Il costo del cinismo

cco public domain
Fonte: cco dominio pubblico

Alla Convention nazionale democratica del 2016 la scorsa settimana, il presidente Obama ha realizzato il suo discorso attorno a un tema centrale. Ci ha sfidato a "rifiutare il cinismo e rifiutare la paura, e per evocare ciò che è meglio in noi …" Ci ha chiamato ad amare, a sperare ea lavorare insieme per il bene comune. Ha fatto una mossa audace nel cinico clima psicologico e politico del mondo di oggi così consumato dalla paura: ha fatto un caso per credere nella bontà.

Ora sappiamo tutti che la paura è un potente motivatore. Nel mio lavoro di psicoanalista, vedo ogni giorno ciò che la paura fa alla gente. Vedo come fa sentire le persone intrappolate, promuove la difesa e la violenza, e fondamentalmente ostacola la crescita e lo sviluppo. Si potrebbe anche dire che il lavoro della psicoterapia e della psicoanalisi è quello di aiutare le persone a spostarsi da una cultura psicologica interna dominata dalla paura, dalla difensività e dall'ostilità verso una caratterizzata da fiducia, speranza e amore. Forse questo è il motivo per cui il discorso del Presidente Obama mi ha fatto alzare e prestare attenzione.

cco public domain
Fonte: cco dominio pubblico

È importante capire in che modo la paura e il cinismo sono correlati. Il cinismo è correlato alla paura perché offre la promessa di protezione, che è un profondo bisogno umano. Il modo in cui offre protezione è semplice: promette di tenere fuori il pericolo. Le regole del cinismo sono semplici e dirette: non fidarti di nessuno; non credere a nulla; ranghi ravvicinati; tieni la guardia alta e la testa bassa; tieni la porta chiusa e le armi a portata di mano. Pericolo: non entrare.

A causa del suo fascino come protezione dal pericolo, il cinismo ha guadagnato molto terreno e rispetto nella nostra cultura di oggi. A volte penso che sia persino stato promosso allo stato di virtù. I cinici sono visti come pensatori intelligenti, risoluti e indipendenti. Le persone ciniche sono viste come realistiche, scientifiche e persino fantastiche.

Per fare la stessa osservazione in un modo diverso, la nostra società ha una visione molto cinica delle persone che credono nel bene. Se cerchi il bene negli altri e cerchi di dare una mano, sei considerato un ingenuo, un cuore sanguinante. Se tendi a vedere il bicchiere mezzo pieno, sei considerato debole e sciocco. Confidare nella bontà degli altri ti rende un Charlie Brown: sciocco e credulone, buono solo per una risata. Il cinico potrebbe addirittura raddoppiare e suggerire che un tale atteggiamento di cuore aperto è il campo di gioco del pericolo: si potrebbe anche dare al nemico le chiavi della propria porta d'ingresso.

Mentre il cinismo è così spesso idealizzato, nella pratica non riesce a soddisfare la sua promessa di protezione in alcun modo duraturo. Invece, tende a galvanizzare il vero pericolo che sta cercando di proteggerci. Quando siamo così veloci a vedere l'altro come il nemico, il pericolo festeggia e cresce. Quando chiudiamo le porte e ci allontaniamo dagli incontri con altre persone, le nostre paurose proiezioni si moltiplicano e non abbiamo alcuna esperienza reale per contrastarle. Quando viviamo in diffidenza, cerchiamo il peggio nelle altre persone e rispondiamo in natura.

Il costo del cinismo è grande. Blocca il cambiamento. Brucia i ponti. Costruisce muri. Mina la buona volontà. Affonda il compromesso. Aumenta il conflitto. Ne sentiamo parlare ogni settimana nelle notizie. Ne sento parlare ogni giorno nel mio ufficio di psicoterapia. Uno sguardo aspro, una parolaccia o una comunicazione mal formulata viene usato come prova del tradimento e conferisce forza all'isolamento, alla depressione e alla discordia. Un fraintendimento diventa una via per la violenza. Una fermata del traffico diventa una polveriera. Dove non c'è fiducia, non c'è modo di costruire qualcosa di veramente costruttivo, sicuro e buono.

cco public domain
Fonte: cco dominio pubblico

Negli anni '50, la psicoanalista britannica Melanie Klein scrisse che credere nella bontà è il fondamento per la salute di un individuo e di una società. Lei credeva che siamo nati con la capacità di questo atteggiamento, ma che deve essere sviluppato, lentamente nel tempo. Le esperienze positive ripetute sono cruciali perché ciò avvenga. Quando prendiamo il rischio di credere nella bontà e riceviamo una risposta positiva, allora la sicurezza interiore inizia a crescere. Ma Klein sapeva perfettamente che la delusione, il dolore e la perdita sono parte integrante delle relazioni umane reali. Ha osservato ciò che ci può sembrare inaspettato e paradossale: la credenza nella bontà diventa più forte di fronte alle esperienze dolorose quando lavoriamo insieme a loro. Quando le persone lavorano per riparare e riprendersi dalle loro difficoltà, in realtà creano psiche, relazioni e società più sicure e sicure. Diventano resilienti e, come ha suggerito il presidente Obama, sono più forti insieme.

Qualunque cosa potremmo pensare dei particolari delle elezioni presidenziali americane del 2016, spero che il discorso del Presidente Obama possa farci riflettere sui nostri valori fondamentali – come società e nelle nostre vite personali. Il cinismo ci porterà in una direzione e la credenza nella bontà ci porterà in un'altra. Qualunque percorso seguiamo, potrebbe essere una delle più grandi decisioni che prendiamo.

Copyright 2016 Jennifer Kunst, Ph.D.

Mi piace! Tweet! Condividilo!

Per saperne di più, controlla il sito Web di Jennifer all'indirizzo www.drjenniferkunst.com e il suo libro, Wisdom from the Couch: conoscere e far crescere te stesso dall'interno verso l'esterno

Solutions Collecting From Web of "Il costo del cinismo"