Il criminale come persona "religiosa"

Molti uomini e donne che praticano una vita criminale professano di essere devoti seguaci di una religione. Possono frequentare una chiesa, una moschea o una sinagoga, leggere scritti religiosi, citare le Scritture, prendere lezioni e osservare le vacanze. Alcuni mandano i propri figli in scuole religiosamente affiliate. Molti adornano i loro corpi con gioielli di natura religiosa.

I criminali compartimentalizzano le loro pratiche e credenze religiose dal modo in cui vivono le loro vite giorno per giorno. La forma è lì, ma senza molta sostanza. Ricordo un uomo che commise assalti e scioperi della borsa ma toccò una croce che pendeva dal suo collo ogni volta che maledisse. Un adolescente in un centro di detenzione mi ha mostrato con orgoglio un opuscolo religioso che aveva letto, poi ha ammesso di averlo rubato a un altro ragazzo. I membri del crimine organizzato erigono elaborati santuari religiosi nelle loro case. Questo non li scoraggia dall'eseguire i loro avversari.

Come mai questi individui commettono crimini brutali continuando a considerarsi religiosi? Concretamente nella loro riflessione sulla religione, non sviluppano una comprensione concettuale di come i principi religiosi si applicano alla vita di tutti i giorni. Tali concetti sono antitetici alla criminalità. È probabile che i criminali siano sinceri mentre sposano insegnamenti religiosi e si impegnano in pratiche specifiche: frequentare la chiesa, accendere candele, osservare feste importanti. Ma la loro "religiosità" non è tradotta in come trattano gli altri.

Alcuni criminali si rivolgono alla religione durante i periodi di sentimentalismo. La morte di un genitore, la nascita di un bambino e altri eventi del ciclo di vita possono indurli a divenire temporaneamente più devoti. Qualunque sia la forma che assume la religiosità di un criminale, fornisce una spinta alla sua opinione che, nel complesso, è veramente una brava persona. (Lui o il suo avvocato possono citare le sue pratiche religiose e atti caritatevoli come prova di buon carattere.) Proprio come il criminale fa cattivo uso di gruppi, individui e organizzazioni, fa lo stesso con la religione. Lui prega di andare in paradiso ma anche che Dio lo aiuti qui sulla terra. Chiede a Dio di aiutarlo a commettere un crimine ed evitare l'apprensione. Implora Dio di farlo uscire da una marmellata che ha creato per se stesso come quando prega per una misericordiosa sentenza di un giudice. E alcuni criminali "depredano" la religiosità degli altri inventando truffe in nome di un'organizzazione religiosa o di una causa.

Un criminale può essere sincero quando è pio e abbraccia le nobili intenzioni. Ma la sua sincerità è transitoria in quanto viene superata dal suo insaziabile desiderio egoistico di potere e controllo sugli altri. Le buone intenzioni evaporano mentre escogita nuovi schemi e manovra verso i suoi obiettivi egoistici.

I criminali che occupano la posizione di chierici si aiutano a contribuire ai congregati e distraggono i fondi raccolti per le istituzioni religiose. Ho intervistato un ex-pastore che ha usato la sua posizione per "consigliare" le vedove in lutto e i divorziati solitari. Quando si è ingraziato, ha sfruttato la loro fiducia estraendo denaro e favori sessuali. Per anni abbiamo assistito a racconti tragici spiegati dalle vittime che sono state abusate durante l'infanzia dai sacerdoti. Alcuni criminali si impadroniscono di insegnamenti religiosi per tiranneggiare coniugi, figli e altri membri della famiglia. Citando la dottrina religiosa, essi richiedono sottomissione e infliggono abusi emotivi, impongono severe punizioni corporali e perpetrano atti di violenza domestica.

La religione può aggiungere una dimensione alla vita di una persona responsabile, ma di per sé non rende un essere umano responsabile da un criminale. *


* Questo blog si allarga su una breve registrazione datata 1/14/11.

Solutions Collecting From Web of "Il criminale come persona "religiosa""