar / Flickr / Etichetta per riutilizzo

Notando che sto preparando del cibo, quindi, non ti farò sapere qual è la mia motivazione nel preparare questo particolare pasto. Solo guardando il mio affettare e tagliare a dadini in cucina non rivelerò nemmeno che gli ingredienti che sto combinando si trasformeranno in un pasto preferito per qualcuno di speciale. E anche se sai che sto preparando il pasto preferito di mia moglie, non saprai ancora le mie motivazioni per organizzare questa stravaganza culinaria. Potrebbe essere che è il suo compleanno o forse ha ricevuto una promozione al lavoro. Forse ho intaccato la macchina e voglio prepararla per lo shock. Ci sono un sacco di motivi diversi sul perché potrei impegnarmi nel comportamento di "preparare-la-moglie-il-pasto-preferito" e l'unico modo per dare un senso a ciò che stai osservando è conoscere la mia motivazione per mettere insieme il pasto.

Abbiamo sicuramente bisogno di comportamenti per creare le esperienze che intendiamo, ma il comportamento è un mezzo per raggiungere un fine. Non è lo stesso fine. I fini sono gli stati motivazionali cui allude il Dalai Lama e sono questi stati che dobbiamo capire se vogliamo capire e influenzare un'altra persona.

Se sei anche leggermente incuriosito da queste idee, le troverai spiegate in modo molto più dettagliato in Controllo delle persone: la natura paradossale di essere umani (http://tinyurl.com/hxjmjfy).

Solutions Collecting From Web of "Il Dalai Lama aveva ragione!"