Il Congresso dovrebbe dichiarare che i topi sono animali – Ora!

Maggie Bartlett via Wikimedia creative commons
Fonte: Maggie Bartlett tramite i commons creative di Wikimedia

Nel 2002, il senatore della Carolina del Nord, Jesse Helms, fece scivolare la lingua in una fattura agricola ordinariamente banale che stabiliva che ratti, topi e uccelli non fossero in realtà animali. Helms si stava inchinando ai desideri di Big Pharma e di alcune importanti università di ricerca. Come conseguenza di questa corda-un-droga tassonomica, oggi la maggior parte delle creature non umane ospitate in strutture di ricerca biomediche americane sono esenti dalla copertura ai sensi della legislazione federale sulla protezione degli animali primaria – la legge sul benessere degli animali.

Poiché i ratti, i topi e gli uccelli non sono animali, il loro numero non è incluso nei rapporti annuali sull'uso di animali che gli istituti di ricerca sono tenuti a presentare alle federazioni ogni anno. Di conseguenza, non abbiamo idea di quanti animali siano utilizzati nella ricerca negli Stati Uniti. Fino ad ora.

Inserisci PETA

Anche in ambienti di protezione degli animali, People for the Ethical Treatment of Animals è controverso. Ma che ti piaccia o meno la PETA, è stata una forza importante nel cambiare l'opinione pubblica riguardo l'uso degli animali. Ho un background nella ricerca animale e non sono d'accordo con PETA su molte questioni, inclusa la richiesta di eliminare la sperimentazione sugli animali. Ma, a mio avviso, l'organizzazione merita i complimenti per un recente studio condotto sulle tendenze negli animali da ricerca di utilizzo. I risultati stanno aprendo gli occhi.

A differenza della Animal Welfare Act, il National Institutes of Health richiede che gli istituti che ricevono fondi NIH presentino relazioni periodiche sul numero di TUTTE le specie di vertebrati coinvolti nella ricerca. (Oltre a ratti, topi e uccelli, questi includono pesci, anfibi e rettili.) Un gruppo di membri del personale PETA ha utilizzato la legge sulla libertà di informazione e le leggi sui registri aperti per accedere a questi rapporti non pubblicati da istituzioni che rappresentano i primi 25 maggiori destinatari dei fondi del NIH. Tra le università c'erano Yale, Johns Hopkins, l'Università del Michigan, l'Harvard Medical School, Duke, Vanderbilt e l'Università della Pennsylvania.

I risultati.

Il team PETA ha pubblicato i loro risultati nel Journal of Medical Ethics (qui) e lo studio è stato anche coperto dalla prestigiosa rivista Science (qui). Ecco cosa considero i risultati più importanti:

  • I gruppi di ricerca biomedica si impegnano a ridurre l'uso di animali nella ricerca, ma in realtà il numero di animali utilizzati nella ricerca è aumentato. In effetti, negli ultimi 15 anni, gli inventari medi giornalieri di animali nelle 25 istituzioni PETA studiate sono aumentati di quasi il 75%. In una giornata tipo del 2012, ad esempio, queste strutture ospitavano 700.000 mouse in più rispetto a 15 anni prima.
Graph by Hal Herzog
Fonte: grafico di Hal Herzog
  • Circa il 75% degli animali utilizzati nella ricerca sono topi e un altro 16% sono pesci. Queste sono le specie preferite per gli esperimenti di ingegneria genetica.
  • Mentre il numero di topi e pesci utilizzati nella ricerca è aumentato negli ultimi 15 anni, il numero di cani è rimasto costante e l'uso di gatti è diminuito di quasi il 60%.
  • Soprattutto, un incredibile 98,8% degli animali ospitati negli impianti di ricerca biomedica negli Stati Uniti è esente da qualsiasi copertura ai sensi della legge sul benessere degli animali.

Quindi … Quanti animali vengono utilizzati nella ricerca?

Le stime del numero totale di animali utilizzati negli esperimenti negli Stati Uniti sono dappertutto. Le organizzazioni di difesa della ricerca tipicamente inseriscono il numero tra 13 e 25 milioni. All'estremo opposto, il dottor Larry Carbone, direttore del Laboratorio Animal Resource Center presso l'Università della California, a San Francisco, stima che quando includi i roditori e gli animali non sposati uccisi senza essere mai stati utilizzati in un esperimento, tra 80 milioni e 100 milioni di animali sono alloggiati in strutture di ricerca ogni anno (qui).

Nel loro articolo, i ricercatori PETA non includevano una figura per l'utilizzo generale degli animali da laboratorio. Così ho inviato una e-mail al Dr. Alka Chandna, uno degli autori dello studio, e ho chiesto se il team fosse in grado di stimare il numero totale di animali coinvolti nella ricerca ogni anno negli Stati Uniti. Infatti lo erano. Secondo le statistiche del governo pubblicate, nel 2013 sono stati utilizzati 1.038.976 animali nelle specie coperte dalla legge sul benessere degli animali, ma questi rappresentano solo l'1,2% totale perché la maggior parte degli animali non rientra nell'AWA. Estrapolando, Alka, che ha un dottorato di ricerca. nella matematica applicata, proiettava il numero totale di animali ospitati nei laboratori per circa 86 milioni – su quanto stimato da Larry Carbone.

Graph by Hal Herzog
Fonte: grafico di Hal Herzog

Qual è la verità?

Quanti animali vengono utilizzati ogni anno negli Stati Uniti per la ricerca: 13 milioni, 25 milioni o 86 milioni? Sospetto che la stima di PETA sia la più vicina alla verità.

Non sono un attivista per i diritti degli animali e sostengo la sperimentazione su specie non umane. Ma trovo la dichiarazione del Congresso secondo cui ratti, topi e uccelli non sono animali per essere bizzarri, inutili e persino moralmente offensivi. L'esclusione ratti / topi / uccelli intenzionalmente offusca il vero numero di animali utilizzati nella ricerca. E dà credito alle affermazioni dei gruppi per i diritti degli animali che le istituzioni di ricerca hanno qualcosa da nascondere.

Gli Stati Uniti sono l'unico paese in cui i politici hanno ufficialmente decretato che ratti, topi e uccelli non sono animali. Persino gli scienziati trovano imbarazzante questo stato di cose. Con il sostegno della National Science Foundation, lo psicologo sociale Scott Plous e io abbiamo condotto un'indagine sui ricercatori biomedici. Abbiamo scoperto che la maggior parte degli scienziati che si occupano di assistenza agli animali universitari e utilizzano le commissioni di supervisione (IACUC) vogliono vedere queste creature coperte dall'atto (qui). Dopotutto, perché i cavie e i criceti ospitati nei laboratori dovrebbero avere diritto alla posizione legale ma non ai topi?

Ecco la linea di fondo: è il momento per il Congresso di emendare l'Animal Welfare Act e ripristinare ratti, topi e uccelli al loro posto come membri legittimi del regno animale.

Per ulteriori informazioni su questioni etiche relative all'uso di animali nella ricerca, consultare questo articolo su Animali e noi: Il paradosso della ricerca sugli animali.

* * * * *

Hal Herzog è professore di psicologia alla Western Carolina University e autore di Some We Love, Some We Hate, Some We Eat: Perché è così difficile pensare dritto agli animali .

Per seguirmi su Twitter, clicca qui.

Solutions Collecting From Web of "Il Congresso dovrebbe dichiarare che i topi sono animali – Ora!"